Gondole sulla laguna di Francesco Guardi

Gondole sulla laguna di Francesco Guardi mostra un’isola di Venezia lontana che diventa una sottile linea bianca all’orizzonte posata sull’acqua.

Francesco GuardiGondole sulla laguna (Laguna grigia), 1761-1770, olio su tela, cm 25 x 38. Milano, Museo Poldi Pezzoli

Descrizione del dipinto Gondole sulla laguna di Francesco Guardi

Sull’acqua in primo piano una gondola scivola rapidamente come altre che si vedono in lontananza a sinistra. Il gondoliere è in piedi a poppa e spinge con il remo che affonda nell’acqua della laguna. Sullo sfondo infine si alzano le mura di un’isola veneziana.

La cristallina rappresentazione prospettica di Venezia e dei suoi canali di Canaletto lascia il posto ad una città interiore. Francesco Guardi non osserva prospetticamente le architetture della città e non le rappresenta in modo rigoroso. L’artista percorre le vie di Venezia e naviga le sue acque assorbendo le atmosfere e ascoltando la vita che scorre. Sono le sue emozioni che guidano lo sguardo e il pennello sulla tela. Anche William Turner dipingerà romantiche vedute di Venezia e della laguna.

Gondole sulla laguna (Laguna grigia) è una piccola tela realizzata dal vedutista Francesco Guardi. L’atmosfera rappresentata non è particolarmente serena. La laguna infatti è avvolta da una luce fredda.

Analisi dell’opera Gondole sulla laguna di Francesco Guardi

Il gondoliere è appena riconoscibile al di sopra della gondola. Infatti l’artista ha rappresentato le figure in modo veloce, quel che basta per chiarire il contesto del dipinto. L’opera è però realizzata con pennellate sfumate, ancora lontane dalle sperimentazioni impressioniste. Anche il cielo è solcato da pennellate orizzontali che si riflettono con lo stesso andamento sull’acqua.

Il colore tende al grigio. Il verde della laguna e l’azzurro del cielo inoltre si differenziano appena. L’isola lontana assume un colore grigio chiaro con qualche accenno di ocra. Inoltre la gondola in primo piano è scura e sembra in controluce. Nell’insieme il colore tende a un monocromo freddo, che rappresenta un’isola e la laguna velate dall’umidità atmosferica.

Lo spazio del dipinto è avvolto dalla foschia e risulta quindi indefinito e ovattato. È uno spazio onirico, che risulta essere un’impressione concettuale della laguna. La luce contribuisce a costruire lo spazio e a suggerire indizi di profondità.

Il dipinto è rettangolare dal formato panoramico con la linea dell’orizzonte molto alta che lascia spazio, per i due terzi, alla distesa calma dell’acqua lagunare. La composizione guida lo sguardo verso le costruzioni semplificate con una linea chiara all’orizzonte. Questa linea corre lungo la sagoma lontana dei palazzi e delle mura.

Articolo correlato

In laguna di Guglielmo Ciardi

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giandomenico Romanelli, Guardi, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2014, EAN: 9788809774742

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 27 gennaio 2020.

Opere pubblicate

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Francesco Guardi intitolate:

  • Gondole sulla laguna

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Francesco Guardi, Gondole sulla laguna, sul sito del Museo Poldi Pezzoli di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera