Zingari di Filippo De Pisis

Zingari di Filippo De Pisis ritrae un paesaggio della periferia urbana dove un gruppo di nomadi sosta in un prato ricavato tra le abitazioni.

Filippo De Pisis, Zingari, 1940, olio su tela, 31 x 36.4 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione di Zingari di Filippo De Pisis

Alcune figure appena accennate sono distribuite nella parte bassa del dipinto. Secondo le indicazioni del titolo l’immagine rappresenta un gruppo di zingari che si trova all’interno di una zona cintata. Al di là del muro si intravedono infine alcune abitazioni separate da alberi.

Interpretazioni e simbologia di Zingari di Filippo De Pisis

I soggetti circensi e i gruppi di nomadi furono temi rappresentati spesso dagli artisti del primo Novecento attratti probabilmente dalla vita libera dei loro componenti. Il dipinto rivela quindi l’influenza della scuola di Parigi e di ambienti artistici del primo Novecento sulla pittura di De Pisis.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto di Filippo De Pisis fa parte della collezione Vismara. L’opera esposta è ora insieme alle altre presso la Galleria d’Arte Moderna di Milano dal 1975. Infatti il collezionista donò tramite legato testamentario le opere al comune cittadino.

La storia dell’opera Zingari di Filippo De Pisis

Filippo De Pisis realizzò quest’opera nel 1940 all’età di 44 anni essendo nato nel 1896. Sul finire della sua carriera artistica, in piena maturità, realizzò paesaggi e nature morte composti da piccoli tratti sparsi sulla superficie bianca dell’opera.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Zingari di Filippo De Pisis

In questo caso la scena rappresenta una sintetica impressione di insieme realizzata con veloci pennellate.

La tecnica

Zingari è un’opera dipinta da De Pisis con impasto ad olio su masonite di 31 X 36,4 cm.

Il colore e l’illuminazione

Il fondo dell’opera è piuttosto scuro e grigiastro e su di esso sono distribuite delle macchie di colore più caldo e chiaro come l’ocra gialla del suolo e del muro di cinta. Inoltre tratti di colore più scuro delineano i personaggi.

Lo spazio

Lo spazio è definito grazie alla prospettiva appena accennata del muro di cinta che separa i due ambienti. In primo piano infatti nel grande spazio sono raffigurati i personaggi mentre nella parte oltre il muro di fondo si intravede il paese.

La composizione e l’inquadratura

Il piccolo dipinto di Filippo De Pisis è rettangolare con un leggero sviluppo orizzontale. La struttura del muretto che corre centralmente e in orizzontale determina inoltre l’intera composizione e separa la metà superiore da quella inferiore.

Articolo correlato

Famiglia di acrobati di Pablo Picasso

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Sileno Salvagnini, De Pisis. Ediz. illustrata, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, Anno, 2007, EAN: 9788809045286
  • Filippo De Pisis, La città dalle 100 meraviglie, Curatori: Bona De Pisis, Sandro Zanotto, Editore: Abscondita, Collana: Carte d’artisti, 2019 EAN: 9788884168054

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 9 giugno 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Filippo De Pisis intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Filippo De Pisis

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Filippo De Pisis, Zingari, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera