Tomba di Lorenzo de’ Medici duca di Urbino di Michelangelo

Nel progetto di Michelangelo per le tombe della Sagrestia Nuova rientrava la Tomba di Lorenzo de’ Medici duca di Urbino. Il maestro fu incaricato da Leone X, zio del duca, di progettare un ambiente destinato a celebrare la potente famiglia fiorentina.

Michelangelo, Tomba di Lorenzo de’Medici duca di Urbino, 1524-34, marmo, cm. Firenze, Basilica di San Lorenzo, Sagrestia Nuova

Descrizione. Lorenzo de’ Medici duca di urbino medita e osserva la Vergine di Famiglia

La tomba di Lorenzo de’ Medici duca di Urbino si trova all’interno della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Lo spazio è speculare a quello della Sagrestia Vecchia realizzata da Filippo Brunelleschi e Donatello. Il progetto originale di Michelangelo prevedeva per la Sagrestia Nuova quattro grandi tombe a parete. L’ambiente doveva contenere le tombe dei Medici e affermare simbolicamente la vittoria sulla morte. Dei quattro progetti funerari furono poi realizzate due tombe. Si possono così ammirare la tomba di Giuliano duca di Nemours e quella Lorenzo duca di Urbino. Le due statue si dispongono specularmente e possiedono la stessa struttura compositiva.

Nella nicchia al centro del secondo registro si trova la statua di Lorenzo de’ Medici duca di Urbino. Il duca è seduto in atteggiamento pensoso ed è rivolto a sinistra verso la statua della Madonna Medici. La fisionomia non è quella del duca. Si tratta infatti di una idealizzazione classica ed eroica di Lorenzo. Il duca di Urbino indossa infatti una divisa militare romana. Gli studiosi sottolineano la tipicità di questa postura della “melanconica”.

Nel Rinascimento era legata ad una simbologia alchemica. Inoltre fu collegata alla dottrina neoplatonica, in riferimento alla vita contemplativa. Ai lati, in basso, sono presenti la statua del Crepuscolo e dell’Aurora. Le due personificazioni rappresentano il trascorrere del tempo e del destino dell’uomo. Sempre secondo interpretazioni storiche il Crepuscolo e l’Aurora sono momenti dedicati alla meditazione quindi collegate alla posa del duca.

Lo stile della scultura Tomba di Lorenzo de’Medici duca di Urbino di Michelangelo

La statua di Lorenzo duca di Urbino è abbigliata come un generale romano di epoca imperiale. La lorica aderisce al corpo e ne segna la muscolatura. I calzari sono rappresentati sullo stinco ma i piedi sono nudi. La figura leonina presente sull’elmo deriva dall’arte etrusca ed evoca forza fisica. Secondo gli studiosi alcuni dettagli appartengono al Montorsoli come i rilievi presenti sull’armatura e sull’elmo e il piede che sporge dalla base. La mano destra posata sulla coscia e rivolta all’esterno simboleggia forse il sonno o la morte. Nella mano sinistra è trattenuto un oggetto di cui non si conosce l’esatto significato. Il dito indice portato alle labbra evoca il silenzio saturnino come il volto in penombra che richiama il dio Saturno. Infine è presente una testa di animale sopra ad una cassetta per elemosine. È un riferimento alle offerte dell’arte classica o raccomanda un atteggiamento parsimonioso.

Consulta la pagina dedicata alla scultura di Michelangelo, Tomba di Lorenzo de’Medici duca di Urbino, sul sito del Basilica di San Lorenzo, Sagrestia Nuova di Firenze.