Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani

Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani è un disegno dai tratti essenziali che creano forme regolari e geometrizzate della protagonista.

Amedeo Modigliani, Madame Hastings in poltrona, 1915, matita su carta, 45 x 29 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione di Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani

La protagonista del ritratto è seduta in primo piano su di una poltrona della quale si intravede lo schienale ampio e rotondo. La giovane donna è poi vestita con un ampio abito e una gonna che ricade oltre il bordo inferiore del dipinto. Inoltre inclina il volto e lo appoggia contro la mano destra mentre la sinistra è in basso contro la gonna. Infine sullo sfondo si intravedono le ante chiuse di una finestra.

Interpretazioni e simbologia di Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani

Amedeo Modigliani realizzò molti ritratti di personaggi noti e amici. La protagonista di alcuni di essi fu la sua compagna Jeanne Hebuterne.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Milano esposto all’interno della collezione Vismara. Infatti il noto collezionista Giuseppe Vismara la donò insieme alla sua collezione nel 1975 al museo di Milano.

La storia dell’opera Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani

L’opera è del 1915 e fu realizzata da Modigliani intorno all’età di 29 anni. L’artista era nato nel 1884.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Madame Hastings in poltrona di Amedeo Modigliani

Lo stile essenziale e sintetico dell’artista è evidente nel viso della protagonista. Infatti sono presenti gli occhi allungati e vuoti, il naso appena tracciato e la piccola bocca. Inoltre è visibile il collo della giovane molto allungato. Le altre forme sono poi delineate da contorni curvi ed essenziali.

La tecnica

L’opera è una matita su carta di 45 x 29 cm.

Il colore e l’illuminazione

La carta sulla quale Modigliani ha disegnato presenta una superficie chiara e leggermente ingiallita. Il segno invece è grigio e le ombre sono deboli intorno al profilo di destra e sui capelli.

Lo spazio

In primo piano è visibile la donna che siede sulla poltrona mentre sullo sfondo si nota una finestra chiusa e una tendina accostata a destra.

La composizione e l’inquadratura

Il disegno è di forma rettangolare e l’inquadratura verticale raccoglie interamente l’immagine della donna raffigurata a mezza figura.

Articolo correlato

Bagnante al sole di Giorgio de Chirico

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giorgio Cortenova, Modigliani, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2017, EAN: 9788809994157
  • Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre. Catalogo della mostra (Livorno, 7 novembre 2019-16 febbraio 2020), Curatore: Marc Restellini, Editore: Sillabe, 2019, EAN: 9788833401188

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 10 giugno 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Amedeo Modigliani intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Amedeo Modigliani

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Amedeo Modigliani, Madame Hastings in poltrona, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera