Raffaello la vita e le opere

La vita e le opere di Raffaello uno degli artisti più noti del Rinascimento definito come il maestro della grazia e dell’equilibrio.

Pagina aggiornata il: 25 novembre 2020. Torna a visitarci e troverai nuovi contenuti.

Biografia

Nascita di Raffaello Sanzio

1483. Raffaello Sanzio nacque a Urbino il 28 marzo o il 6 aprile 1483.

La formazione di artista

Il padre di Raffaello Sanzio, Giovanni de’ Santi, si occupò della prima formazione artistica del figlio. Giovanni infatti era a capo di una bottega che serviva l’aristocrazia del posto e la famiglia del Duca. Inoltre l’artista era a conoscenza del lavoro degli artisti a lui contemporanei che operavano nel territorio italico ed europeo. Nella bottega paterna Raffaello apprese l’uso delle principali tecniche artistiche, del disegno e dell’affresco.

Lo stile di Raffaello Sanzio

Raffaello Sanzio è considerato uno dei più importanti artisti della cultura occidentale. Inoltre fu tra i principali esponenti della pittura del Rinascimento.

Influenze stilistiche da altri artisti del passato

Raffaello trascorse la sua giovinezza a Urbino che era al tempo un centro di produzione artistica molto importante. Grazie al padre, Giovanni de’ Santi, il giovane artista ebbe accesso al Palazzo Ducale nel quale erano conservate molte opere di grandi autori. Raffaello ebbe così modo di studiare le opere di molti artisti tra i quali Antonio del Pollaiolo, Francesco di Giorgio Martini, Luciano Laurana, Melozzo da Forlì, Piero della Francesca, Pedro Berruguete e Giusto di Gand.

Le opere

Madonna Solly di Raffaello

Madonna Solly di Raffaello
Madonna Solly

1500-1504. La Madonna Solly si trova alla Gemäldegalerie di Berlino. Edward Solly, banchiere inglese e collezionista fu il proprietario di questo dipinto al quale diede quindi il nome. Sulla spalla della vergine compare una stella dorata. Inoltre il libro che legge fa riferimento alle sacre scritture che anticipano il sacrificio di Gesù. Vai alla scheda.

San Sebastiano di Raffaello

San Sebastiano di Raffaello
San Sebastiano

1501-1502 circa. Questa interpretazione di San Sebastiano di Raffaello ritrae il Santo vestito. Infatti tradizionalmente Sebastiano è raffigurato durante il martirio, nudo, legato ad un tronco e trafitto da numerose frecce. In questo dipinto il Santo è sereno e mostra una freccia che simboleggia il suo sacrificio. Vai alla scheda.

Resurrezione di Cristo

Resurrezione di Raffaello
Resurrezione

1501-1502 circa. Cristo si libera dal sepolcro e resuscita affiancato dagli angeli. In basso i soldati che sorvegliano il sepolcro fuggono spaventati. Intanto sul fondo giungono le pie donne per visitare la tomba di Cristo. Nel dipinto sono presenti un serpente e un airone che rappresentano precisi significati iconologici. Vai alla scheda.

Pala degli Oddi di Raffaello

Incoronazione della Vergine di Raffaello
Incoronazione della Vergine

1502-1503. La Pala degli Oddi risale al 1502-1503. È ora smembrata e le diverse tavole si trovano in musei diversi. La tavola centrale è esposta a Città del Vaticano presso la Pinacoteca Vaticana.

Incoronazione della Vergine di Raffaello

Incoronazione della Vergine di Raffaello
Incoronazione della Vergine

1502-1503. L’incoronazione della Vergine è la tavola centrale della Pala Oddi dipinta dall’artista intorno al 1502-1503. Il dipinto è un olio su tavola ora trasportato su tela e misura 267×163 cm. L’opera è custodita a Città del Vaticano presso la Pinacoteca Vaticana.

Annunciazione di Raffaello Sanzio

Annunciazione di Raffaello
Annunciazione

1502-1503. L’Annunciazione della Pala Oddi è un dipinto del 1502-1503 realizzato con velature di colore ad olio su tavola. La tavoletta di modeste dimensioni, 27×150 cm, è parte della predella. Si trova a Città del Vaticano esposta alla Pinacoteca Vaticana.

Adorazione dei Magi di Raffaello

Adorazione dei Magi di Raffaello
Adorazione dei Magi

1500-1504. L’artista dipinse l’Adorazione dei Magi intorno al 1500-1504 come le altre parti della Pala degli Oddi. È un piccolo dipinto di 27 x 187 cm. che si trova a Città del Vaticano nella Pinacoteca Vaticana.

Presentazione di Gesù al tempio

Presentazione di Gesù al tempio di Raffaello
Presentazione di Gesù al tempio

1502-1503. La Presentazione di Gesù al tempio risale al 1502-1503 ed è un dipinto realizzato con tempera grassa o velature di colore ad olio su una tavola di 27 x 150 cm. L’opera si trova a Città del Vaticano esposta alla Pinacoteca Vaticana.

Tre Grazie di Raffaello

Tre Grazie di Raffaello
Tre Grazie

1503-1504 circa. Tre Grazie, 1503-1504 circa, olio su tavola, 17 x 17 cm, Chantilly, Musée Condé

La visione del cavaliere

La visione del cavaliere di Raffaello
La visione del cavaliere

1503-1504 circa. La Visione del cavaliere è un dipinto allegorico di non chiara interpretazione. Le due donne rappresentano il bene spirituale e il piacere materiale. Il riferimento del soggetto è il poema di Silio Italico Punica ripreso da Poggio Bracciolini nel 1417. Vai alla scheda.

La Pala Colonna di Raffaello

Madonna col Bambino in trono e cinque santi di Raffaello della Pala Colonna
Madonna col Bambino in trono e cinque santidella Pala Colonna

1503 – 1505. La Pala Colonna è ormai smembrata e le sue tavole sono distribuite in vari musei del mondo. Alcune di esse inoltre sono sicuramente state individuate. Altre invece sono solamente ipotizzate come parte della predella. Vai alla scheda.

Madonna col Bambino in trono e cinque santi

Madonna col Bambino in trono e cinque santi di Raffaello della Pala Colonna
Madonna col Bambino in trono e cinque santidella Pala Colonna

1503 – 1505. La col Bambino in trono e cinque santi risale al 1503 – 1505. È olio su tavola di 169 x 169,5 cm e si trova a New York al Metropolitan Museum of Art.

Eterno fra due angeli

Eterno fra due angeli di Raffaello della Pala Colonna
Eterno fra due angeli della Pala Colonna

1503 – 1505. Eterno fra due angeli è la lunetta della Pala Colonna. È una tavola dipinta ad olio di 73 x 168 cm. Si trova a New York al Metropolitan Museum of Art insieme alla Madonna col Bambino in trono e cinque santi.

San Francesco d’Assisi

San Francesco d'Assisi di Raffaello della Pala Colonna
San Francesco d’Assisi della Pala Colonna

1503 – 1505. La figura di San Francesco d’Assisi è dipinta su una piccola tavola di 25.8 x 16.8 cm. Si trova a Dulwich alla Dulwich Picture Gallery.

Orazione nell’orto Pietà

Orazione nell'orto di Raffaello della Pala Colonna
Orazione nell’orto della Pala Colonna

1503 – 1505. L’Orazione nell’orto è una tavola di 24 x 28 cm che fa parte della predella della Pala Colonna. È custodita a New York presso il Metropolitan Museum of Art.

Processione al Calvario

Processione al Calvario di Raffaello
Processione al Calvario

1503 – 1505. La Processione al Calvario, National Gallery del 1503-1505 circa è un olio su tavola di 23 × 85 cm. È custodita a Londra presso la National Gallery.

Pietà

Pietà di Raffaello della Pala Colonna
Pietà della Pala Colonna

1503 – 1505. La Pietà è un dipinto ad olio su tavola di 24 x 28 cm che si trova a Boston presso l’Isabella Stewart Gardner Museum.

Sant’Antonio da Padova

Sant'Antonio da Padova di Raffaello della Pala Colonna
Sant’Antonio da Padova della Pala Colonna

1503 – 1505. Il Sant’Antonio da Padova è una tavoletta di 25.7 x 16.4 cm che faceva parte della predella della Pala Colonna. Si trova ora a Dulwich presso la Dulwich Picture Gallery con la gemella dedicata a San Francesco d’Assisi.

Sposalizio della Vergine di Raffaello

Sposalizio della Vergine di Raffaello
Sposalizio della Vergine

1504. L’artista realizzò il noto dipinto intitolato Lo Sposalizio della Vergine nel 1504. L’opera è dipinta con velature di colore ad olio su una tavola di 170 × 118 Madonna col Bambino in trono e cinque santi. Il capolavoro di Raffaello si può ammirare a Milano presso la Pinacoteca di Brera.

Madonna Connestabile

Madonna Connestabile di Raffaello
Madonna Connestabile

1504 circa. Madonna Connestabile, 1504 circa, olio tavola traspostato su tela, diam. 17,9 cm, San Pietroburgo, Museo dell’Ermitage

Madonna del Granduca

Madonna del Granduca di Raffaello
Madonna del Granduca

1504 circa. Madonna del Granduca, 1506-1507, olio su tavola, cm 84,4 x 55,9. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

Pala degli Ansidei

Pala degli Ansidei di Raffaello
Pala degli Ansidei

La Pala degli Ansidei, 1504, olio su tavola di pioppo, cm 215 x 148. Londra, National Gallery

San Giorgio e il drago

San Giorgio e il drago di Raffaello
San Giorgio e il drago

1505 circa. San Giorgio e il drago, 1504, olio su tela, cm 32 x 27. Parigi, museo del Louvre

Dama col liocorno

Dama con liocorno di Raffaello
Dama con liocorno

1505-1506. Dama con liocorno, 1505-1506 circa, olio su tavola, 65 x 51 cm. Roma, Galleria Borghese

Il ritratto di Agnolo Doni

Il ritratto di Agnolo Doni di Raffaello
Il ritratto di Agnolo Doni

1506. Agnolo Doni, 1506 ca, olio su tavola, cm 65 x 45,8. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

Il Ritratto di Maddalena Strozzi

Il Ritratto di Maddalena Strozzi di Raffaello Sanzio
Il Ritratto di Maddalena Strozzi

1506. Ritratto di Maddalena Strozzi Doni, 1506 ca, olio su tavola, cm 65 x 45,8. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

Madonna del Belvedere

Madonna del Belvedere di Raffaello
Madonna del Belvedere

1506. La Madonna del Belvedere, 1505 – 1506, olio su tavola, 113 x 88 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum

Madonna dei Garofani

Madonna dei Garofani di Raffaello
Madonna dei Garofani

1506-1507 circa. La Madonna dei Garofani, 1506-1507 circa, olio su tavola di tasso, 27,9 x 22,4 cm, Londra, National Gallery

Madonna col bambino e San Giovannino Bella giardiniera (Belle Jardinière)

Madonna col bambino e San Giovannino (Belle Jardinière) di Raffaello Sanzio
Madonna col bambino e San Giovannino (Belle Jardinière)

1507. La Madonna col bambino e San Giovannino, 1507, olio su tavola, cm 182 x 80. Parigi, Musée du Louvre

Madonna del cardellino

Madonna del cardellino di Raffaello
Madonna del cardellino

1507. Madonna col Bambino e San Giovannino detta “Madonna del Cardellino”, 1506, olio su tavola, cm 107 X 77. Firenze, Galleria degli Uffizi

Sacra Famiglia Canigiani

Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello
Sacra Famiglia Canigiani

1507. Sacra Famiglia Canigiani, 1507, olio su tavola, 131 x 107 cm, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek

Santa Caterina d’Alessandria

Santa Caterina d'Alessandria di Raffaello
Santa Caterina d’Alessandria

1508. Santa Caterina d’Alessandria, 1508, olio su tela, cm 71 X 54. Londra, National Gallery

Stanza della Segnatura

Stanza della Segnatura di Raffaello
Stanza della Segnatura

1508-1511. Stanza della Segnatura, 1508-1511, ciclo di affreschi, Città del Vaticano, Musei Vaticani Volta, 1508

Volta della Stanza della Segnatura

Stanza della Segnatura di Raffaello
Stanza della Segnatura

1508. La volta della Stanza della Segnatura su probabilmente la prima parte della decorazione realizzata dal giovane artista all’età di circa 25 anni. Al suo interno vi sono diverse personificazioni dipinte contro un fondo che riproduce la tecnica del mosaico. La scheda.

