Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo

Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo è un dipinto divisionista nel quale il paesaggio è immerso nella luce dell’alba.

Giuseppe Pellizza da Volpedo, Sole nascente, 1903 – 1904, olio su tela, 150 x 150 cm. Roma, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea

Indice

Descrizione di Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo

La vista di un esteso paesaggio di campagna è offuscata dall’intenso bagliore del sole che sorge sopra il crinale orizzontale della collina. Sul profilo dell’altura, si colgono poi le sagome di piccole abitazioni e di alberelli. In basso, invece, a sinistra si intravede l’edificio di una casa colonica.

Interpretazioni e simbologia Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo

Giuseppe Pellizza da Volpedo è noto per il suo Quarto Stato, il grande dipinto che testimonia il suo impegno sociale a favore dei lavoratori. Altre opere del pittore divisionista rappresentano invece paesaggi dalla possibile interpretazione simbolista. Nel caso di Sole nascente il messaggio spirituale è infatti evidente dall’atmosfera intensa creata dai raggi del sole che sorge.

La presenza del sole è importante anche nelle altre opere di Giuseppe Pellizza da Volpedo. Proprio ne Quarto Stato, la massa di lavoratori procede verso il fronte del dipinto, dove si trova il sole che li illumina.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo si trova a Roma, esposto presso Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea.

L’artista e la società. La storia dell’opera Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo

Giuseppe Pellizza da Volpedo dipinse Sole nascente intorno agli anni 1903 – 1904.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo

Giuseppe Pellizza da Volpedo fu un riconosciuto pittore divisionista. La sua sperimentazione della pennellata separata lo portò a dipingere opere nelle quali si può osservare una sottile trama di brevi pennellate. L’orientamento dei minuti tratti di colore puro è quindi funzionale alla modellazione delle forme o, come in questo caso, alla diffusione dei raggi solari.

La tecnica

Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo è un dipinto realizzato con impasto di colori a olio applicati su una su una tela di 150 centimetri di larghezza e 150 cm di altezza.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo non presenta zone di colore identificabili chiaramente. Infatti nell’insieme risulta quasi un monocromo dai toni bruni, tendenti al grigio. Infatti la luce che si diffonde dalla zona chiarissima, che rappresenta il sole nascente, offusca interamente il paesaggio che si trova inoltre controluce.

Il pittore, nel dipinto, riproduce l’effetto che subisce la vista di un osservatore di fronte ad un’alba. Lo sguardo dell’osservatore, diretto verso la fonte della luce solare, è accecato e tende a fessurare gli occhi per proteggerli. Così il paesaggio si oscura e si evidenziano i raggi solari come nella rappresentazione di Giuseppe Pellizza da Volpedo.

Lo spazio

La radiazione solare che si manifesta con il tratteggio dorato investe l’intero paesaggio che quindi si offusca e sembra appiattirsi. Se, invece, si osserva con attenzione, si colgono i particolari, vegetazione e abitazioni in lontananza, che suggeriscono la profondità della scena.

La composizione e l’inquadratura

Sole nascente di Giuseppe Pellizza da Volpedo è un dipinto di forma rettangolare. L’inquadratura orizzontale permette di rappresentare il paesaggio inondato dalla luce dell’alba.

La struttura del dipinto è dominata dalle tre fasce compositive sovrapposte verticalmente. La fascia in basso è occupata dal suolo in primo piano. Quella centrale, dall’alta collina e quella superiore dal cielo.

Articolo correlato

Neve in Alta Montagna di Emilio Longoni

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Aurora Scotti, Pellizza da Volpedo. Catalogo generale, Milano 1986
  • Anna Maria Damigella, Pellizza da Volpedo, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2001, EAN: 9788809013704
  • Il Quarto Stato. Pellizza da Volpedo. Catalogo della mostra (Milano, 3 luglio-16 settembre 2007), (a cura di M. Fratelli) Editore: 24 Ore Cultura, 2007, EAN: 9788871795546
  • Ambasciatori del lavoro. Quarto e Quinto Stato nel sessantesimo anniversario della Costituzione repubblicana, (a cura di R. Miracco) Editore: 24 Ore Cultura, Collana: Cataloghi di mostra, 2007, EAN: 9788871795638
  • Pellizza da Volpedo, Mondadori Electa, Collana: Cataloghi di mostre. Arte, 2013, EAN: 9788837098643

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 10 marzo 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Giuseppe Pellizza da Volpedo intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Giuseppe Pellizza da Volpedo

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giuseppe Pellizza da Volpedo, Sole nascente, sul sito del Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content