Medea uccide i suoi figli di Ferdinand Victor Eugène Delacroix

Medea uccide i suoi figli di Ferdinand Victor Eugène Delacroix interpreta il mito della donna che si vendicò così del tradimento di Giasone.

Ferdinand Victor Eugène Delacroix, Medea uccide i suoi figli, 1838. olio su tela 165 x 260 cm. Lille, Francia, Musée des Beaux-Arts

Scheda in preparazione. Richiedi la pubblicazione dell’Analisi di quest’opera con una e-mail a: redazione@analisidellopera.it Troverai l’analisi sul sito. Non inviamo file di contenuto attraverso e-mail. Tieni conto che l’analisi dell’opera richiede qualche giorno, quindi non sarà pubblicata nel momento della richiesta.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Approfondimento. Medea, la maga, la barbara

di Anna Maria Nosotti

Pochi miti hanno colpito l’immaginario collettivo come quello di Medea, la maga, la barbara, colei che, per punire l’uomo che l’ha tradita, Giasone, arriva ad uccidere i suoi figli. Sa che questo gesto crudele non farà semplicemente soffrire l’uomo, ma che condannerà lei stessa ad un’eterna infelicità. Eppure, nell’ottica di Medea, nessun’altra conclusione potrebbe essere possibile. Medita il delitto con spietata lucidità, ma solo dopo aver inviato un abito stregato alla futura moglie di Giasone, principessa di sangue reale, indumento che, al contatto con la sua pelle, la farà morire tra atroci tormenti, causando anche il suicidio di suo padre, il re di Corinto.

Lei invece per Giasone ha tradito il padre, abbandonato la patria, ucciso il fratello e lui l’ha ricompensata con un crudele abbandono. Le ha parlato con ironia e finta benevolenza, incurante del dolore che le stava infliggendo. Questo ci racconta Euripide, nel suo testo teatrale forse più crudele, in cui le fa affermare: “Fra quante creature han senso e spirito, noi donne siam di tutte le più misere.”

Medea nella cultura

Eppure questa donna ha affascinato autori di tutti i tempi, da Seneca a Corneille fino a Christa Wolf, la scrittrice tedesca che fa rivivere questo mito in chiave femminista, ribaltandone persino il finale. E in quest’opera di Delacroix (il pittore dipinse ben tre quadri con lo stesso soggetto), l’artista coglie perfettamente il conflitto tra furore e ragione che porterà la maga, la barbara, a compiere il delitto più atroce che si possa immaginare.

Consulta anche le pagine: Arte e teatro, Arte e femme fatale, Arte e eros, Arte e amore, Arte e letteratura, Le streghe nell’arte, Arte e bellezza femminile, La Bibbia nell’arte

Vai alla Sezione: Arte e cultura, Temi letterari

Leggi gli altri contributi di Anna Maria Nosotti: Arte e femme fatale, Arte e teatro, La Divina Commedia nell’arte, Ritratti di Dante Alighieri, Il diavolo nell’arte

Articolo correlato

Saturno divora un figlio di Francisco Goya

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Gérard-Georges Lemaire, Delacroix, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 1992 ; 1998, EAN: 9788809761704

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 5 novembre 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Ferdinand Victor Eugène Delacroix intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Ferdinand Victor Eugène Delacroix

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Ferdinand Victor Eugène Delacroix, Medea uccide i suoi figli, sul sito del Musée des Beaux-Arts di Lille, Francia.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content