Automobile in accelerazione di Giacomo Balla

Giacomo Balla con il dipinto Automobile in accelerazione applicò le sue idee futuriste agli oggetti in movimento.

Giacomo Balla, Automobile in accelerazione, 1912, olio su tavola, 55.6 x 68.9 cm. New York, The Museum of Modern Art (MoMA)

Descrizione

La superficie del dipinto è frammentata a partire dal centro dove si coglie una composizione triangolare e la sagoma di una automobile d’epoca. A destra la parte posteriore della vettura si ripete, nella parte alta, attraverso una sovrapposizione del profilo verticale. Nello stesso tempo, si individua la fiancata dell’auto e la ruota a destra in basso. A sinistra è presente una zona più chiara e tendente al verde. Si tratta probabilmente del paesaggio le cui linee dinamiche si integrano con quelle della vettura. In basso si individua la ruota anteriore dell’auto. Centralmente si trova una linea leggermente obliqua che separa in due il dipinto. In alto, poi, si sviluppa una zona più luminosa e con forme arrotondate.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

Il dipinto Automobile in accelerazione risulta di proprietà dell’artista dal 1912 al 1948. Laurance P. Roberts, Direttore dell’American Academy a Roma, acquisto l’opera direttamente da Giacomo Balla per il MoMA.

La storia dell’opera

Il dipinto è firmato in basso a sinistra con lo pseudonimo di Futurballa.

Consulta anche le opere di Balla intitolate: Velo di Vedova + Paesaggio, La Primavera, Rondoni, Lampada ad arco.

Lo stile del dipinto Automobile in accelerazione di Giacomo Balla

Giacomo Balla studiò, in prima istanza, il movimento organico e dipinse opere come Bambina che corre sul balcone, Le mani del violinista, e Dinamismo di un cane al guinzaglio. In un secondo momento l’artista si dedicò al movimento meccanico per rappresentare l’oggetto in movimento nello spazio. Balla concepì oggetti e figure nelle quali il movimento e la velocità fanno parte della fisicità dell’oggetto. L’immagine dell’automobile rappresenta un oggetto modificato dall’accelerazione che modifica anche lo spazio circostante. Nel dipinto Automobile in accelerazione l’immagine deformata della vettura che si confonde con il paesaggio è da intendersi come un oggetto nuovo che descrive gli effetti della velocità sui corpi. Le pennellate, dirette e non sfumate, accostate creano delle campiture geometriche molto chiaroscurate.

Il colore e l’illuminazione

Nella parte sinistra del dipinto Automobile in accelerazione di Giacomo Balla prevalgono toni chiari, di verde, giallo e grigio. Centralmente, invece, in alto, si forma una zona chiara con interventi di rosso e blu che si diffondono verso sinistra e verso destra. La parte destra, infine, è scura, con molti interventi lineari di nero. Le schegge geometriche sono colorate con blu, verde e qualche accenno di rosso.

Lo spazio

Nel dipinto Automobile in Accelerazione di Giacomo Balla l’immagine del veicolo si intuisce appena. Il soggetto, infatti, è nascosto dalla costruzione dinamica dello spazio. In basso, a livello del suolo, si intravede, comunque, un accenno di tridimensionalità.

La Composizione e l’inquadratura

Il formato del dipinto Automobile in accelerazione di Giacomo Balla è rettangolare e si sviluppa in orizzontale. La composizione è centrale, sottolineata dalla linea obliqua che incrocia una linea compositiva orizzontale. L’automobile in velocità occupa quasi interamente il campo pittorico ed è compresa interamente all’interno dell’inquadratura.

Gli equilibri compositivi

Il dipinto presenta una certa simmetria, determinata soprattutto dalla distribuzione delle schegge ambientali. La composizione cromatica invece è divisa tra la parte sinistra, chiara, e la parte destra, scura. Il movimento percepito è verso sinistra, suggerito dalla distribuzione dei colori e dalla forma dell’auto. In seguito alle due linee compositive che si incrociano al centro, il dipinto Automobile in accelerazione risulta suddiviso in quattro settori dalla dimensione quasi identica. In centro si individua una composizione triangolare che sembra dilatarsi verso l’esterno dell’opera. Prevalgono linee oblique, oltre alle ortogonali che si incrociano al centro.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giacomo Balla, Automobile in accelerazione, sul sito del The Museum of Modern Art MoMA di New York.