Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega

Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega è un piccolo dipinto che risale al periodo di residenza del pittore nei comune di Rosignano, in Toscana.

Silvestro Lega, Paesaggio del Gabbro, circa 1889 – 1890, olio su tela, 34,3 x 61 cm. Collezione privata

Paesaggio di Silvestro Lega

Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega
Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega

Silvestro Lega, Paesaggio del Gabbro, circa 1889 – 1890, olio su tela, 34,3 x 61 cm. Collezione privata

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: I Macchiaioli, Arte e paesaggi di campagna, Contadini nell’arte

Indice

Descrizione di Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega

Nel paesaggio dipinto da Silvestro Lega, in primo piano, è rappresentato un ampio prato sul quale razzolano alcune galline. A destra invece due figure umane sedute si riparano con un ombrellino dal sole intenso. A sinistra il prato confina con una fila di cipressi. A destra, invece, più in basso, si snoda un corso d’acqua. Il cielo infine confina con una morbida linea di colline.

Interpretazioni e simbologia di Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega

Il Gabbro è un luogo geografico, una frazione che fa parte del comune di Rosignano Marittimo, provincia di Livorno, in Toscana, Italia. In questa zona esiste una particolare roccia lignea detta appunto Gabbro in ambiente geologico. Il geologo Christian Leopold von Buch, nell’Ottocento, studiò questo fenomeno e diede il nome di Gabbro a questa successione ofiolitica.

Il Gabbro diventò noto nel mondo dell’arte grazie a Silvestro Lega che si stabili in questa frazione dipingendo paesaggi e ritratti di gente locale.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega è conservato in una collezione privata.

L’artista e la società. La storia dell’opera Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega

Silvestro Lega dipinse il Paesaggio del Gabbro intorno al 1889 – 1890. La firma si trova in basso a destra: SLega.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Paesaggio del Gabbro di Silvestro Lega

Silvestro Lega fu un pittore macchiaiolo che utilizzò il linguaggio della macchia con la quale descrivere le figure del paesaggio. Il paesaggio è delineato infatti da zone uniformi di colore brillante che alterna luci e ombre. Il volume delle figure è minimo e prevale la lettura d’insieme dell’ambiente.

La tecnica

Paesaggio del Gabbro è un dipinto realizzato con impasto di colori a olio su una tavola di legno di 34,3 centimetri di altezza e 61,2 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

Il paesaggio dipinto da Silvestro Lega presenta colori brillanti, i verdi del prato e più scuri come le chiome degli alberi. Il cielo azzurro è traversato da sottili nuvole chiare. La scena è illuminata da destra come rivelano le lunghe ombre che si proiettano sul prato.

Lo spazio

Il paesaggio è osservato da un’ampia prospettiva e le figure, umane e animali, sono distanti dall’osservatore e si integrano con il resto del paesaggio. La profondità della scena è suggerita dalle figure che si rimpiccioliscono verso la collina di fondo.

La composizione e l’inquadratura

Il paesaggio dipinto da Silvestro Lega è di forma rettangolare e sviluppo orizzontale. L’inquadratura ricorda una ripresa fotografica che mostra l’ampiezza di campo di uno sguardo umano, di circa 50 gradi.

La struttura compositiva si regge su tre fasce, sovrapposte in orizzontale, che costruiscono il paesaggio. La fascia più in basso contiene il prato e le figure. La collina occupa invece quella mediana. Infine, il cielo coincide con la fascia superiore. Inoltre le due fasce superiori sono disposte specularmente e sono separate dalla linea obliqua che sale verso l’alto a partire da destra.

Articolo correlato

Pastura maremmana di Giovanni Fattori

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giuliano Matteucci, Lega, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2005; 200 EAN: 9788809040892

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 13 marzo 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Silvestro Lega intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Silvestro Lega

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Silvestro Lega, Paesaggio del Gabbro, sul sito del Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content