Annunciazione e due Santi di Simone Martini

L’Annunciazione e due Santi di Simone Martini è un importante dipinto del periodo gotico che interpreta un evento cristiano di grande intensità.

Simone Martini, Annunciazione e due Santi, 1333, tempera su tavola, 265 x 305 cm (totale pannello). Firenze, Galleria degli Uffizi

Indice

Descrizione dell’Annunciazione e due Santi di Simone Martini

L’arcangelo Gabriele si rivolge alla Madonna con gentilezza e reverenza pronunciando il messaggio divino. Il testo infatti compare sul fondo dorato, partendo dalla bocca del messaggero. I personaggi manifestano una grande empatia psicologica. La Vergine sembra quasi intimidita dall’arrivo dell’angelo e si ritrae coprendosi con il mantello. Al centro della pala d’altare in alto, in corrispondenza dell’archetto maggiore, si trova inoltre lo Spirito Santo circondato da una corona di cherubini.

Interpretazioni e simbologia dell’Annunciazione e due Santi di Simone Martini

L’annunciazione ricorda l’episodio del Vangelo di Luca nel quale L’arcangelo Gabriele incontra la Vergine. Nel Vangelo di Matteo l’Annunciazione avvenne anche a Giuseppe, padre putativo di Cristo. Simone Martini dipinge una Madonna Annunciata, intimorita dalla presenza dell’arcangelo Gabriele.

Le ali dell’Angelo sono coloratissime e sembrano ancora delle ali di una farfalla sebbene presentano già la forma di ali di uccello. I gigli rappresentano invece la purezza della Vergine.

L’arcangelo Gabriele si rivolge alla Madonna con gentilezza e reverenza pronunciando il messaggio divino che viene scritto sul fondo dorato. L’Annunciazione è un evento importante per la cristianità e rappresentato da molti artisti di ogni tempo.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’Annunciazione venne dipinta da Simone Martini per il Duomo di Siena insieme al cognato Lippo Memmi che realizzò i pannelli laterali.

La storia dell’opera Annunciazione e due Santi di Simone Martini

Quest’opera è considerata uno dei grandi capolavori dell’arte gotica e fu dipinta nel 1333.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile dell’Annunciazione e due Santi di Simone Martini

Come nel caso di tutte le opere Senesi, di questo periodo, Simone Martini diede grande importanza alla linea di contorno a scapito del volume. Le figure sono dipinte con una attenzione particolare all’eleganza della linea di contorno e crea una decorazione lineare. Questa caratteristica prende il nome di lirismo gotico per via della poeticità delle immagini. La Vergine si ritrae e nasconde il viso con il mantello creando uno dei movimenti lineari più eleganti del Trecento toscano.

La tecnica

Il dipinto fu realizzato a tempera su tavola e le aureole sono solide e incise sul fondo.

Il colore e l’illuminazione

Il fondo della tavola è interamente dorato e quindi crea uno spazio ideale che rappresenta il divino. Nell’insieme prevalgono poi colori caldi con l’esclusione del manto della Vergine di un colore blu scuro e porpora intenso. La luce inoltre è assolutamente ideale e i volumi sono descritti solo parzialmente, non da un chiaroscuro importante, ma dalle linee di contorno. In ogni caso l’illuminazione proviene frontalmente e, debolmente, da sinistra creando un’ombreggiatura molto leggera verso destra.

Lo spazio

Il pavimento, decorato e dipinto, crea uno spazio credibile e molto realistico con le diagonali che convergono verso il vaso centrale.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto ha una composizione basata su una scansione ritmica molto precisa. Questa scansione è determinata da linee di contorno sinuose ed eleganti.

La pala è incorniciata, in alto, da una struttura in legno dorato che crea una cornice di archi a sesto acuto. Quello centrale ha dimensioni maggiori ed è affiancato da due archetti per parte più piccoli. Nel suo insieme sembra imitare l’interno di una cattedrale con le navate minori laterali e la navata centrale maggiore. All’interno dello spazio centrale, che si viene a formare tra le due colonnine che separano i pannelli laterali, si trovano l’angelo annunciante a sinistra e la Vergine a destra con al centro il vaso di gigli bianchi posato a terra.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Piero Torriti, Simone Martini, Giunti, Collana: Dossier d’art, ISBN: 9788809761520

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 2 dicembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Simone Martini intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Simone Martini, Annunciazione e due Santi, sul sito della Galleria degli Uffizi di Firenze.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera