Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo

Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo

Piero del Pollaiuolo, Apollo e Dafne, circa 1470 – 1480, olio su tavola, 29,5 x 20 cm. Londra, National Gallery

Scheda in preparazione. Richiedi la pubblicazione dell’Analisi di quest’opera con una e-mail a: redazione@analisidellopera.it Troverai l’analisi sul sito. Non inviamo file di contenuto attraverso e-mail. Tieni conto che l’analisi dell’opera richiede qualche giorno, quindi non sarà pubblicata nel momento della richiesta.

Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo

Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo
Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo

Piero del Pollaiuolo, Apollo e Dafne, circa 1470 – 1480, olio su tavola, 29,5 x 20 cm. Londra, National Gallery

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Il Rinascimento, Arte e mitologia classica, Le Metamorfosi di Ovidio, Arte e eros, Arte e amore

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Approfondimento. Apollo e Dafne: un mito che attraversa i tempi

di Anna Maria Nosotti

Daphne primus amor Phoebi fuit”: così ci racconta Ovidio, nel celebre passo delle Metamorfosi dedicato al mito di Apollo e Dafne.

La leggenda narra che Apollo si fosse vantato eccessivamente con Cupido (che a suo parere non era poi così abile con arco e frecce) di aver ucciso da solo il mostruoso Pitone; il piccolo Dio si innervosì, al punto di volersi vendicare e gli rispose per le rime: “Tutte le cose, o Apollo, trapassa il tuo arco, ma il mio arco trapasserà il tuo cuore“. Allora Cupido si fermò sull’ombrosa cima del Parnaso e dalla faretra estrasse due frecce: l’una scaccia, l’altra suscita amore” E così lo fece innamorare di Dafne, una naiade, figlia del dio-fiume Peneo. La giovane cacciatrice, che si era votata a Diana, per cui aveva giurato di restare sempre vergine, venne al contrario colpita da una freccia di piombo, capace invece di farla rifuggire da qualsiasi innamoramento.

Visto che Apollo ardeva d’amore per lei e desiderava possederla, la fanciulla cominciò a correre, pur di non finire nelle sue grinfie. Dopo un’estenuante corsa, nei pressi del fiume-padre, ella pregò di esser tramutata in albero piuttosto che finire catturata dal dio. Peneo esaudì il suo desiderio e la tramutò in pianta d’alloro. Apollo, disperato, decise però di consacrarla come pianta sempreverde e dedicata al suo culto: in seguito, vincitori, condottieri e poeti avrebbero fatto lo stesso…e oggi, anche i giovani laureati si circondano il capo con la famosa corona dall’alloro.

Il mito di Apollo e Dafne nel tempo

Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini
Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini

Ma se tutti conosciamo la rappresentazione scultorea del mito operata magistralmente da Bernini, diventa interessante provare a fare un viaggio attraverso i secoli, alla ricerca di rappresentazioni meno famose, ma ugualmente significative.

Entriamo nel magnifico Museo Archeologico di Napoli: qui è stato riportato l’affresco del triclinio della villa di Marcus Lucretius, databile 69-79 d.C. L’affresco raffigura il momento in cui la fanciulla si sente quasi mancare, dopo l’estenuante fuga e alza la mano destra, come a supplicare pietà. Forse qui ci si rifà ad una tradizione secondaria, secondo cui la ninfa, anziché chiedere aiuto al padre Peneo, abbia invocato la madre, la Tellus. Anche di questo mito, si fa breve cenno in Ovidio ( I, 544-545).

Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo
Apollo e Dafne di Piero del Pollaiuolo

Facciamo ora un balzo in avanti nel tempo: attorno al 1480 il Pollaiolo realizza su tavola la stessa scena. Solo che Apollo è biondo ed indossa abiti del tempo. Dafne appare come una dama quattrocentesca, ma la trasformazione delle braccia in rami d’alloro e della sua gamba sinistra in radice ci permette di identificare il mito. I corpi sembrano fusi in una danza, quasi a costituire un unicum. L’opera è conservata alla National Gallery di Londra.

Apollo e Dafne di Giambattista Tiepolo
Apollo e Dafne di Giambattista Tiepolo

Tiepolo, invece, all’eleganza del marmo di Bernini preferì utilizzare colori accesi, ponendo in contrasto tra di loro colori caldi e freddi. Inserisce però nella tela anche Peneo e Cupido, per rendere il tutto ancora più dinamico. La ninfa è colta all’inizio della metamorfosi e la sua nudità ne esalta ancor di più la sua femminilità.

Consulta anche le pagine: Arte e teatro, Arte e femme fatale, Arte e eros, Arte e amore, Arte e letteratura, Le streghe nell’arte, Arte e bellezza femminile, La Bibbia nell’arte

Vai alla Sezione: Arte e cultura, Temi letterari

Leggi gli altri contributi di Anna Maria Nosotti: Arte e femme fatale, Arte e teatro, La Divina Commedia nell’arte, Ritratti di Dante Alighieri, Il diavolo nell’arte, Le Metamorfosi di Ovidio

Articolo correlato

Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Aldo Galli, I Pollaiolo, Milano, 5 Continents Editions, collana “Galleria delle arti” n.7, 2005, ISBN: 978-88-7439-115-8
  • A. Galli, A. Di Lorenzo (a cura di), Antonio e Piero del Pollaiolo. «Nell’argento e nell’oro, in pittura e nel bronzo», Skira, 2014, ISBN-10 ‏ : ‎ 8857225054 ISBN-13 ‏ : ‎ 978-8857225050

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 20 luglio 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Piero del Pollaiuolo intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Piero del Pollaiuolo

Consulta la pagina dedicata all’opera di Piero del Pollaiuolo, Apollo e Dafne, sul sito del National Gallery di Londra.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content