Gli elefanti di Salvador Dalí

Gli elefanti di Salvador Dalí è un quadro che presenta uno dei simboli più rappresentati del maestro del Surrealismo.

Salvador Dalí, Gli elefanti (Los Elafantes), 1948, olio su tela, misure?. Collezione privata

Gli elefanti di Salvador Dalí

Gli elefanti di Salvador Dalí
Gli elefanti di Salvador Dalí

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Avanguardie artistiche storiche, Surrealismo, Arte e animali

Indice

Descrizione de Gli elefanti di Salvador Dalí

All’interno di un paesaggio desertico due elefanti dalle zampe lunghissime e sottili avanzano dai lati dei dipinto verso il centro. Gli animali sono bardati con teli e finiture e sul loro dorso ondeggiano alti obelischi. Quello di sinistra è più illuminato e avanza sollevando la proboscide. Invece quello di sinistra è più in ombra ed è chinato verso il basso.

Sul terreno, verso il centro, due piccole figure si raffrontano. Quella che sembra una figura femminile corre da destra verso il centro mentre a sinistra una figura maschile attende ferma. Le loro lunghe ombre si allungano sul terreno verso sinistra.

Al centro del dipinto, sulla linea d’orizzonte, si coglie la sagoma di una struttura scura e simmetrica. Un triangolo a forma di timpano di un tempio classico è sorretto dalle sagome di due colonne. Contro il cielo rosso e arancio, corre infine una sottile linee di montagne.

Interpretazioni e simbologia de Gli elefanti di Salvador Dalí

Gli elefanti sono un simbolo ricorrente nella pittura di Salvador Dalí. Questi animali compaiono nel dipinto accanto ad altri elementi simbolici surrealisti quali il paesaggio desertico. Sono poi presenti le piccole figure umane che proiettano lunghe ombre sul terreno, un cielo dal colore acceso e la struttura architettonica che ricorda la classicità.

Secondo gli esperti della pittura di Dalí, la figura dell’elefante comparve nei suoi dipinti intorno al 1941. Un elefante dalle zampe di insetto è infatti raffigurato nel noto dipinto intitolato Sogno Causato dal Volo di un’Ape. In quest’opera un elefante corre sullo sfondo su zampe alte e sottili proprio sopra il corpo nudo di Gala, la musa compagna di Dalí. Un altro elefante si può vedere ne La Tentazione di Sant’Antonio del 1946. La particolare figura ibrida degli elefanti di Dalí si basa su un contrasto formale tra massa pesante del corpo e sottili arti da insetto. Grazie a questa ibridazione, le creature di Dalì si muovono con leggerezza e trasmettono un senso di precarietà nell’equilibrio.

Dalí dipinse sul dorso dei suoi elefanti una struttura a forma di obelisco che sembra sospesa nell’aria e ondeggia al procedere dell’animale. Gli storici dell’arte si sono chiesti se questa figura sia un riferimento all’arte orientale o all’iconografia di altre culture. Sembra però che, secondo diverse dichiarazioni di Dalí, l’immagine derivi da quella di un elefante che trasporta un obelisco scolpita da Lorenzo Bernini.

Nella storia dell’arte sono celebri le ibridazioni fantastiche dipinte dal pittore fiammingo Hieronymus Bosch. Nei suoi dipinti, i demoni sono spesso accompagnati da creature frantastiche composte da parti di insetti, anfibi e mammiferi.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Gli elefanti di Salvador Dalì sono custoditi presso una collezione privata

L’artista e la società. La storia dell’opera de Gli elefanti di Salvador Dalí

Salvador Dalí dipinse Gli elefanti (Los Elafantes) nel 1948.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Gli elefanti di Salvador Dalí

Nel dipinto di Salvador Dalí si colgono gli elementi del linguaggio surrealista elaborato dal maestro. Il paesaggio e le forme dipinte da Dalí sono levigate e presentano un chiaroscuro rinascimentale che crea volumi ben evidenti. Il colore è acceso e i toni brillanti creano un’atmosfera surreale anche per il fatto che le tinte non corrispondono al colore reale.

Dal punto di vista tecnico l’illuminazione cruda e l’estrema messa a fuoco delle figure creano un’atmosfera allucinatoria e metafisica. Iconograficamente, il paesaggio desertico è una costante nella pittura di Dalí come il cielo colorato con toni accesi. Nel paesaggio, ricorrono poi figure simboliche quali gli elefanti ibridati, le piccole figure umane e le strane strutture architettoniche.

La tecnica

Il dipinto intitolato Gli elefanti di Salvador Dalí è un olio su tela.

Il colore e l’illuminazione

L’opera di Dalí è dipinta con colori caldi e saturi. La maggior parte della sua superficie infatti è occupata dal colore rosso del cielo. I due alti elefanti e il suolo in basso sono di colore ocra giallo. La luce proviene da destra e proietta lunghe ombre sul terreno, verso sinistra.

Lo spazio

Il dipinto surrealista di Dalí presenta uno spazio ambiguo che pare osservato da diversi punti di vista. Gli elefanti che dominano il paesaggio sembrano ancora più giganteschi se confrontati con le figure umane e la piccola architettura.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di forma rettangolare sviluppata in orizzontale. L’inquadratura inoltre sottolinea la vastità dello spazio rappresentato e rende ancora più insignificanti le figure dipinte in basso.

La struttura compositiva è caratterizzata dalla disposizione fortemente speculare e simmetrica dei due elefanti.

Articolo correlato

La chiave dei campi di René Magritte

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Carolina Brook, Dalì, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art Anno edizione: 2000;2002, EAN: 9788809016071
  • Fiorella Nicosia, Dalì, Giunti Editore, Collana: Vita d’artista, 2010, EAN: 9788809052956
  • Salvador Dalì, Les dîners de Gala. Cene di Gala. Il ricettario surrealista di Salvador Dalí, Taschen, Collana: Varia, 2016, EAN: 9783836539753
  • Salvador Dalì, I cornuti della vecchia arte moderna, Abscondita, Collana: Miniature, 2008; 2017, EAN: 9788884166166
  • Salvador Dalì, 50 segreti magici per dipingere, Abscondita, Collana: Carte d’artisti, 2018, EAN: 9788884167279
  • Salvador Dalì, Il mito tragico dell’Angelus di Millet, Abscondita, Collana: Carte d’artisti, 2019, EAN: 9788884167903
  • Salvador Dalì, La mia vita segreta, Abscondita, Collana: Carte d’artisti, 2020, EAN: 9788884168580

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 17 marzo 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Salvador Dalí intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Salvador Dalí

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Salvador Dalí, Gli elefanti, sul sito della Fundació Gala – Salvador Dalí di Figueres, Catalonia.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content