Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes

Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes fu il primo successo pubblico dell’artista, comprato dallo Stato francese, ed esposto al Salon del 1881.

Pierre Puvis de Chavannes, Il povero pescatore, 1881, olio su tela, 155,5 x 192,5 cm. Parigi, museé d’Orsay

Indice

Descrizione de Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes

Un pescatore vestito con abiti umili e logori è in piedi a poppa di una piccola barca. L’uomo china la testa verso il basso e ha gli occhi chiusi. Le sue mani sono poi raccolte sul ventre e sembrano atteggiate nell’atto di pregare. Di fronte a lui una rete da pesca è calata in acqua. Sulla riva intanto giocano un adolescente e un bambino di pochi anni. L’adolescente raccoglie alcuni fiori che crescono sul terreno mentre il più piccolo è fermo, coperto da un panno rosso. Le lingue di terra spoglie si spingono nell’acqua in primo piano mentre sul fondo la linea dello specchio d’acqua confina con un promontorio lontano.

Interpretazioni e simbologia de Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes

Il titolo originale dell’opera di Puvis de Chavannes è Le pauvre pêcheur  tradotto in italiano come Il povero pescatore.

L’intenzione di Puvis de Chavanne era profondamente antiaccademica. Infatti l’artista voleva richiamare l’attenzione del pubblico dell’arte sulla povertà del pescatore. L’uomo inoltre è evidentemente un padre vedovo con i due bambini che vivono in un ambiente desolato. Il soggetto richiama forse il tema biblico e il dipinto non è da intendere come una semplice opera di denuncia sociale.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera è conservata a Parigi presso il museé d’Orsay.

Lo Stato francese comprò diversi quadri di Puvis de Chavanne e il primo di questi fu proprio Il povero pescatore. L’acquisto del dipinto però non avvenne in seguito alla sua esposizione durante il Salon del 1881. Infatti il soggetto, dell’opera suscitò delle reazioni polemiche durante la manifestazione per via dello stile molto diverso da quello accademico. Così lo Stato francese acquisì l’opera solo nel 1887 presso la mostra del mercante Durand-Ruel.

L’artista e la società. La storia dell’opera Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes

Alla sua prima esposizione, nel 1881, molti commentatori ufficiali criticarono pesantemente le scelte stilistiche dell’artista. Lo scrittore francese Huysmans paragonò l’immagine a quelle dei messali e ai vecchi affreschi.

Furono però i giovani artisti e quelli delle generazioni successive ad apprezzare quest’opera. Prima di tutti i Nabis e soprattutto Maurice Denis. Poi Georges Seurat, Paul Gauguin e Picasso che nel suo periodo blu rievocò figure di poveri ed emarginati con uno stile essenziale e sintetico.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes

L’opera presenta caratteristiche tipiche dell’opera di Puvis de Chavanne che la rendono contraria ai precetti dell’arte ufficiale e accademica. Infatti i volumi sono assenti perché non è presente il modellato del chiaroscuro. Anche la prospettiva è assente e lo spazio è costruito grazie alla sovrapposizione e alle diverse grandezze. Inoltre il minimo chiaroscuro è determinato da tonalità verdastre e sgradevole secondo i canoni classici.

La tecnica

Il povero pescatore di Puvis de Chavanne è un’opera realizzata ad olio su tela, di 155,5 centimetri di altezza e 192,5 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto di Puvis de Chavanne presenta colori tendenti al grigio, caldi e bruni in primo piano. Invece sullo sfondo, il mare, il promontorio e il cielo sono resi con colori freddi, grigio-azzurri. L’opera è giocata sul contrasto di temperatura tra colori caldi e colori freddi. Infine il colore degli incarnati è tendente al rosa chiarissimo.

L’illuminazione della scena è diffusa ma non crea forti contrasti di chiaroscuro.

Lo spazio

L’ampio spazio aperto è descritto grazie alle quinte prospettiche naturali che progressivamente si sovrappongono verso lo sfondo. Infatti le lingue di terra che si protendono verso l’acqua, con le loro linee oblique scandiscono la profondità.

La struttura di legno che regge la rete e la barca, posta in obliquo, portano lo sguardo dell’osservatore verso il personaggio del pescatore.

Come in altri dipinti di Puvis de Chavannes la scena è risolta totalmente sul primo piano e lo sfondo è semplicemente un elemento che chiarisce il contesto ambientale.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto è di forma rettangolare e l’inquadratura leggermente orizzontale incornicia i tre protagonisti con una porzione di ambiente.

La struttura compositiva è organizzata intorno alla triangolazione delle tre figure umane. Questo triangolo compositivo trova il suo vertice in avanti, coincidente con la prua della piccola barca. La verticale creata dal corpo in piedi del pescatore è equilibrata dall’orizzontale della linea dello specchio d’acqua. Le linee oblique create dalla barca e dalle linee del terreno rendono più dinamica la scena.

Infine tutte le figure principali si collocano lungo la diagonale del dipinto che sale dall’angolo sinistro in basso e procede verso quello superiore destro.

Articolo correlato

Il Calvario di Maurice Denis

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • La pittura al Museo d’Orsay. Testi di Michel Laclotte, Geneviève Lacambre, Anne Distel, Claire Frèches-Thory, Marc Bascou. Premessa di Françoise Cachin, Scala, 1995 EAN: 2560460022700
  • Simona Bartolena, Parigi Musèe d’Orsay, Il Sole 24 Ore, 2005, EAN: 2570140011214
  • Musee d’Orsay – la Guilda Delle Collezioni, RMN, 2006, EAN: 2570140229985

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 22 ottobre 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Pierre Puvis de Chavannes intitolate:

  • Il povero pescatore

Leggi La vita e tutte le opere di Pierre Puvis de Chavannes

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pierre Puvis de Chavannes, Il povero pescatore, sul sito del museé d’Orsay di Parigi.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

Una risposta a “Il povero pescatore di Pierre Puvis de Chavannes”

I commenti sono chiusi.