Adriano Cecioni la vita e le opere

Adriano Cecioni fu un importante protagonista del gruppo dei Macchiaioli toscani del caffè Michelangelo e della Scuola di Resina di Portici.

Pagina aggiornata il: 3 luglio 2020. Torna a visitarci tra qualche giorno e troverai nuovi contenuti.

Nascita di Adriano Cecioni

1836. Adriano Cecioni nacque a Fontebuona il 26 luglio 1836.

Il contesto familiare di Adriano Cecioni

I genitori di Adriano Cecioni si chiamavano Giuseppe ed Umiliana Cecchini. L’artista nacque in una famiglia agiata perchè proprietaria di una locanda.

La formazione di Adriano Cecioni

Il giovane Cecioni si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Firenze.

I maestri di Adriano Cecioni

Presso l’Accademia di Firenze Cecioni diventò allievo dello scultore Aristodemo Costoli.

Collaborazioni e amicizie

L’artista entrò presto in contatto con il gruppo dei Macchiaioli che si ritrovavano al Caffè Michelangelo di Firenze. Assume quindi un ruolo determinante e collaborò con Telemaco Signorini, Vincenzo Cabianca e Cristiano Banti.

1863. A 27 anni, nel 1863, Cecioni si trasferì a Portici e partecipò alle attività della Scuola di Resina. Qui lavorò accanto agli artisti Giuseppe De Nittis, Marco De Gregorio e Federico Rossano.

Ragazzi che lavorano l’alabastro

Ragazzi che lavorano l’alabastro di Adriano Cecioni
Ragazzi che lavorano l’alabastro

1867. Ragazzi che lavorano l’alabastro, 1867, olio su cartone telato, cm 39.7 x 47.8. Milano, Pinacoteca di Brera

L’artista si trasferì a Portici nel 1863 e nel 1868 tornò a Firenze. Questo dipinto risale agli anni napoletani nei quali fu uno dei protagonisti della Scuola di Resina.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Adriano CecioniRagazzi che lavorano l’alabastro, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci