Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino

Il Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino raffigura forse Cassandra Cavalcanti moglie di Pier Antonio Bandini, un noto banchiere fiorentino.

Agnolo Bronzino, Ritratto di gentildonna, 1550 circa, olio su tavola, 109 x 85 cm. Torino, Galleria Sabauda

Indice

Descrizione del Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino

La ricca aristocratica è seduta su una poltroncina il legno con il busto rivolto a sinistra. Il viso invece è orientato verso l’osservatore.

Interpretazioni e simbologia del Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino

Testo in preparazione

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino è esposto alla Galleria Sabauda di Torino.

La storia del Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino

Il Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino è un’opera del maestro manierista del 1550 circa realizzato negli anni della sua piena maturità.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto di gentildonna di Agnolo Bronzino

Agnolo Bronzino nacque nel 1503 a Firenze e dipinse per la corte Granducale di Cosimo I de’ Medici. Fu un artista allievo di Jacopo Pontormo e ottenne importanti commissioni dai nobili del tempo. Bronzino è considerato ad oggi un grande ritrattista e autore di soggetti allegorici e religiosi. Fu un raffinato manierista dallo stile ricercato. I suoi ritratti infatti sono caratterizzati da atmosfere algide e distaccate molto amate dai committenti aristocratici del suo tempo. Le fisionomie inoltre sono realistiche ma idealizzate e rese con un incarnato che ricorda l’avorio.

La tecnica

Il Ritratto di gentildonna della Galleria Sabauda di Torino è un olio su tavola 209 X 85 cm.

Il colore e l’illuminazione

Testo in preparazione

Lo spazio

La gentildonna ritratta dal Bronzino è seduta contro una parete di fronte alla quale scende una tenda decorata strisce che risale alla sua destra. La profondità della scena e quindi limitata alla gentildonna seduta su di una poltroncina e dallo spazio che la distanza dalla parete.

La composizione e l’inquadratura

Testo in preparazione

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Antonio Paolucci, Bronzino. Ediz. illustrata, 2002, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN: 9788809026421
  • C. Falciani, A. Natali, Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici. Catalogo della mostra (Firenze, 24 settembre 2010-23 gennaio 2011), 2010, EAN: 9788874611539
  • Antonio Geremicca, Agnolo Bronzino. «La dotta penna al pennel dotto pari», Universitalia, Collana: Horti Hesperidum. Monografie, 2013, EAN:9788865073407, ISBN:8865073403
  • Agnolo Bronzino: The Muse of Florence, New Academia Publishing, LLC, 2014 EAN:9780991504770, ISBN:0991504771
  • Sefy Hendler, Un mostro grazioso e bello. Bronzino e l’universo burlesco del Nano Morgante., Maschietto Editore, prima edizione edizione, 2016, Collana: Iconologia, ISBN-10: 8863941130 ISBN-13: 978-8863941135

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 29 novembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Agnolo Bronzino intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Agnolo Bronzino, Ritratto di gentildonna, sul sito del Galleria Sabauda di Torino.