Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello

La Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello presenta una composizione piramidale che la avvicina alle opere di Leonardo.

Raffaello Sanzio, Sacra Famiglia Canigiani, 1507, olio su tavola, 131 x 107 cm, Monaco di Baviera, Alte Pinakothek

Descrizione della Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello

San Giuseppe appoggiato al suo bastone è in piedi dietro alle due donne. Infatti Sant’Elisabetta e Maria sono sedute sul prato. In primo piano poi giocano San Giovannino e Gesù. Il paesaggio che fa da sfondo è sereno e aperto. Verso il fondo trovano posto centri abitati e all’orizzonte una linea di montagne. Sullo scollo della veste di Maria è leggibile la firma del maestro: “RAPHAEL URBINAS.

La Sacra Famiglia è un tema cristiano molto rappresentato dalla cultura figurativa ufficiale. Infatti la rappresentazione di Maria, Giuseppe e Gesù Bambino era di invito al fedele per costituire una regolare famiglia umana.

La Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello è custodita presso l’Alte Pinakothek di Monaco di Baviera. Secondo la datazione degli storici la Sacra Famiglia Canigiani risale al 1507 quando Raffaello aveva circa 24 anni.

I signori del Rinascimento apprezzarono molto Raffaello anche per i suoi modi colti e raffinati che caratterizzavano il perfetto cortigiano dell’epoca. L’artista è considerato il genio dell’armonia perché seppe dare unità al dipinto armonizzando figura e ambiente. Inoltre le sue Madonne e le sue scene religiose esprimono una grazia e un eleganza formale mai raggiunte prima. La sua pittura fu ripresa dai suoi allievi che portarono così avanti la “maniera di Raffaello”. Inoltre la fama dell’artista crebbe nel tempo e le sue opere furono di esempio per gli studenti delle Accademie di Belle Arti fino alla età dell’Ottocento.

La Sacra Famiglia Canigiani di Raffaello è una tavola il 131 x 107 cm dipinta con colori ad olio stesi in velature trasparenti.

L’opera di Raffaello è di forma rettangolare e inquadratura verticale. Nel dipinto è evidente la struttura compositiva a piramide che comprende le figure dei protagonisti. Inoltre i visi di Giuseppe e di Gesù Bambino sono allineati sulla verticale centrale del dipinto.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975
  • Sylvia Ferino Pagden, M. Antonietta Zancan, Raffaello. Catalogo completo, Firenze 1989.
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Antonio Forcellino, Raffaello. Una vita felice, 2 luglio 2009, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842087472
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro, Quodlibet 2013
  • Claudio Strinati, Raffaello, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2016, EAN: 9788809994218
  • Claudio Strinati, Raffaello. Ediz. a colori, 2016, Scripta Maneant, EAN: 9788895847498

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 23 dicembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Raffaello intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Raffaello Sanzio, Sacra Famiglia Canigiani, sul sito dell’Alte Pinakothek di Monaco di Baviera.