Leonardo da Vinci la vita e le opere

Leonardo da Vinci fu un artista toscano attivo nella seconda metà del Quattrocento e nei primi anni del Cinquecento, considerato uno dei maestri del Rinascimento italiano.

Pagina aggiornata il: 13 maggio 2021. Torna a visitarci e troverai nuovi contenuti.

Biografia

Nascita di Leonardo da Vinci

1452. Leonardo di ser Piero da Vinci nacque a Anchiano il 15 aprile 1452.

Il contesto familiare di Leonardo da Vinci

Il notaio Piero da Vinci all’età di 24 anni intrecciò una relazione clandestina con una donna dal nome Caterina di umili origini. Dalla loro unione nacque un figlio illegittimo che prese il nome di Lionardo. Gli storici dell’arte appresero questa informazione da un diario familiare redatto dal padre di Piero da Vinci, Antonio, anche lui notaio. Nel testo è scritta con precisione nascita del nipote, il 15 aprile in sabato a ore 3 di notte. Se convertita secondo il calendario gregoriano la data diventa il 23 aprile alle ore 21 e 40.

Il documento non riporta il luogo di nascita ma gli storici ipotizzano sia stata la casa della famiglia del notaio Piero ad Anchiano. Il piccolo Lionardo ricevette il battesimo nella chiesa parrocchiale di Santa Croce ma senza i genitori perché non sposati. Infatti il giovane Piero era destinato a nozze combinate con una ragazza del suo livello sociale. La giovane Caterina invece sposò il contadino Piero del Vacca da Vinci, detto l’Attaccabriga. L’uomo abitava a Campo Zeppi e forse insieme al fratello prestava anche servizio come mercenario.

Leonardo ebbe molti fratelli e sorelle, dodici e tutti molto più giovani di lui. La distanza anagrafica dall’ultimo era infatti molta, quarantasei anni, come gli interessi che lo separarono ulteriormente dalla famiglia.

I fratellastri di Leonardo da Vinci

I fratellastri di Leonardo da Vinci furono: Antonio (1476), Maddalena (1477), Giuliano (1479), Lorenzo (1484), Violante (1485), Domenico (1486), Margherita (1491), Benedetto (1492), Pandolfo (1494), Guglielmo (1496), Bartolomeo (1497), Giovanni (1498). La madre gli diede altri nove fratellastri. Ii nomi dei cinque a noi conosciuti sono: Piera (1454), Maria (1457), Lisabetta (1459), Francesco (1461) e Sandra (1463).

La famiglia di Ser Piero

1452. Piero nel 1452 sposò Albiera di Giovanni Amadori ma la coppia non avrà figli. Il piccolo Lionardo trovò però una famiglia accogliente. Il nonno Antonio di 85 anni annotò la composizione della famiglia nella dichiarazione per il catasto di Vinci dell’anno 1457. Il nonno abitava a Santa Croce ed era sposato con Lucia, di anni 64. I loro figli erano Francesco e Piero di 30 anni, anche lui di nascita illegittima.

Piero nella testimonianza del nonno risulta sposato con Albiera di 21 anni. Presso la coppia è segnalato come convivente il figlio illegittimo di Piero di nome Lionardo. Il piccolo è indicato come il figlio di Chaterina, compagna d’Achattabriga di Piero del Vacca da Vinci.

Albiera morì nel 1464 all’età di 28 anni. Al tempo la famiglia risiedeva a Firenze così la giovane donna fu sepolta in San Biagio. Successivamente Ser Piero si risposò tre volte. Francesca di ser Giuliano Lanfredini di 15 anni fu la seconda moglie nel 1464 ma morì senza figli. Toccò poi a Margherita di Francesco di Jacopo di Guglielmo, nel 1500 che ebbe sei figli. Lucrezia Cortigiani fu la quarta moglie che diede a Ser Piero altri sei figli.

La carriera artistica di Leonardo da Vinci

Galleristi e Mecenati

Testo in preparazione

La carriera espositiva

Testo in preparazione

Collaborazioni con altri artisti

Testo in preparazione

La fortuna professionale e le commissioni

Lo stile delle opere di Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci sperimentò diverse tecniche pittoriche e per questo rimangono di lui alcune opere incompiute. Stilisticamente elaborò lo sfumato, detto appunto leonardesco che permette di integrare con più efficacia le figure con lo sfondo. Inoltre mise a punto la prospettiva aerea che offre una migliore riproduzione della lontananza.

Gli storici dell’arte considerano Leonardo da Vinci come un genio del Rinascimento e dell’umanità. Infatti Leonardo si cimentò in molte attività creative e si applicò per migliorare le tecnologie dell’epoca in vari campi. Anche nel disegno e nella pittura sperimentò nuove tecniche finalizzate a migliorare quelle della tradizione. Leonardo fu pittore, scultore. Utilizzò il disegno per corredare di immagini i suoi trattati che trattano di architettura, ingegneria, matematica, anatomia, botanica e scenografia. Inoltre si interessò di filosofia, musica e progettò scenografie. Leonardo fu quindi il prototipo del genio universale e incarnò questa tendenza della sua epoca.

Le opere di Leonardo da Vinci

Annunciazione

L'Annunciazione di Leonardo da Vinci
L’Annunciazione

1472. Annunciazione, 1472 circa, olio su tavola, 98 x 217 cm. Firenze, Galleria degli Uffizi

Il battesimo di Cristo

Il Battesimo di Cristo di Andrea del Verrocchio Leonardo Da Vinci
Il Battesimo di Cristo

1469-1480. Battesimo di Cristo, 1469-1480, olio su tavola, 180 x 152 cm. Firenze, Galleria degli Uffizi

La Vergine delle rocce

La Vergine delle rocce di Leonardo da Vinci
La Vergine delle rocce

1483. La Vergine delle rocce, 1483 circa, olio su tavola trasportato su tela, 199 x 122 cm. Parigi, Musée du Louvre

Uomo vitruviano

Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci
Uomo vitruviano

1490. Uomo vitruviano, 1490 circa, punta metallica e inchiostro su carta, 34,4 x 24,5 cm, Venezia, Gallerie dell’Accademia

Cenacolo vinciano

Il Cenacolo vinciano di Leonardo da Vinci
Il Cenacolo vinciano

1495-1499. Cenacolo vinciano (Ultima cena), 1495-1499, tempera e olio su intonaco, 460 x 880 cm. Milano, Convento di Santa Maria delle Grazie, Refettorio

Salvator Mundi ?

Salvator Mundi di Leonardo
Salvator Mundi

1499. Salvator Mundi, 1499 circa, olio su tavola, 66 x 45 cm. Abu Dhabi, Collezione privata

Ritratto di Monna Lisa

Ritratto di Monna Lisa detto anche La Gioconda di Leonardo da Vinci
Ritratto di Monna Lisa detto anche La Gioconda

1503-1505. Ritratto di Monna Lisa (La Gioconda), 1503-1505 circa, olio su tavola di pioppo, 77 x 53 cm. Parigi, Musée du Louvre

Madonna con Bambino e Sant’Anna

Madonna col Bambino e Sant'Anna di Leonardo da Vinci
Madonna col Bambino e Sant’Anna

1513-1519. Madonna con Bambino e Sant’Anna, 1513-1519, olio su tavola, 168 x 130 cm. Parigi, Museo del Louvre

Autoritratto di Leonardo da Vinci

Autoritratto di Leonardo da Vinci
Autoritratto

1515. Autoritratto, 1515 circa, sanguigna su carta, 33,5 x 21,6 cm. Torino, Biblioteca Reale

Link esterni

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Leonardo da VinciMadonna con Bambino e Sant’Anna, sul sito del Museo del Louvre di Parigi.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci