Arte e turismo a Frassinetto Canavese

Con Arte a Frassinetto Canavese presento la vita di Carlo Bonatto Minella, un giovane pittore simbolista morto prematuramente all’età di 23 anni. Oggi, invece, Frassinetto offre un turismo ricco di percorsi naturalistici, buona gastronomia e un fantastico volo dell’arcobaleno che ti lancia a 140 km orari per 1800 metri di dislivello.

Pagina aggiornata il: 13 agosto 2022. Torna a visitarci e troverai nuovi contenuti.

Il pittore dell’anima. Carlo Bonatto Minella di Clara Colombatto

Mi sono interessato al paesino canavesano in seguito alla lettura di un piacevole libro intitolato Il pittore dell’anima. Carlo Bonatto Minella. Clara Colombatto ha scritto il romanzo di fantasia per raccontare la vita di un giovane artista dallo straordinario talento ma segnato da un tragico destino. Infatti Carlo Bonatto Minella morì a soli 23 anni a causa della tubercolosi che in quegli anni causò una epidemia nella zona.

Clara Colombatto, Il pittore dell'anima
Clara Colombatto, Il pittore dell’anima

Il romanzo di Clara Colombatto racconta con passione la vicenda di Carlo Bonatto Minella a partire dalla figura del padre seguendo il giovane nel suo percorso formativo. Infatti, riconosciuto il talento del ragazzo, i sacerdoti del paese convinsero la famiglia a iscrivere Carlo di soli 14 anni, all’Accademia Albertina di Torino. La permanenza in città del giovane studente fu segnata da stenti ma anche da grandi entusiasmi. Infatti i maestri di Carlo Bonatto Minella, gli artisti Gamba e Gastaldi, si accorsero subito della particolare abilità tecnica del ragazzo e lo incoraggiarono arrivando a favorire la sua iscrizione nonostante la giovane età.

Carlo Bonatto Minella dipinse opere dal gusto Simbolista e Orientalista di grande fascino soprattutto legato alla sua prematura scomparsa.

La leggenda della tragica vita di Carlo Bonatto Minella

Mi chiedo perché la vita di Carlo Bonatto Minella non sia stata ancora oggetto di un film. Esiste anche una biografia scritta da Angelo Paviolo nel 2000. Le componenti per una pellicola di successo infatti ci sono. Un giovane artista bohemien dal carattere romantico e introverso, dall’aspetto emaciato e minuto. Un perfetto eroe adolescente malinconico ma capace di concepire opere di grande forza drammatica. Le cronache dell’epoca raccontano che in seguito alla sua morte avvenuta il 6 giugno 1878, Carlo Bonatto Minella diventò subito una leggenda tra i giovani artisti.

Nel racconto, l’autrice descrive la quotidianità della famiglia Bonatto e lo scontro, o la simbiosi, con la natura del luogo, madre e matrigna. Leggendo le vicende agresti del pittore adolescente mi sono venute in mente le opere di una altro sfortunato artista, Giovanni Segantini, anche lui morto drammaticamente proprio in alta montagna. Nei dipinti di Segantini affollati di contadini-montanari, si coglie una spiritualità simbolista che descrive bene l’adolescenza di Carlo.

L’amministrazione comunale di Frassinetto è molto orgogliosa di questo illustre e sfortunato cittadino. Infatti ha dedicato al suo nome il progetto di una Pinacoteca Carlo Bonatto Minella e promuove la divulgazione della sua memoria. Proprio nella chiesa del paese è presente una Deposizione e nella frazione Berchiotto si può ammirare un San Rocco. La Pinacoteca è ospitata presso la chiesa di San Bartolomeo e custodisce la Deposizione la copia della Madonna sulla seggiola di Raffaello, il San Rocco, il Valletto in livrea e il Cristo Risorto.


Il paese di Frassinetto Canavese. Arte e turismo

L’esperienza del turista a Frassinetto Canavese è sicuramente più accattivante in estate per via della ricchezza dell’offerta naturaliatica. Anche in inverno, però, è possibile apprezzare i paesaggi di montagna che, nelle giornate assolate, offrono accattivanti soggetti per gli amanti della fotografia in alta quota.

