Strada principale e strade secondarie di Paul Klee

Strada principale e strade secondarie di Paul Klee è un’opera dell’artista svizzero che si ispira alle atmosfere solari del Mediterraneo.

Paul Klee, Strada principale e strade secondarie (Hauptweg und Nebenwege), 1929, olio su tela, 83 x 67 cm. Colonia, Ludwig Museum

Indice

Descrizione di Strada principale e strade secondarie di Paul Klee

Il titolo dell’opera ripete fedelmente la sua struttura concettuale e grafica. Infatti al centro della superficie dipinta si sviluppa una fascia verticale che sale verso l’alto del campo grafico. La superficie rimanente è suddivisa in settori rettangolari orientati in orizzontale e in verticale. Vari colori differenziano poi le campiture creando contrasti più o meno forti.

Interpretazioni e simbologia di Strada principale e strade secondarie di Paul Klee

Quest’opera di Paul Klee manifesta un clima di serenità e di ottimismo simboleggiato dai colori che riprendono quelli dei paesaggi del Mediterraneo europeo.

L’opera si presta ad essere interpretata con diverse letture. Le campiture centrali paiono campi coltivati. Alcuni critici hanno interpretato la fascia centrale come la scala di una piramide a gradoni. Se interpretata come una strada principale, la fascia centrale è affiancata a destra e a sinistra da stradine e percorsi secondari. Queste vie non sembrano portare in luoghi precisi ma si interrompono ai bordi dell’opera. La strada principale, quella dipinta al centro dell’immagine, arriva fino ad un orizzonte molto alto, che si trova quasi al limite superiore.

Paul Klee e la musica

L’opera, nel tempo ha ispirato altri artisti e compositori musicali che hanno interpretato il metodo creativo di Paul Klee. Il compositore svizzero Christian Henking si basò sul dipinto di Klee per comporre l’assolo di chitarra Sillis nel 1992. Il musicista Michael Denhoff, nel 1998, compose un quintetto di circa tre ore intitolato Hauptweg und Nebenwege – Aufzüge, Op.83. Lo stesso Paul Klee conosceva la musica ed era amante del violino.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il proprietario Werner Vowinckel lo prestò per la prima esposizione Museo Wallraf-Richartz di Colonia. Attualmente l’opera è esposta al Museo Ludwig di Colonia.

La storia dell’opera Strada principale e strade secondarie di Paul Klee

Strada principale e strade secondarie (Hauptweg und Nebenwege), è uno dei dipinti più noti di Paul Klee. L’opera fa parte di un gruppo di dipinti che presentano gli stessi elementi formali e risalgono al gennaio del 1929.

Klee dopo il viaggio in Egitto tornò a Dessau e realizzò altre opere ispirate alle atmosfere mediterranee. Paul Klee realizzò quasi 60 opere con figure simili a quest’opera utilizzando diverse tecniche a colori e stampe calcografiche.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Strada principale e strade secondarie di Paul Klee

Gli storici considerano Strada principale e strade secondarie (Hauptweg und Nebenwege) un’opera determinante nel corpus della pittura di Paul Klee. I motivi sono diversi e dipendono dal momento della vita nel quale l’artista dipinse l’opera. Poi occorre considerare le dimensioni inusuali e la complessità della composizione.

Klee realizzò il dipinto utilizzando un processo creativo definito “progressione cardinale“. Con questo principio creativo matematico proporzionale Klee realizzò l’intero gruppo di opere della serie. L’artista partiva dall’alto tracciando linee orizzontali. Queste linee si dimezzano incontrando una linea verticale oppure una linea obliqua. Questo processo continua ogni volta che i segmenti incontrano verticali o oblique. Le proporzioni che si applicano ai diversi livelli sono progressivamente, 1/4, 1/8 e 1/16. Klee elaborò la sua progressione cardinale partendo dai corsi tenuti al Bauhaus e con opere precedenti. Un primo risultato di queste ricerche Paul Klee le produsse al ritorno del suo viaggio in Egitto nel 1929.

Le opere di Paul Klee possiedono una forte componente concettuale e procedurale che rivela l’essenza teorica del dipinto. Infatti si può considerare la poetica di Klee come un vero linguaggio grafico composto di segni, colori e precisi rapporti matematici tra di essi. Il procedimento compositivo artistico si confronta con il processo creativo della natura che ha modellato il paesaggio.

La tecnica

Strada principale e strade secondarie (Hauptweg und Nebenwege) è una delle opere più grandi di Paul Klee. Altre opere di grandi dimensioni risalgono infatti agli anni Trenta del Novecento. L’opera è un dipinto ad olio realizzato su una tela preparata in gesso. Paul Klee utilizzò questa preparazione raramente fino al 1929. Anche in seguito preferì poi supporti più leggeri.

Paul Klee realizzò l’immagine incidendo la superficie del gesso fresco di preparazione utilizzando uno stilo appuntito. Klee tracciò quindi le principali linee centrali con l’utilizzo di un righello. Le linee secondarie invece vennero realizzate a mano libera o con uno strumento improvvisato che lasciò alcune tracce nel gesso.

Il colore e l’illuminazione

I colori scelti da Paul Klee per animare il dipinto sono brillanti e creano decisi contrasti di temperatura cromatica di complementarietà. Si colgono infatti coppie arancione-giallo e rosso-verde.

I colori accesi e caldi utilizzati da Paul Klee per realizzare l’opera esprimono bene l’atmosfera dei paesi del Mediterraneo. Klee sperimentò tale sensazione viaggiando in Egitto come fecero altri artisti prima di lui nei paesi del sud Europa. Le sensazioni di ottimismo e felicità sperimentate da Klee dipendevano forse dal fatto che il Mediterraneo è la culla della cultura occidentale. La cultura dell’Antico Egitto si ritrova nei colori utilizzati da Klee come il blu che rappresenta l’acqua del Nilo. I marroni e gli ocra invece ricordano il fango mentre l’arancio e il giallo ricordano il sole intenso. Dello stesso colore erano le decorazioni sulle pareti delle camere di Assuan.

Lo spazio

Il dipinto di Paul Klee offre una lettura prospettica di strade che corrono verso l’orizzonte rappresentate dalle linee oblique convergenti. L’opera però si propone anche come una superficie astratta costruita con rettangoli colorati di diverso orientamento. La loro grandezza diminuisce verso il bordo superiore.

La composizione e l’inquadratura

Le linee verticali e quelle oblique creano variabili casuali, stabilite dall’artista. Invece le linee orizzontali con il loro principio di suddivisione apportano un meccanismo matematico e prevedibile. Questo principio creativo diventa così simbolico del rapporto tra individuo e il contesto. L’individuo introduce infatti una variabile irregolare nella regolarità del contesto.

Articolo correlato

Verso l’alto (Empor) di Vasilij Kandinskij

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Federica Pirani, Klee, Giunti, Collana: Dossier d’art, 2018, ISBN: 9788809992443

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 4 marzo 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Paul Klee intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Paul Klee

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Paul Klee, Strada principale e strade secondarie, sul sito del Ludwig Museum di Colonia.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content