Achille Emperaire di Paul Cézanne

Achille Emperaire di Paul Cézanne è il ritratto di un artista, amico di gioventù di Cézanne che dipinse solamente poche opere.

Paul Cézanne, Achille Emperaire, 1867-1868, olio su tela, 200 x 120 cm. Parigi, museé d’Orsay

Indice

Descrizione di Achille Emperaire di Paul Cézanne

Achille Emperaire siede frontalmente su una poltroncina, rivestita da un tessuto chiaro e decorato e con un alto schienale. Il giovane pittore assume una posa statica, evidenziata dalla disposizione delle gambe, rigidamente avvicinate e dall’aspetro gracile. Il lungo cappotto blu copre gran parte del corpo e lascia scoperte solo le esili gambe. La testa del protagonista inoltre ha un aspetto sovradimensionato e sviluppato lateralmente dai capelli che incorniciano i lati del viso. Emperaire ha la testa leggermente inclinata e mostra un’espressione di serena malinconia.

Interpretazioni e simbologia di Achille Emperaire di Paul Cézanne

Il pittore Achille Emperaire nacque a Aix en Provence come Cézanne. Rispetto a Cézanne, però era più anziano di dieci anni. I due artisti si conobbero intorno agli inizi degli anni Sessanta dell’Ottocento nello studio di Charles Suisse. In seguito, Emperaire e Cézanne rimasero in stretto contatto di amicizia per quasi dieci anni. Sfortunatamente Emperaire morì prematuramente e di lui rimangono poche opere. Degli anni trascorsi insieme, Cézanne ricordò con affetto le discussioni e descrisse il compagno in arte come un gran esperto della pittura Veneta.

Il ritratto di Achille Emperaire dipinto da Paul Cézanne descrive l’aspetto malato e deforme del giovane pittore. Però, Cézanne interpretò l’infermità dell’amico come una condizione originale, trasformando la figura in un monumento pittorico. In qualche modo Cézanne volle ricordare il celebre ritratto di Ingres intitolato Napoleone Primo sul trono imperiale. La figura di Napoleone, infatti, è evocata dalla posa del pittore, dalla frontalità e dalla scritta che compare sul dipinto. Inoltre Cézanne giocò sul cognome Emperaire che si avvicina al termine Empereur, che in francese significa Imperatore. Il dipinto si rivela così come un affertuoso e giocoso omaggio di Paul Cézanne allo sfortunato amico artista.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il ritratto di Achille Emperaire di Paul Cézanne si trova a Parigi, conservato presso il museé d’Orsay.

L’artista e la società. La storia dell’opera Achille Emperaire di Paul Cézanne

Paul Cézanne dipinse il ritratto dell’amico Achille Emperaire intorno agli anni 1867-1868. Secondo il ricordo di un commentatore dell’epoca, Cézanne realizzò due disegni a carboncino prima di dipingere il ritratto di Achille. Il testimone inoltre, descrisse il ritratto di Emperaire come una “magnifica testa di cavaliere, alla Van Dyck” dove vibrano “un animo focoso, nervi d’acciao, un orgoglio di ferro in un corpo deforme […], mezzo Don Chisciotte e mezzo Prometeo“.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Achille Emperaire di Paul Cézanne

Il ritratto dipinto da Cézanne in onore dell’amico non presenta le caratteristiche delle opere più mature dell’artista. Infatti, la figura di Emperaire presenta alcune reminiscenze del realismo di Courbet o di Manet, arricchite da una descrizione romantica del personaggio.

La tecnica

Il ritratto di Achille Emperaire è un olio a impasto su tela di 200 centimetri di altezza e 120 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

Il ritratto di Emperaire presenta uno sfondo bidimensionale e molto scuro che mette in evidenza la figura del protagonista colorata con toni accesi. Infatti gli abiti del giovane pittore sono rossi e blu, due primari dal carattere brillante. Il resto della figura, invece è colorato con tinte grigie come l’incarnato. Infine, il tessuto che ricopre la poltroncina è molto chiaro e ritaglia ulteriormente la figura dell’amico di Cézanne.

Una luce artificiale e fredda illumina frontalmente la figura di Emperaire. Si può osservare infatti sul pavimento una zona illuminata più chiara ai piedi dell’artista.

Lo spazio

La figura frontale di Emperaire, nella parte alta, si appiattisce contro la spalliera e sembra integrarsi bidimensionalmente con il tessuto. In basso, invece, la prospettiva che descrive lo scalino in legno sul quale il pittore poggia i piedi, suggerisce l’impressione di profondità. Grazie a questo espediente compositivo, l’ossevatore ha l’impressione di condividere lo spazio del ritratto.

La composizione e l’inquadratura

Il ritratto è di forma rettangolare, sviluppato in verticale. L’inquadratura, di taglio classico, dispone una parte di sfondo intorno alla figura di Emperaire sufficiente a isolarla, monumentalmente, dall’ambiente.

Articolo correlato

Omaggio a Cézanne di Maurice Denis

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Marisa Vescovo, Cézanne. Ediz. illustrata, 22 dicembre 1998, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN: 9788809761711
  • C. Pescio, Cézanne. Vita d’artista, 22 febbraio 2006, Giunti Editore Collana: Vita d’artista, EAN: 9788809045163
  • Cézanne, 12 giugno 2007, Mondadori Electa, Collana: Arte. Grandi monografie, EAN: 9788837046972
  • Maria Teresa Benedetti, Cézanne, Giunti, Collana Vita d’artista, 2006;2009, ISBN 8809045165

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 24 febbraio 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Paul Cézanne intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Paul Cézanne

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Paul Cézanne, Achille Emperaire, sul sito del museé d’Orsay di Parigi.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content