Primo moto

Primo moto di Raffaello
Primo moto

1808. Il dipinto si trova sulla volta della Stanza della Segnatura dei Musei Vaticani. Il fondo, come gli altri dipinti della decorazione, simula un mosaico. Invece la figura femminile è il simbolo dell’Astronomia. Infatti in basso la terra si trova al centro del cielo configurato nel giorno in cui divenne Papa Giulio II Della Rovere. La scheda

Giudizio di Salomone

Giudizio di Salomone di Raffaello
Giudizio di Salomone

1508. Questo affresco della volta della Stanza della Segnatura dei Musei Vaticani fu il secondo realizzato dall’artista. Re Salomone deve scoprire la vera madre dei neonati poiché due donne li rivendicano. Salomone utilizza così la sua proverbiale saggezza per scoprire la verità. La scheda.

Adamo ed Eva

Adamo ed Eva di Raffaello
Adamo ed Eva

1508. Anche questo dipinto si trova nella volta della Stanza della Segnatura dei Musei Vaticani. Si tratta della terza opera realizzata in ordine di tempo e alcuni storici pensano che il suo autore sia il Sodoma. Adamo ed Eva sono colti nel momento in cui disubbidiscono a Dio. I due compagni colgono il Frutto Proibito e compiono il Peccato Originale. La scheda dell’opera.

Apollo e Marsia

Apollo e Marsia di Raffaello
Apollo e Marsia

1508. L’affresco intitolato Apollo e Marsia rappresenta un drammatico episodio narrato dal mito classico. Il dio infatti accettò la sfida musicale proposta dal fauno che però fu sconfitto. Apollo allora ne ordinò lo scorticamento. L’opera si trova sulla volta della Stanza della Segnatura e fu probabilmente la quarta scena dipinta dal giovane artista. Vai alla scheda dell’opera.

Teologia

Teologia di Raffaello
Teologia

Raffaello, Teologia, 1508, affresco, diam. 180 cm. Città del Vaticano, Musei Vaticani

Giustizia

Giustizia di Raffaello
Giustizia

La Giustizia, 1508, affresco, diam. 180 cm. Città del Vaticano, Palazzi Vaticani, Stanza della Segnatura

Filosofia

Testo in preparazione

Poesia

Poesia di Raffaello
Poesia

Raffaello, Poesia, 1508, affresco, diam. 180 cm. Città del Vaticano, Musei Vaticani

Disputa del Sacramento

La Disputa del Santo Sacramento di Raffaello
La Disputa del Santo Sacramento

1509. Disputa del Santo Sacramento, 1509, affresco, 5 x 7,70 m circa. Città del Vaticano, Musei Vaticani, Stanza della Segnatura

Scuola di Atene

La Scuola di Atene di Raffaello Sanzio
La Scuola di Atene

1509-1511. Il Grande affresco fa parte della decorazione della Stanza della Segnatura. Raffaello ha creato una immagine senza tempo che ancora oggi è considerata il simbolo della cultura classica. Infatti sono presenti i grandi filosofi greci, scrittori e intellettuali. Le architetture sono riprodotte con rigorosa costruzione prospettica e si ispirano al mondo della classicità.

Parnaso

Il Parnaso di Raffaello
Il Parnaso

1510-1511. L’affresco intitolato il Parnaso si trova all’interno della Stanza della Segnatura. Al centro della scena compare Apollo che suona tra le muse. Nella parte inferiore e laterale invece sono raffigurati alcuni personaggi della cultura classica quali Omero, Saffo, Dante e Petrarca. Vai alla scheda.

