Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

Colonna infinita di Constantin Brâncuşi fa parte di un monumento più ampio costruito in onore degli eroi rumeni della Prima Guerra Mondiale.

Constantin Brâncuşi, Colonna infinita (Coloana fără sfârșit), 1938, ghisa, 29,3 m. Tâtgu Jiu, Romania

Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

Colonna infinita di Constantin Brâncuşi
Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

Constantin Brâncuşi, Colonna infinita (Coloana fără sfârșit), 1938, ghisa, 29,3 m. Tâtgu Jiu, Romania

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Scuola di Parigi

Indice

Descrizione di Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

La scultura di Constantin Brâncuşi detta Colonna infinita (Coloana fără sfârșit), fa parte di un monumento insieme a due altre opere. Il gruppo è formato da La Tavola del Silenzio (Masa tăcerii) e da La Porta del Bacio (Poarta sărutului). L’intero gruppo è indicato come L’Ensemble scultoreo di Constantin Brâncuși a Târgu Jiu (in rumeno: Ansamblul scultoreo Constantin Brâncuși de la Târgu-Jiu).

L’Ensemble scultoreo di Constantin Brâncuși a Târgu Jiu (Ansamblul scultoreo Constantin Brâncuși de la Târgu-Jiu)

L’Ensemble è formato dalle tre grandi sculture e si sviluppa lungo un asse di 1,3 km, orientato a ovest verso est. Grazie alle sue dimensioni, gli storici considerano L’Ensemble di Constantin Brâncuși una delle operazioni scultoree più estese del Nocevento.

Colonna infinita (Coloana fără sfârșit)

La Colonna infinita è una fusione in ghisa alta circa 29,3 metri costituita 15 elementi modulari a forma di rombo e due mezzi elementi in cima e alla base.

La Porta del Bacio (Poarta sărutului)

É una scultura in travertino Banpotoc, un materiale simile al marmo che rappresenta una cancellata. Il suo nome derivia dalla presenza di forme stilizzate di baci che si trovano sui pilastri. La struttura è di grandi dimensioni, 6,45 metri di larghezza e 5,13 metri in altezza.

Tavola del Silenzio (Masa tăcerii)

Si tratta di una struttura circolare in pietra che rappresenta un tavolo intorno al quale sono disposti dodici sedili a forma di clessidra.

Interpretazioni e simbologia di Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

L’Ansamblul scultoreo Constantin Brâncuși de la Târgu-Jiu celebra gli eroi rumeni morti durante la Prima Guerra Mondiale. Il significato delle tre strutture che compongono l’insieme non è mai stato dichiarato in modo esplicito. Le diverse interpretazioni sono quindi frutto di ipotesi di storici e commentatori che sono stati considerati secondo il loro credito presso la istituzioni della cultura ufficiale.

I sedili de La Tavola del Silenzio rappresentano forse il trascorrere del tempo o il momento presente la battaglia. Altri invece propendono per l’ultima cena considerando i dodici sedili. Forse la Porta del Bacio indica un passaggio ad un’altra vita. La Torre infinita si riferisce all’infinito sacrificio dei soldati rumeni.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

La Lega Nazionale delle Donne Gorj commissionò il monumento al fine di celebrare i soldati caduti in difesa i Târgu Jiu nel 1916 dalle forze degli Imperi Centrali. Constantin Brâncuși accettò la commissione nel 1935 senza pretendere il pagamento del compenso.

L’artista e la società. La storia dell’opera Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

Constantin Brâncuși nacque nel 1876 morì nel 1957. Realizzò quindi il monumento intorno all’età di 62 nel periodo in cui viveva a Parigi. Le autorità cittadine inaugurarono l’Ansamblul scultoreo Constantin Brâncuși de la Târgu-Jiu il 27 ottobre 1938. Gli amministratori sovietivi però considerarono il monumento un esempio di formalismo borghese cosmopolita per via del suo stile non conforme al Realismo socialista. Così negli anni Cinquanta del Novecento, il governo comunista rumeno decise di demolire le sculture e recuperare i rottami metallici.

La demolizione però non fu compiuta perché nel 1964 l’establishment governativo della Romania, considerò Brâncuși un artista rappresentativo dell’arte nazionale. Di conseguenza dopo il 1989, anno della caduta del regime comunista si avviò il restauro del monumento che era ormai in avanzato stato di degrado. La struttura mostrava infatti inclinazioni pericolanti, crepe, corrosione dei metalli e fondamenta instabili.

Il World Monuments Fund, nel 1996, inserì L’Ensemble nella lista dei World Monuments Watch. Questo gesto del Fondo internazionale permise di organizzare, nel 1998, incontri tra i vari enti finanziatori per avviare il restauro. American Express fornì i finanziamenti necessari che permisero permesso di recuperare l’opera tra il 1998 e il 2000. Il progetto ha riunito diverse realtà pubbliche e private quali il governo rumeno, il Fondo mondiale per i monumenti, la Banca mondiale e altri gruppi rumeni e internazionali.

Brâncuși elaborò una forma simile alla Colona infinita nel 1918. La versione in quercia si trova nella collezione del Museum of Modern Art di New York City.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Colonna infinita di Constantin Brâncuşi

Constantin Brâncuși fu autore di sculture che rivelano il suo interesse verso il primitivismo e l’astrazione. Nel caso del monumento realizzato a Tâtgu Jiu, la struttura a verticale ricorda anche una costruzione totemica o megalitica come i menhir. Invece i diversi moduli sono chiaramente espressione di una progettazione astratto-geometrica.

La tecnica

La colonna è in ghisa e i 16 moduli romboidali sovrapposti raggiungono l’altezza totale di 29,3 m. L’ingegnere amico di Brâncuși Ștefan Georgescu-Gorjan (1905–1985) assemblò i moduli che furono realizzati nell’officina centrale di Petroșani (Atelierele Centrale Petroșani) e consegnati il ​​27 ottobre 1938.

La luce sulla scultura

La struttura scolpita da Brâncuşi riflette la luce ambientale creando un chiaroscuro che mette in evidenza le diverse inclinazioni dei moduli che la compongono. Infatti, i lati orientati verso l’alto appaiono più chiari mentre quelli rivolti verso il basso risultano più scuri.

Rapporto con lo spazio

La colonna infinita di Constantin Brâncuşi è un momento installato all’esterno, in un ampio prato. I frequentatori del parco, quindi, possono osservare l’opera in tutte le sue prospettive.

La struttura

La struttura è di orientamento verticale. La Colonna infinita di Constantin Brâncuşi è composta da 15 moduli romboidali sovrapposti verso l’alto. Due metà sono poi applicate alla base e in vetta, quindi per un totale di 16 moduli.

Articolo correlato

La donna e l’uccello di Joan Mirò

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Testo in preparazione

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 26 marzo 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Constantin Brâncuşi intitolate:

  • Colonna infinita
  • Il bacio

Leggi La vita e tutte le opere di Constantin Brâncuşi

Consulta la pagina dedicata all’Atelier Brancusi sul sito del Pompidou di Parigi.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content