Celestine di Pablo Picasso

Célestine è un dipinto appartenente al periodo blu di Pablo Picasso nel quale è ritratta una donna realmente conosciuta dall’artista.

Pablo Picasso, Célestine, 1904, olio su tela, 81 x 60 cm. Parigi, musée Picasso

Descrizione

Il dipinto ritrae Célestine. L’anziana donna è vestita con un ampio mantello nero abbottonato in alto sul petto. Un velo scuro di pizzo ricopre poi il suo capo e scende verso il basso, sul davanti. Inoltre, i capelli, ormai grigi, sono raccolti sotto il velo da un’acconciatura spartana. Il volto è frontale mentre il corpo di tre quarti. Lo sguardo è rivolto a destra e punta in lontananza. Un occhio della donna, però, è offeso e privo di pupilla. La sua espressione è seria e disincantata, la bocca serrata con profonde pieghe verso il basso. Infine, sotto il velo si intravede il magro collo.

Interpretazioni e simbologia

Il soggetto dell’opera, Célestine, è una donna di umili origini che viveva alla giornata miseramente. È anche la protagonista di un romanzo spagnolo del XV secolo. Il suo occhio privo di pupilla è coperto da cataratta. Questo particolare fa sembrare lo sguardo misterioso. Lo sfondo, privo di dettagli e particolari, quasi monocromo in blu è probabilmente un modo per trasformare il ritratto di Célestine in una icona. La donna del romanzo, infatti, diventa un simbolo della sua condizione simile a tante altre donne nella vita reale.
Nel dipinto intitolato Célestine è evocata un’atmosfera malinconica.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Celestine di Pablo Picasso

Pablo Picasso fu un importante esponente delle Avanguardie artistiche di inizio Novecento. Fu il promotore del Cubismo insieme a Georges Braque. L’opera intitolata Célestine di Pablo Picasso appartiene alla fase definita blu. Durante questo periodo l’artista utilizzò, infatti, una una vasta gamma di toni blu e grigi.

Uomo con chitarra di George Braque

Consulta la scheda:
Uomo con chitarra di George Braque

La tecnica

Célestine è un dipinto realizzato con impasto ad olio su tela. La matrice pittorica è densa e compatta. Le pennellate maggiormente evidenti sono sul tessuto del velo. Sul volto, invece il colore crea campiture più uniformi che descrivono i volumi.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Il colore e l’illuminazione

L’opera di Picasso presenta una tonalità dominante fredda, determinata dai vari toni di blu. Il contrasto maggiore è presente sul viso, incorniciato dal velo scuro. Infine, la figura di Célestine è illuminata da luce frontale.

Approfondisci con le altre opere di Pablo Picasso intitolate: Les Demoiselles d’Avignon, Il ritratto di Ambroise Vollard, Autoritratto, Vecchio cieco e ragazzo, Tre donne alla fontana, Famiglia di acrobati, I tre ballerini, Ritratto di Wilhelm Uhde, Ritratto di Daniel-Henry Kahnweiler, Ma Jolie, Famiglia di saltimbanchi, Nudo di donna, Donna con mandolino, Guernica.

Lo spazio

La profondità del dipinto è limitata al personaggio di Célestine. Infatti, il fondo è privo di dettagli e trasforma il ritratto della donna in figura iconica.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto di Pablo Picasso intitolato Célestine è di forma rettangolare. Presenta uno sviluppo verticale e la sua inquadratura permette di rappresentare la donna a mezza figura. Gran parte della superficie dipinta è destinata al ritratto. Infine, lo spazio del fondo che incornicia l’immagine permette di isolare la protagonista dal contesto ambientale

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pablo Picasso, Célestine, sul sito del musée Picasso di Parigi.