Ritratto di Maria Morozzi di Tranquillo Cremona

Il Ritratto di Maria Morozzi di Tranquillo Cremona è un esempio della produzione dell’artista che risente della sua formazione accademica.

Tranquillo Cremona, Ritratto di Maria Morozzi, 1873, olio su tela, 200 x 110 cm. Milano, Galleria d’arte Moderna

Descrizione

Nel Ritratto di Maria Morozzi dipinto da Tranquillo Cremona la protagonista è in piedi al centro dell’opera. La donna è rivolta a destra mentre il viso è ruotato verso l’osservatore. Inoltre, indossa un lungo abito molto elegante. Con la mano destra solleva l’ampio strascico che ricade sull’erba. I capelli scuri sono raccolti in alto e decorati da un fiore bianco. Maria Morozzi si trova all’aperto e posa su di un prato verde. Infine, nel fondo si osservano alcuni alberi con fiori rossi.

I committenti, le collezioni e la storia espositiva

Maria Morozzi destinò il suo ritratto alla Galleria d’Arte Moderna di Milano nel 1937.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto di Maria Morozzi di Tranquillo Cremona

Tranquillo Cremona fu interessato soprattutto alla rappresentazione del corpo umano. Dipinse numerosi ritratti tra i quali il Ritratto di Maria Morozzi del 1873. Nel 1870, con l’opera I cugini, Tranquillo Cremona abbracciò definitivamente la poetica scapigliata. Dal 1872 l’artista realizzò i ritratti considerati più intensi. Il Ritratto di Maria Morozzi come quelli del periodo, presenta una solida impostazione della figura e un sapiente uso dei colori che deriva dalla formazione accademica di Cremona. Inoltre, come per le altre sue opere di figura, il Ritratto di Maria Morozzi evoca una intensa atmosfera psicologica.

La tecnica

Il Ritratto di Maria Morozzi è un dipinto ad olio su tela. La tecnica dell’artista, nel realizzare i ritratti, risente dell pittura accademica appresa nei corsi di Hayez presso Brera. Il colore è steso e sfumato, diversamente, dalle opere Scapigliate di Cremona realizzate con chiazze di colore accostate. Vista la sua predilezione per le figura umana la sua fu una pittura da studio raramente dal vero.

Approfondisci con le altre opere di Tranquillo Cremona intitolate: L’edera, Ritratto di Benedetto Junck, Il falconiere, Una visita alla tomba di Giulietta e Romeo.

Il colore e l’illuminazione

Il ritratto realizzato da Tranquillo Cremona presenta una tonalità calda. Nell’opera non sono presenti forti contrasti se non tra figura e sfondo. Inoltre la luce proviene da destra e dal centro. L’illuminazione è concentrata sulla figura della donna. Il fondo, invece, rimane in ombra.

Lo spazio

Il dipinto che ritrae Maria Morozzi è ambientato in un giardino. Non è presente la prospettiva geometrica. Infatti, è il soggetto in primo piano che con la sua dimensione, suggerisce la distanza dagli alberi dello sfondo.

La composizione e l’inquadratura

L’opera di Tranquillo Cremona è di formato rettangolare e verticale. Inoltre, l’artista utilizzò una classica inquadratura. che pone al centro la figura intera della protagonista.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Tranquillo Cremona, Ritratto di Maria Morozzi, sul sito della Galleria d’arte Moderna di Milano e dei Beni Culturali della Lombardia.