Virtù e la Legge

Virtù e la Legge di Raffaello
Virtù e la Legge

1511. Virtù e la Legge, 1511, base 660 cm. Città del Vaticano, Musei Vaticani

Madonna Sistina

Madonna Sistina di Raffaello
Madonna Sistina

1513-1514 circa. Madonna Sistina, 1513 – 1514, olio su tela, 265 X 196 cm. Dresda, Gemaldegalerie

Madonna della seggiola

Madonna della seggiola di Raffaello
Madonna della seggiola

1514. Madonna della seggiola, 1514, olio su tavola, diametro cm 71. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

Ritratto di Baldassarre Castiglione

Ritratto di Baldassarre Castiglione di Raffaello
Ritratto di Baldassarre Castiglione

1514-1515 circa. Raffaello Sanzio, Ritratto di Baldassarre Castiglione, 1515-1516, olio su tavola trasportato su tela, cm 75 x 65. Parigi, Musée du Louvre

La velata

La Velata di Raffaello Sanzio
La Velata

1516 circa. La Velata, 1512-1515 circa, olio su tavola, 85 x 64 cm. Firenze, Galleria Palatina

Madonna del divino amore

Madonna del Divino amore di Raffaello
Madonna del Divino amore

Divino amore di Raffaello, 1516 circa, olio su tavola, 140 x 109 cm, Napoli, Museo di Capodimonte

Papa Leone X con i cardinali Luigi De Rossi e Giulio de’ Medici

Papa Leone X con i cardinali Luigi De Rossi e Giulio de' Medici di Raffaello Sanzio
Papa Leone X con i cardinali Luigi De Rossi e Giulio de’ Medici

1518-1519. Raffaello, Leone X con i Cardinali Luigi De Rossi e Giulio de’ Medici. 1517-1518. Firenze Galleria degli Uffizi

Ritratto di cardinale

Ritratto di Cardinale di Raffaello
Ritratto di Cardinale

1510-1511 circa. Raffaello, Ritratto di cardinale, 1509-1510, olio su tavola, cm 79 X 61. Madrid, Museo del Prado

Madonna della Rosa

La Madonna della Rosa di Raffaello
La Madonna della Rosa

1518. Raffaello, Madonna della Rosa, 1518, olio su tela, 103 x 84 cm, Madrid, Museo del Prado

La Perla di Modena

Perla di Modena di Raffaello
Perla di Modena

Raffaello, Perla di Modena, 1518-1520 circa, olio su tavola, 34,5 x 29,6 cm. Modena, Galleria Estense

La Fornarina

La Fornarina di Raffaello
La Fornarina

1520 circa. Raffaello, La Fornarina, 1520 circa, olio su tavola, 85 x 60 cm, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini

Trasfigurazione

Trasfigurazione di Raffaello
Trasfigurazione

1518-1520. La Trasfigurazione è considerata l’ultima opera di Raffaello. Si tratta di una composizione complessa e monumentale dalla impressionante resa spettacolare. I suoi allievi esposero questo dipinto nella camera dell’artista in occasione della sua morte. Giulio Romano probabilmente completò la grande opera successivamente. Vai alla scheda analitica.

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975
  • Sylvia Ferino Pagden, M. Antonietta Zancan, Raffaello. Catalogo completo, Firenze 1989.
  • John Shearman, Studi su Raffaello, edizione italiana a cura di Barbara Agosti e Vittoria Romani, Electa, Milano 2007
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Mario Dal Bello, Raffaello. Le madonne, Libreria Editrice Vaticana, 2012, EAN: 9788820987237
  • Antonio Forcellino, Raffaello. Una vita felice, 2 luglio 2009, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842087472
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro, Quodlibet 2013
  • Claudio Strinati, Raffaello, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2016, EAN: 9788809994218
  • Claudio Strinati, Raffaello. Ediz. a colori, 2016, Scripta Maneant, EAN: 9788895847498

Link esterni

Consulta la pagina dedicata a Leone X con i cardinali Luigi De Rossi e Giulio de’ Medici di Raffaello sul sito della Galleria degli Uffizi.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci