Dama con liocorno di Raffaello

Dama con liocorno di Raffaello è un ritratto fantastico che nell’impostazione compositiva ricorda la Gioconda di Leonardo.

Raffaello Sanzio, Dama con liocorno, 1505-1506 circa, olio su tavola, 65 x 51 cm. Roma, Galleria Borghese

Descrizione della Dama con liocorno di Raffaello

La Dama con liocorno è ritratta al centro del dipinto e assume una posizione di tre quarti. La protagonista è orientata a sinistra mentre lo sguardo è rivolto a destra. Il suo viso inoltre appare giovanile e regolare. I lunghi capelli biondi sono poi raccolti da un’acconciatura che scende dietro la schiena. L’abito presenta un ampio decolleté sul quale si nota una collana preziosa, decorata con un grande rubino quadrato e una perla bianca. Infine l’abito elegante dalla vita molto stretta è impreziosito da ampie maniche rosse. Infine un piccolo unicorno è accucciato tra le mani della dama in prossimità dell’angolo in basso di sinistra.

La Dama con liocorno di Raffaello è esposta presso la Galleria Borghese di Roma.

Raffaello realizzò questo celebre ritratto nel 1505 – 1506 circa all’età di 22 anni. Il dipinto è uno dei primi ritratti fiorentini realizzati dall’artista.

Analisi della Dama con liocorno di Raffaello

Raffaello Sanzio fu un artista molto celebrato già al suo tempo e fu uno dei più importanti del Rinascimento italiano. Fu inoltre un artista elegante e raffinato che incarna il perfetto intellettuale cortigiano dell’epoca. Questa caratteristica si riflette anche nel suo stile considerato un esempio di equilibrio, armonia compositiva e bellezza ideale. Per questo Raffaello fu considerato un modello in tutte le accademie di Belle Arti fino a metà dell’800. In questo dipinto si colgono le influenze giovanili di Piero della Francesca.

La Dama con il liocorno di Raffaello è una tavola di 65 x 51 cm dipinta con colori ad olio in velatura.

In primo piano e nell’architettura che fa da sfondo al ritratto prevalgono tonalità calde. Invece il paesaggio che si intravede oltre il parapetto è di intonazione fredda. Nel ritratto inoltre domina sugli altri colori il rosso del gioiello della dama e del tessuto delle sue ampie maniche. I colori inoltre sono chiari come le ombre.

Lo schema compositivo di questo ritratto ricorda la Gioconda di Leonardo.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975
  • Sylvia Ferino Pagden, M. Antonietta Zancan, Raffaello. Catalogo completo, Firenze 1989.
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Antonio Forcellino, Raffaello. Una vita felice, 2 luglio 2009, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842087472
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro, Quodlibet 2013
  • Claudio Strinati, Raffaello, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2016, EAN: 9788809994218
  • Claudio Strinati, Raffaello. Ediz. a colori, 2016, Scripta Maneant, EAN: 9788895847498

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 21 dicembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Raffaello intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Raffaello Sanzio, Dama col liocorno, sul sito della Galleria Borghese di Roma