Ballo al Moulin de la Galette di Pierre-Auguste Renoir

La vita degli artisti parigini di fine Ottocento, le modelle e i giovani dell’epoca sono documentati nei dipinti di Pierre-Auguste Renoir come Ballo al Moulin de La galette.

Pierre-Auguste Renoir, Ballo al Moulin de la Galette, 1876, olio su tela, cm 131 x 175. Parigi, Musée d’Orsay

Balli e feste nei locali di Montmartre come il Ballo al Moulin de La galette

Ballo al Moulin de la Galette documenta un momento di vita dei giovani parigini riuniti nel celebre caffè di Montmartre. Alcuni giovani danzano altri conversano seduti ai tavolini. In primo piano lo stesso Renoir siede ad un tavolino con le sue modelle e gli amici. Il dipinto cattura un’istantanea del momento allegro della vita mondana frequentata da artisti, intellettuali e parigini qualunque. Le donne esibiscono acconciature alla moda dell’epoca, nella danza le gonne si sollevano, svettano sulla massa dei clienti i cappelli a cilindro degli uomini.

Lo Stile

Ballo al Moulin de la Galette è un esempio di pittura che sostituisce la celebrazione di momenti di gloria nazionale con la descrizione della vita quotidiana dei parigini. La pittura accademica Neoclassica prestava la propria opera per celebrare la gloria della Rivoluzione Francese e di Napoleone con una tecnica iperrealistica e classicista. Le opere, di grandi dimensioni erano realizzate in studio, in seguito ad accurati bozzetti preparatori. Pierre-Auguste Renoir, come Edgar Degas, furono autori di pittura da studio con un intento diverso. I bozzetti realizzati dal vero, del locale e degli avventori, vennero rielaborati al chiuso per via della complessità della scena. Inoltre, era impossibile realizzare un dipinto con figure in movimento come Ballo al Moulin de la Galette direttamente all’interno del locale. L’intenzione di Renoir fu quella di creare una impressione di occasionalità e movimento.

La luce e il colore

Il colore e le impressioni luminose vengono utilizzate da Renoir per creare una immagine istantanea della scena in movimento. Il sole che filtra tra i rami degli alberi viene suggerito con piccole pennellate di colori molto saturi. Sulle figure, sui volti e sugli abiti si creano effetti di iridescenza che restituiscono l’atmosfera della giornata danzante all’aperto. Per creare questi effetti di luce Renoir utilizzò contrasti di luminosità e di complementari. Gli abiti scuri degli uomini mettono in evidenza gli abiti chiari delle ragazze. Gli azzurri delle ombre esaltano le luci in rosa e arancio.

Lo spazio

La profondità del dipinto viene percepita grazie alla sovrapposizione, verso l’alto del piano, delle teste degli avventori. A partire dal primo piano, infatti, i corpi e, soprattutto i volti, sono rappresentati con dimensioni sempre più ridotte. Questa stratificazione, unita alla prospettiva di sovrapposizione e all’altezza dal bordo inferiore del piano, crea una efficace illusione di profondità.

Composizione e inquadratura del dipinto Ballo al Moulin de la Galette di Pierre-Auguste Renoir

Per concorrere a creare una immagine di impressione occasionale l’inquadratura del dipinto contribuisce con un taglio fotografico. La scena viene tagliata sui bordi interrompendo la continuità delle forme. Questo espediente trasforma il dipinto in una immagine, ritagliata, dell’evento che si sta svolgendo di fronte agli occhi di Pierre-Auguste Renoir.

La vita di Renoir dalle impressioni della foresta di Fontainebleau alle suggestioni della Costa Azzurra

Pierre-Auguste Renoir nacque nel 1841 e morì nel 1919. La sua famiglia era di modeste origini ma riuscì a frequentare la scuola di Belle Arti di Parigi. Durante gli anni di formazione Conobbe Monet, Sisley e Basille. Fu nel 1864 che aderì ad un gruppo di artisti che si recavano nella foresta di Fontainebleau per dipingere en plein air. Pierre-Auguste Renoir partecipò, con i compagni, alle prime tre mostre che fondarono l’Impressionismo. In seguito ad un viaggio che lo condusse in Italia e in Algeria, nel 1882, si isolò dagli altri impressionisti dedicandosi al ritratto. Come ritrattista, Pierre-Auguste Renoir fu molto apprezzato anche dalla critica. Negli ultimi anni di vita si stabilì in Costa Azzurra dove dipinse Le bagnati, la sua ultima opera.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pierre-Auguste Renoir, Ballo al Moulin de la Galette, del Musée d’Orsay di Parigi.