Il canto dello stornello di Silvestro Lega

Il canto dello stornello di Silvestro Lega ritrae un momento di vita borghese con un taglio vicino al realismo fotografico.

Silvestro Lega, Il canto dello stornello, 1867, olio su tela, 158 x 98 cm. Firenze, Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Pitti

Indice

Descrizione de Il canto dello stornello di Silvestro Lega

Tre ragazze cantano di fronte ad una finestra, all’interno di una stanza. Due di loro sono in piedi alle spalle della loro compagna che suona un pianoforte. Le giovani indossano abiti dell’Ottocento e portano ampie gonne che arrivano vino a terra. La stanza è avvolta nell’ombra e il grande spartito musicale è illuminato dalla luce dell’esterno. Oltre i vetri infine si dispiega un ampio paesaggio di campagna.

Interpretazioni e simbologia de Il canto dello stornello di Silvestro Lega

L’operazione poetica di Silvestro Lega rientra nella moda dell’epoca di raffigurare interni di vita borghese con taglio partecipato e intimo. Infatti come si coglie dal tono della scena le protagoniste sono impegnate in una attività ordinaria ma ben lontana dalla realtà del popolo. Le ragazze come si comprende dai loro abiti fanno parte della buona borghesia e non mostrano di nutrire particolari affanni esistenziali.

Il tono affettuoso e compiacente del dipinto è dovuto al fatto che le tre giovani sono le figlie dei coniugi Batelli, mecenati di Silvestro Lega. L’opera è quindi un ritratto di Virginia, Maria e Isolina Batelli.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera si trova presso la Galleria d’Arte Moderna di Firenze ospitata all’interno di palazzo Pitti.

Il dipinto di Signorini risale al 1867.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Il canto dello stornello di Silvestro Lega

Telemaco Signorini utilizzò uno stile pittorico realistico, prestando grande attenzione alla riproduzione dei dettagli della scena. L’artista applicò quindi un realismo che si può definire fotografico nel rappresentare le giovani donne che cantano. Infatti i loro volti e i particolari dell’ambiente sono descritti nel dettaglio e con grande definizione.

Il canto dello stornello è un dipinto realizzato con colori ad olio su una tela di 158 centimetri di altezza e 98 cm di larghezza.

Articolo correlato

Triste presentimento di Gerolamo Induno

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giuliano Matteucci, Lega, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2005; 200 EAN: 9788809040892

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 8 aprile 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Silvestro Lega intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Silvestro Lega

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Silvestro Lega, Il canto dello stornello, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Firenze e sul sito dei Beni Culturali Italiani.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

Una risposta a “Il canto dello stornello di Silvestro Lega”

I commenti sono chiusi.