Ritratto di Erminia Cairati di Gaetano Previati

Ritratto di Erminia Cairati è un dipinto di Gaetano Previati realizzato nel periodo giovanile dell’artista, vicino agli ambienti della Scapigliatura Milanese.

Gaetano Previati, Ritratto di Erminia Cairati, 1881, olio su tela, 82 x 45.5 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione

Erminia Cairati è la protagonista del ritratto di Gaetano Previati. La giovane è raffigurata frontalmente, con il corpo appena voltato verso destra. Il viso, invece, è orientato verso il fronte del dipinto. Il suo aspetto, poi, è quello di una giovane donna dai lineamenti graziosi. Il viso è vezzosamente inclinato verso destra e lo sguardo rivela un carattere deciso e consapevole della propria bellezza. Erminia Cairati indossa un cappellino decorato e un abito elegante, molto stretto intorno alla vita. Infatti, è possibile notare la fitta legatura che stringe la veste sotto il seno.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni e la storia espositiva

Gerolamo Cairati donò il Ritratto di Erminia Cairati alla Galleria d’Arte Moderna si Milano nel 1930.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Stile il dipinto Ritratto di Erminia Cairati di Gaetano Previati

Gaetano Previati fu un importante esponente del Divisionismo italiano di fine Ottocento. Nel periodo di formazione accademica, a Brera, si cimentò nella pittura storica. Negli anni Ottanta dell’Ottocento, invece, fece parte del gruppo di artisti della Scapigliatura milanese. Vi aderirono, inoltre, Daniele Ranzoni, Tranquillo Cremona, Giuseppe Grandi, Telemaco Signorini e l’amico Luigi Conconi. In questo periodo dipinse alcuni ritratti tra i quali il Ritratto di Erminia Cairati. L’opera presenta le caratteristiche della pittura scapigliata. I volumi sono ben modellati ma la figura della giovane è priva di contorni netti. Nelle opere scapigliate, infatti, gli artisti intendevano evocare intense atmosfere psicologiche piuttosto che disegnare figure dettagliate.

La tecnica

Il ritratto realizzato da Gaetano Previati è un impasto ad olio su tela. Le pennellate dirette creano una resa atmosferica e confondono i contorni della figura.

Il colore e l’illuminazione

Il Ritratto di Erminia Cairati presenta colori tendenti al grigio, sulla figura e nello sfondo. Il cappellino crea una zona d’ombra molto scura che contrasta con le luci dell’ambiente. Inoltre, il tessuto dell’abito è molto chiaro. È poi movimentato dai dettagli scuri che lo decorano. Infine, il corpo è molto illuminato mentre il viso rimane nell’ombra creata dal cappellino.

Approfondisci con le altre opere di Gaetano Previati intitolate: Caravelle pisane, Meriggio, Madonna dei crisantemi, Madonna dei gigli, Ritratto di Luigi Arrigoni, Maternità, Due figure femminili.

Lo spazio

La protagonista è ritratta all’interno di uno spazio indefinito. Inoltre, la sua posizione e l’abbigliamento lasciano ad intendere che si possa trovare all’esterno. Non è indicata la profondità della scena e lo spazio è limitato alla sola figura di Erminia Cairati.

La composizione e l’inquadratura

L’opera di Previati è rettangolare con un forte sviluppo in verticale. La figura della giovane è incorniciata con un taglio molto stretto. Rimane, così, fuori parte della spalla sinistra. Il busto è orientato in obliquo a partire dal basso a destra.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Gaetano Previati, Ritratto di Erminia Cairati, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.