Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto raffigura in primo piano la Colonna di San Teodoro al centro della Piazzetta.

Canaletto, Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute, ca. 1735, olio su tela, 110,5 x 185,5 cm. Milano, Pinacoteca del Castello Sforzesco, Collezione Albertini

Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto
Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Vedutismo, Venezia nella pittura

Indice

Descrizione di Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

Il dipinto di Canaletto riproduce una veduta di Venezia nella quale compare, in primo piano, il Molo della Piazzatta. A destra si eleva la Colonna di San Teodoro e dietro di essa la facciata della libreria del Sansovino. Sullo sfondo compare Punta della Dogana con la Chiesa della Salute dell’architetto Longhena. La scena è popolata da piccole figure umane che rappresentano popolani intenti in varie attività. Sono presenti anche piccoli animali oltre alle famose gondole che galleggiano sull’acqua della Laguna.

Interpretazioni e simbologia di Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

La veduta dipinta da Canaletto ritrae con precisione ogni dettaglio della scena, edifici, gondole, figure umane, animali e oggetti di vita ordinaria. Questa costante attenzione al particolare si ritrova in tutte le vedute urbane dell’artista di Venezia.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto si trova a Milano presso la Pinacoteca del Castello Sforzesco e fa parte della Collezione Albertini.

L’artista e la società. La storia dell’opera Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

Canaletto dipinse Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute intorno al 1735.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute di Canaletto

Canaletto fu un maestro del vedutismo e contribuì ad elevare questo genere pittorico grazie all’attenta rappresentazione di particolari architettonici e ambientali. Le sue vedute, infatti sono ricche di elementi che animano la scena come figure di popolani, animali e oggetti del quotidiano.

Sembra infatti che il pittore non trascuri alcuna possibilità di rendere vivo e animato l’ambiente urbano. Le opere di Canaletto sono ricche di particolari e le figure umane rappresentano diversi soggetti di diverse età, occupazione e atteggiamento. Inoltre è possibile osservare limitate porzioni dell’opera che rappresentano scene autonome e piccole nature morte.

La tecnica

Il dipinto di Canaletto, Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute, è un olio su tela di 110,5 centimetri di altezza e 185,5 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

La veduta di Canaletto riporta fedelmente i colori della scena urbana rappresentata. Gli edifici sono colorati con grigi chiari e ocra gialla che suggerisce la luce solare riflessa. A sinistra, invece, si trova una zona più scura e di colore freddo, bruno delle gondole e blu-verde della superficie dell’acqua. Nella parte superiore del dipinto domina un ampio cielo azzurro animato da un accenno di nuvole bianche e rosa.

La luce del sole che colpisce il paesaggio proviene da sinistra, da est, e proietta ombre parallele al piano che si prolungano verso destra. Canaletto ha quindi ambientato la veduta nelle prime ore della mattina.

Lo spazio

Canaletto, secondo gli storici, utilizzò abitualmente una camera ottica portatile che gli permetteva di tracciare dal vero, sulla tela, la prospettiva del paesaggio. Infatti gli edifici sono rappresentati con una rigorosa prospettiva. Le linee di fuga convergono verso l’orizzonte, in un punto che si trova in prossimità del centro del dipinto. Tale azione è molto evidente nel profilo del molo, in basso al centro e nel profilo superiore degli edifici a destra. A questa resa prospettica, contribuisce anche la diminuzione della grandezza delle figure in profondità.

La composizione e l’inquadratura

La veduta di Canaletto è un dipinto di forma rettangolare e orientamento orizzontale. L’inquadratura racchiude il paesaggio urbano e molti edifici importanti circondati dall’acqua.

Strutturalmente, il piano pittorico si divide in tre zone principali. La metà superiore è occupata dal cielo. Quella inferiore, invece, a sinistra ospita l’acqua del canale e a destra la piazzetta. A destra, prevalgono le linee ortogonali della facciata. Al centro le fughe, fortemente oblique delle architetture. A sinistra le linee più moderatamente inclinate delle gondole attraccate al molo.

Articolo correlato

Gondole sulla laguna di Francesco Guardi

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Filippo Pedrocco, Canaletto, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2 maggio 2018, ISBN-10: 8809990722 ISBN-13: 978-8809990722
  • Bozena Anna Kowalczyk, Canaletto, 1697-1768, Silvana, 25 luglio 2018, ISBN-10: 8836639321 ISBN-13: 978-8836639328
  • Autori Vari, Canaletto & Venezia, Consorzio Museum Musei, 15 marzo 2019, ISBN-10: 883202604X ISBN-13: 978-8832026047

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 17 marzo 2022.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Canaletto intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Canaletto

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Canaletto, Molo con la Libreria e la Chiesa della Salute, sul sito del Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content