Autoritratto con berretto di Paul Cézanne

Autoritratto con berretto è un dipinto nel quale Paul Cézanne si raffigura con un berretto a visiera e il corpo avvolto da un pesante cappotto scuro.

Paul Cézanne, Autoritratto con berretto, 1872-1875, olio su tela, 53×39,7 cm . San Pietroburgo, Hermitage

Descrizione

Nel dipinto intitolato Autoritratto con berretto, Paul Cézanne si raffigura rivolto a sinistra. Lo sguardo è perso in tale direzione e il volto è incorniciato da una folta barba scura. Anche i capelli sono lunghi e fuoriescono dal berretto con la visiera. Rimangono scoperte solo le orecchie e una limitata parte del volto. L’artista indossa un pesante cappotto scuro. Sullo sfondo, a sinistra è raffigurata una parete mentre a destra si intravede un paesaggio verdeggiante.

Interpretazioni e simbologia

L’autoritratto con berretto restituisce un Cézanne più anziano della sua età anagrafica. Questa caratteristica si ritrova in molti dei suoi autoritratti. Probabilmente tale interpretazione di sé è dovuta, anche, al carattere chiuso e riservato dell’artista. Infatti Cézanne era solito vivere in solitudine e in uno stato di perenne tensione emotiva.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

Autoritratto con berretto di Paul Cézanne fu, in origine, di proprietà di Ivan Morozov. Fu, poi, trasferito presso lo State Museum of New Western Art di Mosca. Infine, nel 1930, fu acquisito dal Museo dell’Hermitage di San Pietroburgo.

La storia dell’opera


Nel 1873 Paul Cézanne, insieme alla famiglia, lasciò Pontoise e si trasferì a Auverse-sur-Oise. Rimase presso questa località dove dipinse anche La casa dell’impiccato. Nel 1874 tornò a Parigi per partecipare alla prima mostra degli Impressionisti. L’artista lavorò en-plain-air con Pissarro conosciuto a Pontoise nel 1872.

Consulta anche l’opera di Camille Pissarro intitolata: Donna nell’orto.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Autoritratto con berretto di Paul Cézanne

Nel dipinto Autoritratto con berretto, Cézanne dipinse con ampie pennellate, sulla figura e sullo sfondo. L’opera fu realizzata durante gli anni della sua adesione all’Impressionismo. Nonostante questo, si nota nel dipinto l’esigenza di costruire una maggiore plasticità dell’immagine. L’autoritratto richiama lo stile di Camille Pissarro. Infatti, nell’impianto compositivo si ritrova l’Autoritratto di Pissarro esposto presso il musée d’Orsay di Parigi.

Il colore e l’illuminazione

Autoritratto con berretto di Paul Cézanne è un dipinto dai toni freddi e scuri. Solo il viso dell’artista è di colore rosa e quindi caldo e chiaro. Il paesaggio è colorato con diverse tonalità di verde e pennellate blu.

Approfondisci con le altre opere di Paul Cézanne intitolate: La montagna Sainte-Victoire, Giocatori di carte, Il Ritratto di Ambroise Vollard, Donna con la caffettiera.

Lo spazio

Nel dipinto Autoritratto con berretto, Cézanne pone la sua immagine contro quello che pare l’incontro di due pareti. Lo spazio è, quindi, suggerito dalle due spesse linee a sinistra e in alto. La linea obliqua suggerisce la fuga della parete laterale che si incontra, dietro alla figura del maestro, con lo spigolo. A destra il paesaggio pare inquadrato da una finestra.

La composizione e l’inquadratura

L’autoritratto di Cézanne è verticale e il suo busto è dipinto al centro del quadro. Inoltre, l’immagine del maestro occupa quasi la totalità del dipinto. Il primo piano è riservato al ritratto mentre lo sfondo è difficilmente comprensibile. L’inquadratura incornicia, senza tagli, il volto di Cézanne.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Paul CézanneAutoritratto con berretto, sul sito dell’Hermitage  di San Pietroburgo.