La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi

La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi è una pagina che racconta la vita degli artisti francesi durante gli anni del conflitto del 1870.

Pagina aggiornata il: 17 agosto 2021. Torna a visitarci e troverai nuovi contenuti.

Contesto storico

La guerra franco-prussiana del 1870

Il conflitto Franco-Prussiano ebbe inizio il 19 luglio 1870 e si concluse il 10 maggio 1871 con la vittoria delle truppe prussiane. Il Trattato di Francoforte segnò così la caduta del Secondo Impero francese e nascita della Terza Repubblica francese.

L’assedio di Parigi

Un episodio particolarmente decisivo nella guerra franco-prussiana fu l’assedio di Parigi. Le truppe della confederazione tedesca del nord assediarono Parigi dal 19 settembre 1870 al 28 gennaio 1871. I soldati prussiani conquistarono poi la città portando alla sconfitta francese e alla proclamazione dell’Impero tedesco nella Galleria degli specchi del palazzo di Versailles il 18 gennaio 1871.

La ripresa dopo le crisi politiche dopo la La guerra franco-prussiana

Dopo la disfatta del conflitto e gli esiti deludenti della Comune di Parigi il clima in Francia tornò incoraggiante. Gli intellettuali tornarono a promuovere la cultura e l’arte. La tecnologia e le conquiste scientifiche permisero la costruzione delle ferrovie. Inoltre si sviluppò l’industria della moda e i parigini tornarono a viaggiare e a festeggiare nei parchi lungo la Senna.

La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi

Gli artisti francesi impegnati nelle esperienze collettive di pittura dal vero sulla riva della Senna, quelli della foresta di Fontainebleau e i protagonisti delle riunioni Café Guerbois di Parigi furono dispersi dalla guerra del 1870.

Il pittore Paul Cézanne si rifugiò nel sud della Francia, all’Estaque, per sfuggire all’arruolamento. In questa località dipinse celebri opere di paesaggio. Anche Boudin emigrò a Bruxelles.

Invece Degas e Manet si arruolamento nella guardia nazionale partecipando all’assegno di Parigi. Sconfitti, Degas si recò quindi da amici nella provincia francese. Manet trovò riparo nel sud della Francia dalla famiglia. Durante la Comune Manet tornò a Parigi per ritrarre momenti di combattimento.

Renoir si arruolò e prestò servizio in un reggimento di cacciatori a cavallo a Bordeaux. Durante questo periodo fece i ritratti del capitano e di sua moglie. Bazille si arruolò negli zuavi a Beaune la Rollande, un corpo militare molto pericoloso. Monet e Pissarro invece raggiungere Londra dove probabilmente si era trasferito anche Sisley.

Pissarro e Monet durante il loro soggiorno a Londra si impegnarono con ricerche presso i musei locali. I due artisti furono attratti soprattutto dalle opere di Constable e di Turner. Inoltre lavorarono intensamente all’aperto per riprodurre gli effetti di neve, di nebbia e le atmosfere primaverili del Tamigi e di Hyde Park. I due artisti incontrano un altra pittore francese, Daubigny che li presentò ad un collezionista e mercante d’arte, Durand-Ruel già promotore dei paesisti di Barbizon. In seguito Durand-Ruel diventerà il mercante del gruppo di Impressionisti.

Il ritorno a Parigi

Quando terminarono i conflitti del 1870 e finita l’esperienza della Comune di Parigi, gli artisti tornarono in Francia. In realtà, dalle memorie dei fuoriusciti, sembra che la loro esperienza in Inghilterra non sia stata piacevole. Infatti Pissarro dichiarò di non aver trovato arte ma solo indifferenza e affari. Inoltre secondo Duret gli inglesi erano in ritardo di almeno vent’anni su esperienze quali il realismo di Corot.

Una volta tornati a Parigi gli artisti furono incoraggiati da alcuni collezionisti e sostenitori. L’Impressionismo si definì nel periodo di ripresa in seguito alla crisi politica e sociale dei primi anni Settanta dell’Ottocento.

Le opere con argomento La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi

Berthe Morisot con un mazzo di violette di Edouard Manet

Berthe Morisot con un mazzo di violette di Edouard Manet
Berthe Morisot con un mazzo di violette di Edouard Manet

Edouard Manet, Berthe Morisot con un mazzo di violette, 1872, olio su tela, 55 x 40 cm. Parigi, museé d’Orsay

Manet durante gli anni della Guerra franco-prussiana si arruolò nella guardia nazionale. Il pittore quindi interruppe la sua attività creativa per riprenderla al termine della crisi. Questo ritratto della futura cognata di Manet fu uno dei primi ritratti realizzati dopo l’assedio di Parigi.

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Il Realismo, La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi, Ritratti di artisti fatti da artisti

Veduta sul palazzo di Versailles di Pierre Puvis de Chavannes

Veduta sul palazzo di Versailles di Pierre Puvis de Chavannes
Veduta sul palazzo di Versailles di Pierre Puvis de Chavannes

1871. Veduta sul palazzo di Versailles, 1871, 32,5 x 46, 3 cm. Parigi, museé d’Orsay

Nella primavera del 1871, durante l’assedio di Parigi, Pierre Puvis de Chavannes si rifugiò a Versailles e dipinse i dintorni del luogo. Nel dipinto sono visibili le tende dell’accampamento militare.

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Simbolismo, Parigi nella pittura, Arte e storia, La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi


La Speranza di Pierre Puvis de Chavannes

La Speranza di Pierre Puvis de Chavannes
La Speranza di Pierre Puvis de Chavannes

1871-1872. La Speranza, 1871-1872, olio su tela, 70,5 x 82 cm. Parigi, museé d’Orsay

Pierre Puvis de Chavannes fu molto colpito dagli eventi del conflitto. Il titolo di quest’opera rappresenta un augurio per la rinascita della Francia.

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Il Simbolismo, Arte e nudo, Arte e mitologia classica, La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi

Bibliografia

  • Virgilio Gilardoni, L’Impressionismo, 1951, Arnoldo Mondadori Editori, Biblioteca Moderna Mondadori

Link esterni

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

Una risposta a “La guerra franco-prussiana e gli artisti di Parigi”

I commenti sono chiusi.