Spiaggia a Viareggio di Vincenzo Cabianca

Spiaggia a Viareggio testimonia l’interesse di Vincenzo Cabianca per la luce marina. I suoi lavori appartengono alla sperimentazione macchiaiola sebbene l’artista continuò ad evolvere il proprio linguaggio negli anni.

Vincenzo Cabianca, Spiaggia a Viareggio, 1865, olio su tela, cm. 40 x 77. Genova, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione. La Spiaggia di Viareggio nel tardo pomeriggio

Sulla Spiaggia a Viareggio due donne camminano affiancate. Procedono in avanti con gli occhi bassi sulla sabbia. Sullo sfondo a sinistra contro un relitto alcune donne siedono in ombra. Sul bagnasciuga avanzano e si ritraggono le onde tranquille e il mare è uno specchio immobile. All’orizzonte la linea serpeggiante delle spiagge si prolunga a sinistra e dietro di esse si intravedono i profili delle montagne lontane. Il cielo chiaro è percorso da qualche gabbiano in volo.

I Committenti e la storia espositiva

Spiaggia di Viareggio di Vincenzo Cabianca fu esposto durante la Mostra della Società Promotrice di Belle Arti del 1865. Fu poi acquistato dal giovane Oddone di Savoia per la sua collezione Genovese. Alla sua prematura morte nel 1866 il padre Vittorio Emanuele II lo donò al Comune di Genova.

La storia dell’opera

Il dipinto è firmato e riporta anche la data di esecuzione in basso a destra.

Lo stile del dipinto Spiaggia a Viareggio di Vincenzo Cabianca

Cabianca fu un artista appartenente al gruppo dei macchiaioli. Con Nino Costa soggiornò diverse volte in Liguria per sperimentare la luce della costiera. Celebre è infatti il suo dipinto Case a Lerici. I suoi dipinti sono considerati un esempio di sperimentazione continua. Spiaggia a Viareggio possiede la struttura tipica dei dipinti macchiaioli e uno sviluppo panoramico. Le forme sono quindi costruite attraverso campiture omogenee di colore accostate tramite contrasti cromatici.

Il colore e l’illuminazione

La luce che illumina la scena è quella di un tardo pomeriggio. Le ombre proiettate a destra dalle figure sono infatti molto allungate. Il colore generale del dipinto risente dell’illuminazione dorata del tramonto. L’ocra della sabbia è così scaldato dal sole basso sul mare e in lontananza l’atmosfera colora la linea delle montagne di arancio. Il mare è comunque di un azzurro turchese ma il cielo è bianco e appena velato di grigio-azzurro in alto.

Lo spazio

La profondità è creata dal confronto fra le figure in primo piano e le figurine femminili in lontananza. Il paesaggio è ampio e sembra dilatarsi ulteriormente oltre i bordi laterali del dipinto.

La Composizione e l’inquadratura

L’inquadratura è panoramica e la composizione ancorata al centro dalle due figure e dalla struttura in legno poco lontano.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Vincenzo Cabianca, Spiaggia a Viareggio, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Genova.