Giotto dipinge il ritratto di Dante di Dante Gabriel Rossetti

Giotto dipinge il ritratto di Dante è un acquerello preraffaellita che fa riferimento alla cultura toscana del Trecento.

Dante Gabriel RossettiGiotto dipinge il ritratto di Dante, 1852, acquerello su carta, cm 36,8 x 47. Collezione privata, Andrew Lloyd Webber Collection

Descrizione di Giotto dipinge il ritratto di Dante di Dante Gabriel Rossetti

Il Medioevo fu la fonte d’ispirazione principale per Dante Gabriel Rossetti. Giotto e Dante Alighieri sono infatti i protagonisti di questo dipinto che conferma l’ammirazione dell’artista verso il medioevo italiano. A sinistra l’artista ha dipinto Guido Cavalcanti che recita le poesie di Guido Guinizzelli morto a quel tempo. Dante, poi, è ritratto con un melograno in mano, simbolo dell’immortalità. Giotto è raffigurato mentre ritrae Dante come nell’affresco della Cappella del Podestà nel palazzo del Bargello di Firenze. Accanto all’effige del maestro si trova anche quella di Cimabue. Infine, Beatrice si trova sotto l’impalcatura insieme alle donne in processione.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Il riferimento al Medioevo è una componente essenziale dello stile di Dante Gabriel Rossetti. Infatti come gli altri artisti della confraternita dei preraffaelliti, l’artista si riferisce a questo periodo perché considerato più spiritualmente puro. Il modellato dei personaggi è estremamente realistico, le loro posizioni, invece, fanno riferimento all’eleganza della pittura rinascimentale.

Il rosso domina il cromatismo del dipinto nella tunica di Giotto e nel famoso copricapo di Dante. Le vesti degli altri personaggi, poi, sono scure e contrastano nettamente contro i toni chiari delle architetture.

Lo spazio viene descritto in modo preciso dalle fughe architettoniche e, soprattutto dalla piattaforma sulla quale poggiano i protagonisti.

La composizione presenta un doppio registro. La scena principale, in alto e in basso, a destra, la processione delle donne tra le quali vi è donna Beatrice.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Maria Teresa Benedetti, Preraffaelliti. Ediz. illustrata, De Luca Editori d’Arte Collana: Trenta nove, 2012, EAN: 9788865570531

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 25 dicembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Dante di Dante Gabriel Rossetti intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Dante Gabriel RossettiGiotto dipinge il ritratto di Dante, sul sito del Rossetti Archive.

2 risposte a “Giotto dipinge il ritratto di Dante di Dante Gabriel Rossetti”

I commenti sono chiusi.