Tableau Piege di Daniel Spoerri

Tableau Piege di Daniel Spoerri è una delle molte opere che l’artista realizzò a partire dai residui lasciati sulle tavole dopo i pasti.

Daniel Spoerri, Tableau Piege, 1972, tecnica mista su tela, 54,4 x 63,1 x 16 cm. Amburgo, Kunsthalle

Indice

Descrizione di Tableau Piege di Daniel Spoerri

Nell’opera di Daniel Spoerri intitolata semplicemente Tableau-piege si osservano degli oggetti di uso quotidiano che ricordano un tavolo allestito per la colazione. Si osserva infatti al centro un piatto con del residuo di cibo e le posate, una forchetta, un coltello e un cucchiaino. Inoltre si possono vedere dei tovaglioli usati e accartocciati sulla sinistra. A destra del piatto è posato un piccolo bicchiere in vetro trasparente. Il piano sul quale è fissata l’installazione è dipinto con una vernice nera uniforme.

Interpretazioni e simbologia dell’opera Tableau Piege

Daniel Spoerri fu molto attento alle questioni relative alla nutrizione considerata in rapporto alla spiritualità umana. Questa sua poetica inoltre viene espressa nelle sue opere con aspetti ludici. Il cibo diventa così interfaccia tra arte e vita.

In generale l’artista fu attratto dal disordine e dal residuo lasciati nel vivere quotidiano. Infatti era convinto che nella sporcizia e sui tavoli abbandonati si potessero trovare aspetti nascosti della vita di ognuno. Inoltre questi oggetti abbandonati raccontano molto di coloro che li hanno appena utilizzati.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Tableau-piege (quadro-trappola) di Daniel Spoerri del 1972 esposto presso la Kunsthalle di Amburgo.

La storia dell’opera Tableau Piege di Daniel Spoerri

L’artista nacque in Romania a Galați nel 1930. Daniel Spoerri iniziò ad esporre i tableau-piège a Parigi nell’ambito del festival d’art d’avantgarde che si tenne dal 18 novembre al 15 dicembre 1960. L’artista realizzò in seguito altre installazioni che sono esposte nei più importanti musei di arte contemporanea del mondo.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile dell’opera Tableau Piege di Daniel Spoerri

Daniel Spoerri è considerato un esponente del Nouveau Realisme. Questo movimento nacque a Parigi nel 1960. Un gruppo di artisti riunito in un appartamento fondò un nuovo modo di ritrarre momenti di vita quotidiana.

L’artista diede alle sue opere il nome di tableau-piege che indica l’uso di oggetti quotidiani fissati su tavole esposte verticalmente. Spoerri inoltre fu autore di sculture collage e e altre opere su supporto cartaceo. Il tableau-piege di Spoerri è composto così da oggetti apparentemente disposti in modo casuale come li ha rinvenuti l’artista.

Un precedente vicino all’opera di Spoerri è la pratica del ready-made di Duchamp. Nell’opera di Spoerri però manca la componente filosofica e analitica. Infatti Spoerri raccoglieva in modo maniacale e rigoroso gli oggetti disponendoli nella stessa configurazione. L’artista agiva così come una specie di archeologo ricostruendo lo spazio e la disposizione dei reperti lasciati dalla pratica quotidiana. Daniel Spoerri è considerato l’inventore della Eat Art. Inoltre aprì ristoranti nei quali i camerieri recitavano ruoli da performer. Partecipò alle attività di Fluxus per coinvolgere lo spettatore in azioni performative legate al cibo e alla sua consumazione.

La tecnica

Nei tableau-piège di Daniel Spoerri gli oggetti sono incollati e fissati su supporti verticali. L’opera di Daniel Spoerri è quindi un assemblaggio.

La luce sulla scultura

L’opera di Daniel Spoerri è esposta verticalmente. Essendo una installazione gli oggetti interagiscono fisicamente con la luce allestita all’interno dello spazio espositivo. Inoltre la diversa natura delle superfici crea riflessi o diversamente assorbe la luce. Nel caso del tableau-piège esposto alla Kunsthalle di Amburgo nella parte bassa emergono oggetti in contrasto con il supporto scuro.

Rapporto con lo spazio

Il tableau-piege di Daniel Spoerri è orientato in senso verticale. Infatti l’artista dichiarò di voler riproporre la disposizione originaria degli oggetti ma offrirla invece in verticale all’osservatore. La sua installazione viene quindi osservata dall’alto poiché gli oggetti sono visibili nella loro parte superiore.

La struttura

Come in tutti i tableau-piège Daniel Spoerri predispone una superficie verticale sulla quale fissa gli oggetti trovati. Nella metà inferiore dell’opera sono disposte le stoviglie utilizzate per la colazione. La rigidità del supporto inoltre si contrappone alla rotondità delle stoviglie e alla organicità delle forme.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Omaggio a Daniel Spoerri. Opere scelte, Skira Collana: Arte moderna. Cataloghi, Anno edizione: 2010, EAN: 9788857205762
  • Marco Bazzini, Daniel Spoerri. Riordinare il mondo., Manfredi Edizioni, Anno edizione: 2018, EAN: 9788899519568

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 9 ottobre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Daniel Spoerri intitolate:

  • Tableau Piege

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Daniel Spoerri, Tableau Piege, sul sito del Kunsthalle di Amburgo.