Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali

Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali documenta i drammatici effetti dell’incursione aerea dell’aviazione alleata a Livorno.

Renato Natali, Via della Madonna dopo il bombardamento, 1945 circa, olio su compensato, cm 69×99. Livorno, Museo Civico Giovanni Fattori

Indice

Descrizione di Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali

Nel dipinto di Guido Natali è raffigurata una parte della città di Livorno distrutta in seguito ad un bombardamento. Le case di destra infatti sono crollate e le macerie sono già state rimosse. Rimangono solo alcune lastre di pietra abbandonate sul marciapiede. A sinistra invece si alza la facciata di una chiesa in controluce. La via è deserta ma si intravede una figura umana che avanza in fondo accanto l’unica finestra illuminata. La città infine è coperta da nubi dense e minacciose.

Renato Natali firmò in basso a destra con “R Natali”. Inoltre sul retro della tela compare la scritta: “Vecchia Livorno / (scomparsa) / Renato Natali”.

Interpretazioni e simbologia di Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali

Renato Natali rappresentò Via della Madonna di Livorno bombardata dall’aviazione angloamericana. La chiesa che compare sulla sinistra è la Santissima Annunziata dei Greci Uniti riconoscibile dalle colonne alte e dalle statue che si trovano sulla facciata. Via della Madonna aveva anche un particolare significato spirituale ed era un simbolo ecumenico della città portuale. Infatti sorgevano le tre chiese di culto cattolico, armeno e orientale.

Gli aerei alleati iniziarono a bombardare Livorno a partire dal 1940. La città infatti con il porto e le infrastrutture era un importante polo strategico dell’Italia fascista. In seguito, dal 28 maggio 1943 i bombardamenti si fecero sempre più frequenti e gli esiti drammatici. Natali durante la Seconda Guerra Mondiale decise così di rappresentare i momenti più drammatici del conflitto. Intitolò quindi l’opera così Vecchia Livorno per sottolineare la scomparsa dell’antico centro cittadino sotto le bombe.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno acquistò “Vecchia Livorno (scomparsa)” di Natali nel 1954. La Commissione di vigilanza del Museo acquisì anche altre opere per ricomporre la Sala livornese. Tale scelta ottemperava così alla Delibera di Giunta del 27 dicembre 1954 che integrava la collezione mutilata in seguito al bombardamento della sede di Piazza Guerrazzi.

La storia dell’opera Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali

Renato Natali dipinse questa veduta nel 1945 all’età di 62 anni. L’artista inoltre interpretò più volte Via della Madonna ma con colori più vivi e toni meno drammatici.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali

Natali utilizzò uno stile veloce e sommario. Infatti il colore è applicato con pennellate larghe che creano forme sintetiche.

La tecnica

L’opera di Natali è un impasto di colore ad olio applicato su una tavoletta di legno compensato di cm 69×99.

Il colore e l’illuminazione

I colori sono scuri e di limitate tonalità di ocra rossa. La strada distrutta dai bombardamenti è immersa nell’atmosfera cupa e la chiesa si trova in controluce. Emerge al fondo la finestra illuminata e nell’insieme si coglie un senso di smarrimento disperato.

Lo spazio

Lo spazio della via è descritto attraverso la fuga delle facciate disegnate in prospettiva.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto è di forma rettangolare e sviluppata in orizzontale. La fuga delle architetture occupa gran parte della superficie. Inoltre nella composizione prevalgono le linee oblique.

Articolo correlato

Notte di coprifuoco a Roma di Renato Guttuso

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Dario Matteoni, Renato Natali, Mauro Pagliai Editore, Collana: I maestri della luce in Toscana, 2007, EAN: 5000089512069

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 29 aprile 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Renato Natali intitolate:

  • Via della Madonna dopo il bombardamento di Renato Natali

Leggi La vita e tutte le opere di

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Renato Natali, Via della Madonna dopo il bombardamento, sul sito della Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.