L’Immacolata Concezione di Piero di Cosimo

L’Immacolata Concezione di Piero di Cosimo è conservato alla Galleria degli Uffizi di Firenze e fu dipinto per un nobile lontano dalla cerchia dei Medici.

Piero di Cosimo, Immacolata Concezione, tra il 1485 e il 1490 o il 1505. Firenze, Galleria degli Uffizi

Indice

Descrizione de L’Immacolata Concezione di Piero di Cosimo

Piero Di Cosimo viene definito da Vasari un pittore molto particolare del tardo Quattrocento fiorentino. Lo storico che scrisse le prime vite degli artisti a lui contemporanei lo definì, infatti, un artista singolare e difforme. Piero Di Cosimo fu allievo di Cosimo Rosselli e da lui, quindi, prese il nome. Con Cosimo Rosselli, Piero di Cosimo, collaborò alla realizzazione di alcuni affreschi nella Cappella Sistina. Il maestro è conosciuto grazie a suoi dipinti di contenuto mitologico e spirito filosofico. Realizzò molti dipinti anche per Francesco del Pugliese. Infatti, Piero Di Cosimo lavorava, soprattutto, per famiglie non legate alla cerchia dei Medici di Firenze.

L’Immacolata concezione di Piero Di Cosimo fu realizzata per essere esposta nella cappella Tedaldi della chiesa dei Servi Santissima Annunziata. Si trova agli Uffizi dal 1804. Nell’Immacolata Concezione di Piero di Cosimo la Vergine si trova su di un piedistallo marmoreo. Inoltre sul piedistallo è presente un bassorilievo con scolpita l’Annunciazione. Sei figure di Santi circondano la figura della Vergine mentre il corpo di Maria si ritaglia contro il cielo. La composizione è incorniciata da due montagne laterali. In lontananza sono stati dipinti episodi neotestamentari, inoltre, sulla sinistra vi è la natività con l’annuncio dei pastori. Segue, sulla destra della fuga in Egitto. I Santi sono: Giovanni evangelista, che indica Gesù, che si trova concepito in Maria. Filippo Benizi, Caterina d’Alessandria, Margherita di Antiochia, Antonino Pierozzi e, infine, San Pietro. Le due Sante inginocchiate creano una piramide compositiva che sale e si completa, quindi, sulla fronte della Vergine.

Analisi

La composizione è fortemente simmetrica e le teste dei Santi compongono una mandorla. Questa sacra figura ha il suo centro nel ventre di Maria. Sopra la Vergine aleggia o Spirito Santo. L’Immacolata Concezione di Piero di Cosimo testimonia il grande talento del maestro. Ad esempio, i volti dipinti sono ampi e ben modellati illuminanti da una luce morbida e fredda che li rischiara. Il corpo della Vergine è racchiuso all’interno di una mandorla compositiva.

L’illuminazione è irreale e sembra essere emessa dalla mandorla che accoglie il corpo di Maria. Questa luce investe i personaggi e i Santi intorno lei che sembrano abbagliati da questo evento miracoloso. La modellazione del panneggio è tipica di Piero di Cosimo. Infatti, le vesti sono dipinte e costruite in modo ritmico e armonico. Le pieghe realizzate in modo ampio ed elegante. Anche Piero Di Cosimo come molti altri suoi colleghi artisti della Firenze del Quattrocento fu, probabilmente, influenzato da Hugo van der Goes. L’artista era presente, a Firenze con la sua opera molto ammirata, Il trittico Portinari.

Immacolata Concezione di Bartolomé Esteban Pérez Murillo

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Silvia Malaguzzi, Piero di Cosimo, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2011, EAN: 9788809748033

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 27 dicembre 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Piero di Cosimo intitolate:

  • L’Immacolata Concezione

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Piero di Cosimo, l’Immacolata Concezione sul sito della Galleria degli Uffizi di Firenze.

Chiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure la biografia dell’artista? Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it gli aggiornamenti saranno pubblicati esclusivamente sul sito. Non inviamo materiali tramite e-mail.

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.