Cavallo e arte, immagini e sculture nel tempo

Grandi cavalli azzurri di Franz Marc

Cavallo e arte è un binomio molto frequente in dipinti e sculture perché l’animale ha affiancato l’uomo fin dall’origine delle prime civiltà.

La preistoria

Le prime rappresentazioni di cavalli in corsa le troviamo sulle pareti di roccia della Grotta di Lescaux, in Francia. Si tratta di immagini realizzate nel Paleolitico superiore, risalenti quindi a circa 17.500 anni fa. Ora sono patrimonio dell’umanita e tutelate dall’UNESCO. Tra le oltre 6000 figure vi sono gruppi di animali, figure umane e segni astratti. Tra questi 364 sono riconoscibili come equini dipinti utilizzando colori minerali. Gli artisti preistorici non inserirono particolari ambientali ma dipinsero gli animali utilizzando come sfondo la superficie della roccia. Come sempre è accaduto nella storia dell’arte l’artista ha raffigurato un soggetto perché importante per se o per il gruppo sociale. I cavalli nel caso dell’uomo preistorico erano quindi forse una fonte alimentare come gli altri erbivori rappresentati.

Consulta il sito ufficiale delle Grotte di Lescaux

Cavallo e arte nella civiltà greca

Gli artisti greci affrontarono la raffigurazione del cavallo con lo stesso criterio utilizzato per la figura umana. Le statue che raffigurano questi animali sono quindi precise raffigurazioni anatomiche del loro corpo. Per i greci il cavallo rappresenta l’insostituibile mezzo di trasporto via terra per merci e per gli eserciti. Questo animale diventa così un elemento indispensabile nella quotidianità delle polis e della sua economia.

Le rappresentazioni del cavallo sono rintracciabili soprattutto nelle opere di pittura vascolare. Inoltre il mito del Cavallo di Troia sottolinea la sua importanza simbolica. Infatti per convincere i troiani a compiere un passo falso gli Achei costruirono una enorme statua in legno raffigurante un cavallo. Al suo interno si nascose poi un gruppo di soldati che una volta introdotti nella città aprì le porte all’esercito invasore. Solo il sacerdote Laocoonte si oppose e perse la vita insieme ai suoi figli, divorati da un mostruoso serpente marino. Infine pensiamo alla figura mitologica del Centauro che sul corpo del cavallo porta il busto di un essere umano.

Consulta alcune opere con tema Cavallo e arte