Fuga di Rochefort di Edouard Manet

Fuga di Rochefort di Edouard Manet è l’omaggio alla rocambolesca evasione del giornalista imprigionato a causa della sua attività contro l’Impero francese.

Scheda in preparazione. Richiedi l’Analisi di quest’opera con una e-mail a: redazione@analisidellopera.it

Edouard Manet, Fuga di Rochefort, 1881 circa, olio su tela, 80 x 73 cm. Parigi, museé d’Orsay

Indice

Descrizione di Fuga di Rochefort di Edouard Manet

Rochefort si intravede appena mentre rema a poppa della piccola imbarcazione. I suoi complici Pain, Grousset e Jourde sono seduti accanto a lui. L’imbarcazione in balia delle onde restituisce un senso di pericolo raffigurata nell’ampio specchio d’acqua.

La piccola imbarcazione procede in avanti tra le onde. All’interno sono presenti quattro persone e una di loro rema a poppa. In alto si intravede inoltre un’altra imbarcazione che sopraggiunge.

Interpretazioni e simbologia di Fuga di Rochefort di Edouard Manet

Il titolo in lingua francese del dipinto di Edouard Manet è L’Evasion de Rochefort mentre in italiano è Fuga di Rochefort. Secondo i curatori del Musée d’Orsay di Parigi la composizione della tela sottolinea anche il disincanto di Manet nei confronti di Rochefort che tradì gli ideali repubblicani.

Il giornalista fu un convinto oppositore del regime imperiale e fondò il giornale satirico La Lanterne nel 1868. I funzionari di Napoleone III censurarono immediatamente la rivista che fu poi pubblicata a Bruxelles. Rochefort nel 1873 subì la condanna ai lavori forzati a causa del suo impegno attivo durante la Comune di Parigi. Nel 1874 il giornalista riuscì a evadere in modo spettacolare su di una piccola imbarcazione.

Edouard Manet dedicando la sua opera alla vicenda di Rochefort realizzò un’opera che rivoluzionò il genere della pittura storica. Infatti nell’Ottocento gli artisti che si dedicavano a tale tipologia rappresentavano soggetti antiche e mitologici.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Manet inviò il dipinto al Salon di Parigi del 1881. Il pubblico del mondo artistico ebbe così modo di commemorare un evento che aveva tanto colpito l’opinione pubblica.

L’artista e la società. La storia dell’opera Fuga di Rochefort di Edouard Manet

Manet dipinse due versioni della Fuga di Rochefort a partire dal dicembre 1880. Il dipinto conservato presso il Musée d’Orsay di Parigi è quello di dimensioni minori. Il dipinto di dimensioni maggiori si trova alla Kunsthaus di Zurigo.

Manet raffigurò l’evasione di Rochefort sei anni dopo il fatto. Nel gennaio del 1879 i Repubblicani vinsero in Senato e alla Camera in Francia. Il governo approvò poi, nel luglio 1880, una legge d’amnistia nei confronti di coloro che avevano partecipato alla Comune. Rochefort di conseguenza fu autorizzato ad entrare in Francia e Manet decise così offrire una sua interpretazione dell’evasione.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Fuga di Rochefort di Edouard Manet

Manet realizzò una rappresentazione d’effetto dipinta con pennellate brevi e decise.

Articolo correlato

Fuga di Margherita Pusterla dal carcere di Giovanni Marghinotti

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Gérard Georges Lemaire, Manet, Giunti, Collana: Dossier d’art, 2017, ISBN: 9788809990654

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 4 ottobre 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Edouard Manet intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Edouard Manet

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Edouard Manet, Fuga di Rochefort, sul sito del museé d’Orsay di Parigi.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content