Il pagamento del tributo di Masaccio

Il Pagamento del tributo di Masaccio raffigura tre momenti della narrazione rappresentati all’interno di una unica scena.

Masaccio, Pagamento del tributo, 1423 – 1428 circa, affresco, 255×598 cm . Firenze, chiesa del Carmine, cappella Brancacci

Descrizione dell’affresco Il pagamento del tributo di Masaccio

Cristo è al centro dell’affresco. È leggermente rivolto a sinistra verso Pietro e con la mano destra indica il lago. Anche Pietro indica verso la stessa direzione mentre guarda Gesù.

Intorno ai due personaggi vi sono gli altri apostoli. Inoltre, un uomo voltato di schiena si rivolge a Gesù portando in avanti la mano sinistra aperta. Sembra chiedere qualcosa. Intanto, con la mano destra indica verso l’ingresso di un’abitazione.

Cristo indossa un’ampia veste rossa e un mantello blu appoggiato sulla spalla sinistra. Pietro, invece, un abito blu e un mantello color arancione. Anche gli altri apostoli indossano lunghe vesti e mantelli. Tutti portano barbe piuttosto folte tranne gli apostoli più giovani come Giovanni. Intorno al loro capo è dipinta una aureola dall’aspetto solido e tridimensionale. Infine, l’uomo che interpella Cristo indossa un abito corto, molto simile ad una tunica.

Il ritrovamento del denaro nel pesce e il pagamento del tributo

A sinistra nuovamente l’apostolo Pietro è chinato verso la sponda del lago. Ha posato il mantello a terra e afferra un grosso pesce.

A destra, Pietro è di fronte all’uomo che parlava a Cristo in centro. L’apostolo consegna qualcosa nella mano destra dell’uomo che si regge su un bastone con la sinistra. A differenza di Cristo e degli apostoli ha un’apparenza più ordinaria e non porta l’aureola. Dietro i due personaggi, inoltre, si intravede un edificio con un porticato d’ingresso e un altro accesso con tre bassi gradini.

Le scene si svolgono nel paesaggio sulla riva del lago e sullo sfondo si alzano alte e massicce montagne.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Interpretazioni e simbologia

Nell’affresco di Masaccio è riprodotto l’episodio narrato nel Nuovo Testamento del pagamento del tributo. La scena, inoltre, racconta tre momenti dell’evento. In centro il gabelliere chiede a Cristo il denaro dovuto per le tasse. Gesù poi indica a Pietro di recarsi presso la riva del lago. Pietro pesca un pesce e nella bocca dell’animale trova il denaro necessario. A sinistra, infine, l’apostolo paga il tributo al gabelliere.

Masaccio inoltre volle inserire un particolare di attualità. Nel 1427 a Firenze fu istituito il catasto che prevedeva una forma di tassazione per i cittadini.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Alessandro Salucci, Masaccio e la cappella Brancacci. Note storiche e teologiche, 2014, Polistampa, EAN: 9788859613923
  • Gloria Fossi, Masaccio. Ediz. illustrata, 6 aprile 2016, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN: 9788809993655

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Masaccio intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Masaccio, Pagamento del tributo, sul sito dei Musei Civici Fiorentini.