Il doge Francesco Foscari destituito di Francesco Hayez

Il doge Francesco Foscari destituito di Francesco Hayez è la scena finale della tragedia musicata da Giuseppe Verdi su ispirazione del testo di lord Byron.

Francesco Hayez, Il doge Francesco Foscari destituito, 1844, olio su tela, cm 230 x 305. Milano, Pinacoteca di Brera

Indice

Descrizione del dipinto Il doge Francesco Foscari destituito di Francesco Hayez

Francesco Foscari è seduto al centro della scena e ascolta con serietà il verdetto della sua destituzione. A destra vi sono i membri della fazione a lui contraria che con determinatezza e soddisfazione leggono la sentenza. A sinistra, invece ci sono i familiari e i suoi fedeli che si disperano. I personaggi si trovano all’interno di Palazzo Ducale e a destra, oltre la finestra ad arco ogivale, si intravedono le cupole della Basilica di San Marco di Venezia.

Interpretazioni e simbologia de Il doge Francesco Foscari destituito di Francesco Hayez

Il doge Francesco Foscari destituito raffigura una scena finale del dramma di Byron intitolato “The Two Foscari”. Inoltre il testo fu di ispirazione per la tragedia lirica su musica di Giuseppe Verdi e libretto di Francesco Maria Piave. L’anziano è spinto dal Consiglio a condannare all’esilio il figlio, Jacopo Foscari, in seguito a false accuse di omicidio. In seguito a tale ingiusta condanna Jacopo muore di dolore poco prima che il vero colpevole consegni la propria confessione. Il doge intanto viene destituito dai suoi avversari e muore anche lui per il dramma familiare e politico che lo ha segnato.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto di Francesco Hayez che illustra la fine della vicenda del doge Foscari è esposto presso la Pinacoteca di Brera a Milano.

La storia dell’opera Il doge Francesco Foscari destituito di Francesco Hayez

Francesco Hayez dipinse l’opera nel 1844 e ritrasse se stesso nella figura del doge. Giuseppe Verdi inoltre prese ispirazione dal dipinto per comporre la musica per la tragedia lirica.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Il doge Francesco Foscari destituito

Hayez fu un importante pittore romantico che operò a Milano. Inoltre fu docente presso l’Accademia di Bella Arti di Brera. La sua pittura è caratterizzata da un forte realismo e da soggetti storici che riprendono eventi e personaggi della storia italiana. Le figure sono realizzate con gran cura dei particolari e le architetture attentamente riprodotte. Inoltre le superfici dipinte sono levigate e le tinte sfumate.

La tecnica

Il doge Francesco Foscari destituito è un dipinto realizzato ad olio su una grande tela di 230 x 305 cm. Le figure sono realizzate con l’uso di velature sovrapposte.

Il colore e l’illuminazione

Nel dipinto le tinte calde e brillanti sono riservate ai personaggi e agli arredi. Infatti il gruppo di figure a destra indossa abiti dal colore rosso molto saturo. Inoltre al centro abbonda il colore oro presente sull’abito del doge, sul trono e sul tappeto del grande tavolo. Le pareti dell’ambiente invece sono grigie e scure e mettono così in risalto i colori caldi e brillanti. Il contrasto di luminosità crea il distacco tra l’interno in ombra e l’esterno luminoso.

Il contrasto di luminosità sottolinea il dramma che si compie all’interno e la giornata di festa che si prepara all’esterno per la regata.

Lo spazio

L’interno di Palazzo Ducale è rappresentato con una prospettiva frontale che ricorda lo spazio di un palco teatrale. La profondità della scena si ottiene grazie allo sfondamento prospettico attraverso la finestra a destra. Infine, nell’articolazione dello spazio interno sono molto importanti le alternanze di luci ed ombre.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto di Francesco Hayez è rettangolare e la sua forma orientata in orizzontale permette di rappresentare un’ampia scena con molti personaggi. Inoltre la figura centrale del doge e gli arredi rappresentano la massa principale della composizione. Gli altri personaggi infatti sono disposti coerentemente con il gruppo centrale.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • F. Mazzocca (a cura di), Francesco Hayez. Ediz. illustrata, Silvana (5 novembre 2015) Collana: Cataloghi di mostre, ISBN-10: 8836632343 ISBN-13: 978-8836632343
  • Francesco Leone, Fernando Mazzocca, Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini. Catalogo della mostra (Forlì, 9 febbraio-16 giugno 2019). Ediz. a colori, Silvana Collana: Arte, 13 febbraio 2019, EAN: 9788836641437
  • F. Mazzocca (a cura di), Romanticismo. Catalogo della mostra (Milano, 26 ottobre 2018-17 marzo 2019). Ediz. a colori, Silvana (29 ottobre 2018) Collana: Arte, ISBN-10: 8836641008 ISBN-13: 978-8836641000

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 14 luglio 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Francesco Hayez intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Francesco Hayez, Il doge Francesco Foscari destituito, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.