Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes

Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes è un esempio di poetica originale dell’artista lontana da Accademia e Impressionismo.

Pierre Puvis de Chavannes, Ragazze in riva al mare, 1879, olio su tela, 61 x 47 cm. Parigi, museé d’Orsay

Indice

Descrizione di Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes

Tre giovani donne seminude sono ferme sulla sabbia, in riva al mare. Una di loro è adagiata in primo piano con il busto sorretto da una roccia. La giovane è coperta con un telo bianco stretto intorno ai fianchi. Un’altra invece è in piedi e di schiena rispetto all’osservatore dell’opera. Con entrambe le mani sistema i suoi lunghi capelli stirandoli verso destra. Anche lei porta un telo bianco che la stringe sui fianchi. La terza infine è visibile in basso a destra e siede sulla sabbia guardando verso l’orizzonte.

Interpretazioni e simbologia di Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes

Jeunes filles au bord de la mer  è il titolo originale in lingua francese dell’opera di Puvis de Chavannes intitolata Ragazze in riva al mare.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes si trova a Parigi custodito presso il museé d’Orsay.

L’artista e la società. La storia dell’opera Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes

Pierre Puvis de Chavannes nacque nel 1824 e dipinse Ragazze in riva al mare nel 1879, all’età di circa 55 anni. Gli storici dell’arte lo considerano un artista di grande importanza nel contesto dell’arte occidentale della seconda metà dell’Ottocento. La sua influenza infatti non si limitò all’Europa ma giunse anche negli Stati Uniti. Pierre Puvis de Chavannes fu un maestro nella pittura monumentale rinnovando le forme e la composizione.

Le opere di Puvis de Chavanne furono di ispirazione a molti artisti di fine Ottocento come il gruppo dei Nabis. Inoltre la semplificazione formale delle sue figure ispirò artisti delle Avanguardie come Matisse e Picasso.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes

Ragazze in riva al mare risale al 1879, l’anno nel quale si tenne la quarta mostra impressionista. Nonostante questo l’opera di Puvis de Chavannes non si può considerare impressionista. Nello stesso tempo non è un dipinto legato agli schemi accademici. Quindi il linguaggio figurativo utilizzato dall’artista francese è unico e non assimilabile a una tendenza particolare.

Il dipinto quindi presenta lo stile tipico del pittore francese che mostra una generale semplificazione formale. La composizione è semplice e le figure presentano un disegno schematizzato. I colori sono chiari, spenti e tendenti a toni caldi. I volumi sono ridotti a causa del chiaroscuro quasi assente. Infine lo spazio presenta una profondità ridotta. La superficie della tela poi risulta opaca. Il soggetto è tratto dall’antichità classica e l’atmosfera rimanda ad una concezione poetica personale.

La tecnica

Il dipinto di Puvis de Chavanne è un olio su tela di 61 centimetri di altezza e 47 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

I colori dell’opera sono chiari e tendenti al grigio come in tutte le opere del periodo maturo dell’artista francese. In primo piano predominano tinte calde, ocra e marroni. Sullo sfondo invece il mare e il cielo sono resi con grigi-azzurri. L’impianto cromatico del dipinto si basa quindi sul contrasto di temperatura tra toni caldi e freddi.

L’illuminazione è diffusa e non crea forti contrasti di chiaroscuro.

Lo spazio

Le figure femminili sono collocate nel primo piano. La profondità della scena è quindi limitata ai soggetti principali e alla collinetta dipinta sulla sinistra. Invece, il mare e il cielo assumono l’aspetto di un semplice sfondo che esalta le giovani dipinte in primo piano.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di forma rettangolare e l’inquadratura verticale valorizza la figura della giovane dipinta al centro dell’opera.

La struttura compositiva si regge sulla forte verticalità prodotta dal corpo della giovane in piedi. A questa direttrice si contrappone poi, ortogonalmente, la linea dell’orizzonte rappresentata dall’incontro tra mare e cielo. Infine le linee oblique della montagnola e delle altre due giovani movimentano la composizione che potrebbe altrimenti risultare piuttosto statica.

Articolo correlato

Le Muse di Maurice Denis

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • La pittura al Museo d’Orsay. Testi di Michel Laclotte, Geneviève Lacambre, Anne Distel, Claire Frèches-Thory, Marc Bascou. Premessa di Françoise Cachin, Scala, 1995 EAN: 2560460022700
  • Simona Bartolena, Parigi Musèe d’Orsay, Il Sole 24 Ore, 2005, EAN: 2570140011214
  • Musee d’Orsay – la Guilda Delle Collezioni, RMN, 2006, EAN: 2570140229985

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 22 ottobre 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Pierre Puvis de Chavannes intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Pierre Puvis de Chavannes

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pierre Puvis de Chavannes, Ragazze in riva al mare, sul sito del museé d’Orsay di Parigi.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

Una risposta a “Ragazze in riva al mare di Pierre Puvis de Chavannes”

I commenti sono chiusi.