I martiri di piazzale Loreto di Aligi Sassu

I martiri di piazzale Loreto di Aligi Sassu racconta un drammatico e infamante episodio compiuto dai membri della Repubblica di Salò nel 1944.

Aligi Sassu, I martiri di piazzale Loreto, agosto 1944, olio su tela, misure. Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea

Indice

Descrizione de I martiri di piazzale Loreto di Aligi Sassu

Un mucchio di cadaveri di giovani partigiani è addossato contro un muro sul quale sono appesi dei manifesti. Inoltre i corpi dei giovani sono scomposti e coperti di sangue.

Interpretazioni e simbologia de I martiri di piazzale Loreto di Aligi Sassu

Aligi Sassu militò nella Resistenza italiana e quindi fu un artista molto sensibile ai temi della lotta partigiana. Inoltre nel dopoguerra si impegnò nelle battaglie sociali dei lavoratori. Nel dipinto i corpi a terra sono quelli di giovani italiani trucudati e vilipesi dai militanti della Repubblica di Salò.

Il dipinto racconta un fatto avvenuto in piazzale Loreto a Milano, tra viale Andrea Doria e corso Buenos Aires, il 10 agosto 1944. Il capitano delle SS Theodor Saevecke ordinò al capitano Pasquale Cardella di fucilare alcuni partigiani per rappresaglia contro un’azione ai danni dei soldati tedeschi. Infatti l’8 agosto 1944 un gruppo di ignoti compì un attentato contro un camion tedesco.  Nell’attentato non morì alcun soldato e le vittime furono invece civili milanesi, 6 morti e 11 feriti.

I militi repubblichini del gruppo “Oberdan della Legione Autonoma Mobile Ettore Muti” prelevarono così quindici uomini dal carcere di San Vittore. Dopo aver eseguito la condanna i corpi vennero lasciati sul posto per tutto il giorno esposti al sole cocente. Inoltre i legionari che sorvegliavano i cadaveri insieme agli ausiliari della RSI (Repubblica Sociale Italiana), vitupirarono i corpi oltraggiandoli. I soldati obbligarono anche i passanti a fermarsi e a osservare la scena come monito.

L’artista scrisse un libro intitolato Un grido di colore nel quale racconta la nascita del dipinto. Inoltre descrive il proprio stato d’animo che non era di odio ma di profonda tristezza per la guerra fratricida. Per questo il primo titolo del dipinto era “Guerra civile“.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Lo storico dell’Arte Giulio Carlo Argan acquistò i Martiri di Piazza Loreto di Guttuso presso la Biennale d’Arte Internazionale di Venezia del 1952. L’opera fu quindi esposta presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

La storia dell’opera I martiri di piazzale Loreto di Aligi Sassu

Aligi Sassu dipinse l’opera che raffigura i martiri civili nell’agosto del 1944.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto I martiri di piazzale Loreto di Aligi Sassu

Aligi Sassu è considerato un pittore neorealista e utilizzò un linguaggio pittorico particolarmente crudo per descrivere il massacro.

La tecnica

Il dipinto di Aligi Sassu che racconta la drammatica fucilazione avvenuta durante la Seconda Guerra Mondiale è una grande tela realizzata con colori ad olio.

Il colore e l’illuminazione

Il colore rosso diffuso su tutta la superficie dell’opera caratterizza l’intera composizione cromatica. Emergono quindi gli abiti di colore blu verso destra e in prossimità della parte centrale del bordo di sinistra. All’interno della massa di personaggi inoltre i toni più chiari permettono di evidenziare drammaticamente il rosso del sangue che si sparge anche al suolo di colore ocra chiaro. Lo sfondo è rappresentato da una palizzata scura sulla quale sono risposte macchie di colori vivaci gialli, rossi e blu.

Lo spazio

Il gruppo di cadaveri è disposto in primo piano e i corpi sono ammassati al suolo. La profondità della scena inoltre è limitata poiché immediatamente dietro i corpi si alza un parete che chiude lo spazio di fondo.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di forma rettangolare e la disposizione orizzontale delle figure sottolinea raggruppamento casuale dei corpi al suolo. Invece lo sfondo è definito dalle assi verticali e dai manifesti incollati sopra la palizzata.

Articolo correlato

Colpo di grazia di Renato Guttuso

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • CATALOGO GENERALE DELLA PITTURA,Volume primo 1926-1962, ELECTA, 2012, ISBN: 978883708716
  • CATALOGO GENERALE DELLA PITTURA Volume secondo 1963-2000, ELECTA, 2012, ISBN: 978883709033
  • Alfredo Paglione, Aligi Sassu. Catalogo ragionato dell’opera sacra. Ediz. a colori, Silvana, 2017, EAN: 9788836637706

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 14 maggio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Aligi Sassu intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Aligi Sassu, I martiri di piazzale Loreto, sul sito del Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma e della Fondazione Helenita e Aligi Sassu di Pollença, Isola di Maiorca (Spagna).

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera