Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli del Piccio

Il Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli del Piccio è un’opera che rappresenta la protagonista in una dimensione domestica e intima.

Piccio (Giovanni Carnovali), Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli, 1867-1868, olio su tela, 59 x 50 cm. Milano, Pinacoteca di Brera

Qui trovi l’immagine dell’opera, vai al sito della del Museo

Indice

Descrizione del Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli del Piccio

La protagonista del ritratto è seduta con il busto di tre quarti. Il viso invece è frontale e leggermente inclinato verso destra in basso. La donna indossa un abito sobrio dai toni chiari. Solamente un semplice gioiello è appuntato sul colletto. Benedetta Carminati Chisoli ha un viso rotondo e un leggero rossore sulle guance. La sua espressione è serena e dolce. Inoltre i capelli sono raccolti con un’acconciatura castigata. Lo sfondo non presenta dettagli ambientali.

Interpretazioni e simbologia del Ritratto di Benedetta Carminati

Il Piccio rappresentò Benedetta Carminati Chisoli con un taglio intimo e domestico, lontano da toni celebrativi.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2022-2023

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il ritratto realizzato dal Piccio giunse nella Pinacoteca di Brera negli anni Trenta del Novecento. Furono i membri dell’Associazione amici di Brera a donare l’opera al museo.

L’artista e la società. La storia del Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli del Piccio

Il Piccio dipinse l’opera intorno al 1867-68. All’epoca l’artista era un famoso ritrattista e aveva circa 63 anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli del Piccio

L’artista nella sua maturità utilizzò pennellate scomposte e una pittura apparentemente priva di struttura. Il Piccio era anticonformista e fu un ispiratore della pittura scapigliata di Tranquillo Cremona e Daniele Ranzoni e simbolista.

La tecnica

Piccio dipinse il ritratto con colori ad olio su una tela di 59 x 50 cm.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto presenta una dominante di toni caldi e ocra nello sfondo. L’incarnato inoltre è dipinto con toni accesi mentre sull’abito i colori sono più spenti e grigi. L’illuminazione diffusa e frontale non crea ombre particolarmente evidenti sulla figura.

Lo spazio

La protagonista posa in uno spazio chiuso ma non è possibile identificarne la tipologia. Infatti dietro la donna è visibile una superficie uniforme che potrebbe essere una parete.

La composizione e l’inquadratura

Il ritratto è di forma rettangolare e orientato in verticale. L’inquadratura infine taglia lateralmente la figura della donna suggerendo una ripresa fotografica.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • AA.VV., Brera, guida alla pinacoteca, Electa, Milano 2004. ISBN 978-88-370-2835-0

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 3 agosto 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Piccio (Giovanni Carnovali) intitolate:

  • Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Piccio (Giovanni Carnovali), Ritratto di Benedetta Carminati Chisoli, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.

Grazie per aver consultato ADO

Le immagini pubblicate su ADO sono state prodotte in proprio e quindi sono di proprietà dell’autore.

ADO content