Madonna del Divino amore di Raffaello

La Madonna del Divino amore di Raffaello prese il titolo da una pubblicazione tedesca nella quale vi era una litografia dell’opera.

Raffaello, Divino amore di Raffaello, 1516 circa, olio su tavola, 140 x 109 cm, Napoli, Museo di Capodimonte

Descrizione de la Madonna del Divino amore di Raffaello

La Vergine siede a sinistra contro una parete in stile classicheggiante. Tiene sulle gambe Gesù Bambino che si rivolge a San Giovannino. Il piccolo Santo infatti si trova a sinistra e porge la croce astile a Gesù. Dietro le tre figure compare poi Sant’Elisabetta. Sullo sfondo, appena percepibile, si trova San Giuseppe. Il Santo è in posizione eretta contro una finestra oltre la quale si intravede un paesaggio.

Interpretazione e significati iconografici de la Madonna del Divino Amore di Raffaello

Il dipinto deriva dal modello iconografico della “Sacra Famiglia con Santa Elisabetta e San Giovannino“. San Giovannino porge la croce astile a Gesù anticipando il suo sacrificio futuro.

Il titolo di questo dipinto risale al 1824. In questa data infatti Friedrich Rehberg pubblicò una litografia che riproduceva la Madonna di Raffaello nel suo Rafael Sanzio aus Urbino. In seguito Longhena la tradusse in italiano nel titolo che porta ancora oggi.

La riproduzione tramite incisioni calcografiche è stato per secoli l’unico modo per diffondere la conoscenza delle opere d’arte prima dell’invenzione della fotografia.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

La committenza e la storia espositiva

Secondo Giorgio Vasari il dipinto fu realizzato per Leonello Pio da Carpi, signore di Meldola. Alessandro Farnese il Giovane la acquistò poi nel 1564. L’opera è custodita presso il Museo Nazionale di Capodimonte a Napoli e fa parte della Collezione Farnese.

La storia della Madonna del Divino amore

La Madonna del Divino amore risale al 1518 anno nel quale Raffaello aveva circa 35 anni. Gli storici hanno datato l’opera in seguito al confronto con altre Madonne di Raffaello. Gli studiosi attribuirono sicuramente il dipinto in seguito ad approfonditi studi realizzati nel 2015.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de La Madonna del Divino amore di Raffaello

Raffaello dipinse questa Madonna utilizzando velature di colore ad olio su una tavola di legno di 140×109 cm.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto di Raffaello ha forma rettangolare sviluppata in verticale. Il modello compositivo piramidale del gruppo in primo piano si ritrova anche ne La Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello.

Madonna col Bambino e santi di Agnolo Bronzino

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975
  • Sylvia Ferino Pagden, M. Antonietta Zancan, Raffaello. Catalogo completo, Firenze 1989.
  • John Shearman, Studi su Raffaello, edizione italiana a cura di Barbara Agosti e Vittoria Romani, Electa, Milano 2007
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Mario Dal Bello, Raffaello. Le madonne, Libreria Editrice Vaticana, 2012, EAN: 9788820987237
  • Antonio Forcellino, Raffaello. Una vita felice, 2 luglio 2009, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842087472
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro, Quodlibet 2013
  • Claudio Strinati, Raffaello, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2016, EAN: 9788809994218
  • Claudio Strinati, Raffaello. Ediz. a colori, 2016, Scripta Maneant, EAN: 9788895847498

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 19 febbraio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Raffaello intitolate:

Le Madonne di Raffaello

Pala degli Oddi 1502-1503

La Pala Colonna 1503 – 1505

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Raffaello, Divino amore di Raffaello, sul sito del Museo di Capodimonte di Napoli.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera