Salvator mundi di Antonello da Messina

Salvator mundi di Antonello da Messina è un dipinto che rivela le influenze fiamminghe nell’opera dell’artista, moderate da istanze mediterranee.

Antonello da Messina, Salvator mundi, 1465-1470 circa, olio su tavola, 38,7×29,8 cm. Londra, National Gallery

Indice

Descrizione del Salvator mundi di Antonello da Messina

Al centro del dipinto la figura di Cristo è posta frontalmente. Gesù si trova oltre un parapetto che si intravede in basso. Il Messia ha capelli lunghi castani e una leggera barba bionda. Il suo viso poi è regolare e l’espressione serena. Inoltre, indossa una veste rossa e un mantello blu poggiato sulla sua spalla destra. La mano sinistra è posata sul parapetto mentre la destra è in avanti in segno di benedizione. Infine, sul parapetto è dipinto un foglietto segnato da due pieghe con la data dell’esecuzione.

Interpretazioni e simbologia del Salvator mundi

Salvator mundi è un modello iconografico religioso e cristiano che rappresenta Cristo Salvatore del mondo. Infatti, oltre al segno della benedizione, spesso, Gesù regge un globo che rappresenta l’universo. Cristo infatti salvò l’umanità dal peccato originale attraverso il suo sacrificio sulla croce.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

La National Gallery di Londra acquistò il Salvator mundi di Antonello da Messina nel 1861.

La storia dell’opera Salvator mundi

Antonello da Messina, modificò in seguito il dipinto abbassando la scollatura dell’abito e portando la mano di Cristo in avanti, verso il devoto.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile

Il dipinto presenta alcune caratteristiche dello stile fiammingo come lo sfondo scuro che si ritrova anche nei ritratti realizzati da Antonello da Messina. Inoltre, derivano dalla stessa area culturale le caratteristiche cromatiche e la scelta della tipologia iconografica. Infatti, gli storici mettono in relazione il Salvator mundi con l’opera di Petrus Christus, un artista fiammingo.

Antonello da Messina, però introdusse nell’opera anche elementi mediterranei quali la monumentalità della figura di Cristo. La profondità dello spazio è determinata anche dalla mano che si proietta verso l’osservatore.

La tecnica

Salvator mundi di Antonello da Messina è un dipinto realizzato con colori legati ad olio. Il supporto è poi una tavola di legno. L’artista fu, infatti, tra i primi del territorio italico ad abbandonare la tempera per sperimentare la tecnica ad olio elaborata dagli artisti fiamminghi.

Il colore e l’illuminazione

I colori sono caldi e risaltano contro il fondo molto scuro. La luce poi illumina la figura di Gesù per circa tre quarti arrivando da destra.

Lo spazio

Cristo è immerso in uno spazio indefinito. Infatti lo sfondo è scuro e non permette di identificare elementi ambientali.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di formato rettangolare e l’inquadratura verticale permette di rappresentare la figura di Gesù isolandola grazie al fondo scuro che la circonda.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Antonello da Messina intitolate:

Bibliografia

  • F. Sricchia Santoro. Antonello e l’Europa, Milano, 1986.
  • Gioacchino Barbera, Antonello da Messina, Milano, Editore Electa-Banco Ambrosiano Veneto, 1997, ISBN 88-8016-202-0.
  • Mauro Lucco, Antonello da Messina, l’opera completa, Milano, Editore Silvana, 2006, ISBN 88-366-0633-4
  • M. Lucco, G. Villa, Antonello da Messina. L’opera completa, 26 settembre 2013, Editore: Silvana, EAN: 9788836627035
  • Marco Bussagli, Antonello da Messina, 2016, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN:9788809991675
  • Antonello da Messina, 2019, Skira, Arte antica. Cataloghi, ISBN: 885723927
  • Antonello da Messina. Ediz. illustrata, 21 marzo 2019, Collana: Skira Masters, EAN: 9788857239286

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 7 maggio 2019.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Antonello da Messina, Salvator mundi, sul sito della National Gallery di Londra.