L’Estate di Giuseppe Arcimboldi detto Arcimboldo

Arcimboldo fu un virtuoso manierista che lavorò nelle corti italiane ed europee. Le sue figure allegoriche come L’Estate furono di gran successo nel soddisfare il gusto di opere fantastiche e stravaganti.

Giuseppe Arcimboldi detto Arcimboldo, L’Estate, 1573, olio su tavola, 76 x 64 cm. Parigi, Musée du Louvre

Descrizione. Estate esibisce i suoi frutti

Il profilo di Estate è ricreato assemblando frutta e ortaggi estivi. Per ogni parte del viso e della testa Arcimboldo ha saputo utilizzare un frutto adeguato. Il naso ad esempio è rappresentato con uno zucchino. La gota da una succosa pesca. I capelli poi sono acconciati con foglie e piccoli frutti. Giuseppe Arcimboldi ha decorato anche l’abito di Estate con un meraviglioso carciofo posto come una spilla. Il tessuto infine è realizzato con un intreccio di spighe dorate di grano. Sul colletto dell’abito è tessuto il nome dell’artista mentre l’anno di esecuzione si trova sulla spalla.

I Committenti e la storia espositiva

Giuseppe Arcimboldi lavorò sopratutto a Praga e a Vienna. Fu al seguito quindi degli imperatori Massimiliano II e poi Rodolfo II d’Asburgo.

Lo stile L’Estate di Giuseppe Arcimboldi detto Arcimboldo

Nell’ambito della pittura manierista Giuseppe Arcimboldi chiamato Arcimboldo fu un pittore molto originale. L’artista assecondò il gusto delle corti italiane ed europee del secondo Cinquecento. Creò infatti figure allegoriche composte da fiori, frutta e oggetti. In genere si tratta di ritratti di personaggi noti o di personificazioni come nel caso dell’opera L’Estate. In alcuni casi il divertimento di Arcimboldo si spinse a creare personificazioni di mestieri e attività come nel caso de Il Bibliotecario.

Le sue immagini allegoriche sono spesso delle caricature. L’Artista fu ispirato dalle grottesche di Raffaello e dalle caricature di Leonardo da Vinci. La frutta e gli ortaggi che compongono il volto personificato di Estate sono dipinti con grande attenzione. Inoltre con particolare cura Arcimboldo ha reso il tessuto con il quale è stato ricavato l’abito del protagonista. Il chiaroscuro è determinante per rendere la tridimensionalità dei vari frutti e degli ortaggi. Infatti il fondo scuro crea un contrasto essenziale per mettere in evidenza il volto. Estate è inquadrato di profilo, un’angolazione che permette agevolmente di assemblare i vari elementi naturali. Intorno al bordo interno L’artista ha poi ricavato una ghirlanda di fiori estivi.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giuseppe Arcimboldi detto Arcimboldo, L’Estate, sul sito del Musée du Louvre di Parigi.