Ho raggiunto il Frassinetto a piedi, lasciando l’auto a Pont Canavese, un paese che si trova in basso a qualche chilometro di distanza. Sono presenti infatti diversi percorsi naturalistici che portano in alto. Si tratta delle antiche vie che percorrevano a piedi o con animali gli abitanti del posto. Ho percorso quindi uno di questi sentieri che portano verso il sole di Frassinetto cercando di rivivere l’esperienza dell’epoca. L’impressione infatti è stata proprio quella di salire verso un luogo panoramico e assolato. Ho scoperto poi che il Frassinetto è soprannominato il balcone del canavese.

Salendo verso il paese ho cercato di cogliere lo spirito del posto, immaginando quel sentiero affollato di popolani in salita e in discesa. Il sentiero che ho percorso mi ha riservato belle sorprese, l’improvvisa vista di un ruscello che si allarga in una pozza dai colori profondi. La salita ripida ma sottolineata dal rumore del vento tra le foglie. Insomma una piacevole esperienza a contatto con la natura.

Per coloro che amano percorrere sentieri si montagna, è presente un percorso naturalistico, di media difficoltà, che sale da Santa Maria in Doblazio.

Le opere di Carlo Bonatto Minella

Deposizione di Gesù dalla croce

Deposizione di Gesù dalla croce
Deposizione di Gesù dalla croce

Carlo Bonatto Minella, La deposizione di Gesù dalla Croce, 1874, Frassinetto, chiesa parrocchiale di San Bartolomeo apostolo


San Rocco di Carlo Bonatto Minella

San Rocco di Carlo Bonatto Minella
San Rocco di Carlo Bonatto Minella

Carlo Bonatto Minella, San Rocco, data, Frassinetto, località Berchiotto, chiesa di San Rocco e alla Madonna della Consolata

Le opere di Carlo Bonatto Minella nei musei

Altre opere di Carlo Bonatto Minella sono custodite presso la Galleria d’Arte Moderna di Torino e presso la Pinacoteca dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Purtroppo non sempre gli allestimenti della GAM di Torino valorizzano le opere di questo artista sconosciuto quindi potrebbero non essere esposte al pubblico.

La religione dei Trapassati di Carlo Bonatto Minella

La religione dei Trapassati di Carlo Bonatto Minella
La religione dei Trapassati di Carlo Bonatto Minella

Carlo Bonatto Minella, La religione dei Trapassati, 1878, Torino, Galleria civica d’Arte moderna

Giuditta che si mostra dalle mura di Betulia di Carlo Bonatto Minella

Giuditta che si mostra dalle mura di Betulia di Carlo Bonatto Minella
Giuditta che si mostra dalle mura di Betulia di Carlo Bonatto Minella

Carlo Bonatto Minella, Giuditta che si mostra dalle mura di Betulia, 1877, Torino, Galleria civica d’Arte moderna

Andrea Vesalio che studia anatomia di Carlo Bonatto Minella

Andrea Vesalio che studia anatomia di Carlo Bonatto Minella
Andrea Vesalio che studia anatomia di Carlo Bonatto Minella

Carlo Bonatto Minella, Andrea Vesalio che studia anatomia, del 1876, Torino, Pinacoteca dell’Accademia Albertina di Belle Arti

Link esterni

Consulta il sito del Comune di Frassinetto Canavese

Bibliografia

  • Angelo Paviolo, Carlo Bonatto Minella da Frassinetto C. pittore, GS Editrice (1 luglio 2000, ISBN-10 ‏ : ‎ 8887374600 ISBN-13 ‏ : ‎ 978-8887374605
  • Carlo Bonatto Minella, oltre il corpo… l’anima. Premio biennale 2° edizione 2013, Lizea Arte, 2013, EAN: 9788896630303
  • Clara Colombatto, Il pittore dell’anima. Carlo Bonatto Minella, Editrice Tipografia Baima-Ronchetti, Collana: Biblioteca degli scrittori piemontesi, 2021, EAN: 9788831934626