Ragazza con turbante di Jan Vermeer

Ragazza con turbante di Jan Vermeer è un dipinto reso famoso da un romanzo e da un film del 2003.

Jan Vermeer, Ragazza con turbante, 1665 ca, olio su tela, cm 44,39 x 39. L’Aja, Mauritshuis

Indice

Descrizione di Ragazza con turbante di Jan Vermeer

Nel dipinto è ritratta una giovane rivolta a sinistra. Il viso è voltato di tre quarti. Gli occhi, invece sembrano puntati direttamente verso l’osservatore. La giovane indossa un abito giallo e sul capo un turbante azzurro. Il tessuto è annodato in alto e parte di esso ricade dietro la schiena. I suoi occhi sono grandi ed espressivi. Le sue labbra rosse e leggermente scostate. Inoltre all’orecchio sinistro porta una grossa perla che riflette nell’ombra. Infine, lo sfondo è molto scuro, quasi nero.

Interpretazioni e simbologia del dipinto Ragazza con turbante di Jan Vermeer

Ragazza con turbante di Jan Vermeer è un dipinto che appartiene al genere olandese dei “tronien”. Si tratta di ritratti in costume esotico con personaggi biblici o del passato. L’artista produsse una serie di opere di tal genere che, all’epoca, erano piuttosto richieste. Il dipinto è conosciuto anche con il titolo Ragazza con l’orecchino di perla. Il dipinto divenne noto, mediaticamente, grazie ad un romanzo e ad un film prodotto nel 2003.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Il colore e l’illuminazione

Il colore più diffuso nel dipinto è il bruno molto scuro, quasi nero del fondo. Da questo colore emergono per luminosità il ritratto della ragazza. Poi, l’abito chiaro e la fascia che scende dalla sua nuca. Mentre il tessuto che porta intorno alla fronte è blu cobalto. L’incarnato è rosa ocra con ombre bruno scure. Infine, le labbra sono colorate di un rosso acceso.

Risulta un forte contrasto di luminosità tra la figura della ragazza e il fondo scuro.

La luce proviene da sinistra e illumina direttamente il viso della ragazza, il colletto bianco la parte superiore del turbante. Si creano, inoltre, ombre scure e profonde a destra della figura. Infatti, l’ombra copre parte della gota mentre il collo è completamente scuro, tranne sul profilo della gola. Infine, la schiena è in ombra e verso destra si confonde con il fondo indistinto e buio.

Approfondimento. La ragazza misteriosa

di Anna Maria Nosotti

Di Vermeer, interessante pittore olandese del XVII secolo, si sa ben poco: una biografia scarna e una produzione che si limita a poco più di una trentina di dipinti, spesso di piccole dimensioni. Forse è per questo che la fantasia degli scrittori ha colorato con una punta di sentimentalismo il suo quadro più famoso, ovvero La ragazza col turbante, le cui vicende vengono narrate nell’omonimo racconto di Marta Morazzoni, del 1986 e soprattutto nel più famoso La ragazza con l’orecchino di perla, di Tracy Chevalier, del 1999. (Il film che è stato tratto proprio da quest’ultimo romanzo, interpretato da Scarlett Johansson, ha poi riscontrato un successo internazionale.)

Forse non si tratta di romanzi di “alta letteratura”, ma meritano la nostra attenzione, soprattutto il secondo, se non altro per il successo riscosso presso il grande pubblico.

La ragazza con l’orecchino di perla

La Chevalier ha raccontato più volte di essere stata attratta da questo dipinto per tre motivi: la bellezza dell’opera e della fanciulla, lo sguardo di quest’ultima e il mistero che circonda il quadro. Non sappiamo infatti chi fosse la giovane donna ritratta né che rapporto intercorresse tra lei e Vermeer, per cui la narrazione puramente fantastica dei fatti coinvolge il lettore e lo trasporta in una sufficientemente realistica Olanda del ‘600, in cui i protagonisti (personaggi storici o verosimili) sono ben tratteggiati.

Ma il protagonista indiscusso del romanzo rimane il quadro: questo rappresenta una giovane donna affascinante, dalla sensualità appena accennata, girata di tre quarti con il volto illuminato rivolto verso lo spettatore e le labbra dischiuse. Per tutte queste ragioni, li dipinto viene soprannominato anche “Monna Lisa olandese”, proprio per l’indefinito mistero del sorriso della donna ritratta.

Consulta anche le pagine: Arte e teatro, Arte e femme fatale, Arte e eros, Arte e amore, Arte e letteratura, Le streghe nell’arte, Arte e bellezza femminile, La Bibbia nell’arte

Vai alla Sezione: Arte e cultura, Temi letterari

Leggi gli altri contributi di Anna Maria Nosotti: Arte e femme fatale, Arte e teatro, La Divina Commedia nell’arte, Ritratti di Dante Alighieri, Il diavolo nell’arte, Le Metamorfosi di Ovidio

Articolo correlato

Ritratto di giovane donna con libro di Agnolo Bronzino

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Karl Schütz, Vermeer. L’opera completa, Taschen, 2017, ISBN-10 ‏ : ‎ 3836567245 ISBN-13 ‏ : ‎ 978-3836567244

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 20 luglio 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Jan Vermeer intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Jan Vermeer

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Jan Vermeer, Ragazza con turbante, sul sito del Mauritshuis di L’Aja.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content