Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso è un’opera giovanile nella quale non è ancora presente il linguaggio cubista del pittore spagnolo.

Pablo Picasso, Autoritratto con tavolozza, 1906, olio su tela, 91,9 x 73,3 cm. Philadelphia, Philadelphia Art Museum

Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso
Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

Pablo Picasso, Autoritratto con tavolozza, 1906, olio su tela, 91,9 x 73,3 cm. Philadelphia, Philadelphia Art Museum

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Cubismo, Autoritratto

Indice

Descrizione dell’Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

Pablo Picasso in questo autoritratto si raffigurò a mezzo busto, rivolto a sinistra e con la tavolozza stretta nella mano dello stesso lato. La mano destra invece è libera. L’artista ha l’aspetto di un uomo in giovane età e veste in modo informale, indossa infatti una camicia da lavoro molto semplice. Lo sguardo di Picasso è particolarmente intenso e il corpo pronto a scattare nell’attività di dipingere con slancio fisico.

Interpretazioni e simbologia dell’Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

Self-Portrait with Palette è il titolo in lingua inglese con il quale è indicato l’Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso presso il Philadelphia Art Museum.

I curatori del museo sottolineano il fatto che Pablo Picasso, nel dipinto, non stringe con la destra un pennello come ci si aspetterebbe vista la sua posa. Si potrebbe considerare quindi come una scelta espressiva del pittore. Picasso evitò appositamente di rappresentare un pennello per evocare il momento mentale della creatività, invece che l’atto fisico del dipingere.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso si trova a Philadelphia, presso il Philadelphia Art Museum.

Il collezionista A. E. Gallatin (1881-1952), di New York, acquistò l’autoritratto dallo stesso Picasso probabilmente nell’estate del 1929. Questo acquisto è documentato da una scritta che compare sul telaio dell’opera: “Ritratto di Picasso comprato da Picasso 1929 A.E.G.” e da quanto riportato nella scheda di catalogazione di Gallatin. Inoltre, il collezionista annunciò l’acquisizione in un comunicato stampa della Gallery of Living Art del 17 ottobre 1929.

L’artista e la società. La storia dell’Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

Pablo Ruiz y Picasso nacque in Spagna nel 1881 e morì nel 1973. L’artista realizzò questo autoritratto in giovane età, nel 1906, quindi all’età circa di 25 anni. In quegli anni, Picasso era un giovane artista in cerca di ispirazione. Sperimentò quindi una rivisitazione dell’arte antica, della Grecia Arcaica e del passato medievale della Spagna. Gli storici sottolineano che questo autoritratto di Pablo Picasso è il primo che lo ritrae nell’atto di dipingere.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile dell’Autoritratto con tavolozza di Pablo Picasso

L’immagine del pittore rivela delle caratteristiche fisionomiche molto vicine ai volti delle antiche sculture iberiche. Il popolo iberico popolava alcune zone della penisola spagnola in epoca preromana. Infatti gli occhi sono grandi e ovoidali con grosse pupille nere, le sopracciglia sono nere e folte e le orecchie molto evidenti.

La tecnica

Questo autoritratto di Picasso è realizzato con impasto di colori ad olio applicati su una tela di 91,9 centimetri di altezza e 73,3 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto che ritrae il giovane Picasso è quasi interamente colorato con diverse variazioni di grigio. Un grigio di tonalità media infatti occupa lo sfondo. Uno più chiaro, la maglia del pittore. Un grigio più scuro colora invece i pantaloni. Gli incarnati sono di un rosa intenso e qualche accenno di colori brillanti si trova sulla tavolozza destra, in basso.

Lo spazio

L’immagine di Picasso è raffigurata a mezza figura, in primo piano, e sullo sfondo non compaiono dettagli o particolari architettonici.

La composizione e l’inquadratura

L’autoritratto di Pablo Picasso è di forma rettangolare orientata in verticale. L’inquadratura incornicia così la figura del giovane pittore con un minimo spazio di sfondo. Il corpo massiccio dell’artista è ancorato alla verticale del piano e le braccia sono disposte simmetricamente lungo il busto.

Articolo correlato

Autoritratto con casacca arancione di Egon Schiele

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Gertrude Stein, Picasso, Adelphi, Collana: Piccola biblioteca Adelphi Edizione: 10 Anno edizione,1973, EAN: 9788845901614
  • Bruno Mantura, Picasso. Da Guernica a Massacro in Corea. Ediz. illustrata, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art Anno, edizione: 2000, EAN: 9788809762831
  • Giorgio Cortenova, Pablo Picasso. La vita e l’opera, Mondadori Electa, Collana: Illustrati. Arte, 2001, EAN: 9788804494287
  • Pablo Picasso, Abscondita, Collana: Mnemosyne, 2015, EAN: 9788884164209
  • Françoise Gilot, Carlton Lake, La mia vita con Picasso, Donzelli, Collana: Mele Anno, 2016, EAN: 9788868434328
  • Maurizia Tazartes, Francesca Toso, Picasso. Ediz. a colori, Skira, Collana: Skira Masters, 2017, EAN: 9788857234878
  • Olivier Widmaier-Picasso, Picasso. Ritratto intimo. Ediz. a colori, Jaca Book, 2018, EAN: 9788816605671

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 12 marzo 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Pablo Picasso intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Pablo Picasso

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pablo Picasso, Autoritratto con tavolozza, sul sito del Philadelphia Art Museum di Philadelphia.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content