Ritratto della moglie di Vittorio Matteo Corcos

Il Ritratto della moglie di Vittorio Matteo Corcos raffigura Emma Ciabatti sposata dell’artista nel 1889 in seguito al suo soggiorno a Parigi.

Vittorio Matteo Corcos, Ritratto della moglie, 1889?, olio su tela, 72 x 56 cm. Livorno, Museo Civico Giovanni Fattori

Indice

Descrizione del Ritratto della moglie di Vittorio Matteo Corcos

Il volto di Emma Ciabatti è quello di una giovane donna. La protagonista del ritratto indossa una mantellina dal collo alto. Il tessuto verde a doppia balza è bordato da una pelliccia nera. Sul capo infine Emma porta un elegante cappello scuro decorato con una piuma e una spilla dorata. Emma Ciabatti ha un viso attraente e occhi profondi puntati verso l’osservatore del dipinto.

La moglie di Corcos era una donna di grande cultura. Emma Ciabatti infatti scriveva e frequentava molti intellettuali dell’epoca scambiando con loro carteggi come con Giovanni Pascoli.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il ritratto giunse al Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno grazie alla donazione di Memmi Strozzi Corcos nel 1965. Il Ritratto di Emma Ciabatti rimase per oltre 70 anni presso la famiglia.

Vittorio Corcos conobbe Emma Ciabatti nel 1889, all’età di trent’anni, a Livorno. L’artista era tornato da 3 anni dal suo soggiorno a Parigi per assolvere al servizio militare. La donna, colta e raffinata, di 29 anni era vedova di Giacomo Rotignano e madre di tre figli. Dopo pochi mesi, il 29 novembre 1889, Corcos sposò Emma Ciabatti e con lei si trasferì a Firenze. La coppia ebbe tre figli.

Nel 1889 la buona società di Livorno apprezzava Corcos come un abile ritrattista mondano e per la capacità  di rappresentare la modernità. Inoltre l’artista sapeva interpretare la figura femminile con tratti sensuali e raffinati come già avveniva nell’ambiente parigino dell’epoca.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto della moglie di Vittorio Matteo Corcos

Nel Ritratto della moglie Corcos si concentrò sulla fisionomia della donna senza interpretare la sua figura con caratteristiche di frivola mondanità.

L’opera presenta una accurata descrizione dei particolari. Inoltre la tessitura sottile delle pennellate fini descrive le superfici nel dettaglio. Così si distingue chiaramente la consistenza dei tessuti della mantellina e del cappello.

Il fondo del dipinto è scuro e mette in evidenza il viso illuminato della donna.

Articolo correlato

La famiglia Cappiello di Leonetto Cappiello

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • I. Taddei, F. Mazzocca, C. Sisi, Corcos. I sogni della Belle Époque. Catalogo della mostra (Padova, 6 settembre-14 dicembre 2014), Marsilio, 2014, EAN: 9788831717496
  • Fernando Mazzocca, Corcos, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2014, EAN: 9788809995338
  • Carlo Sisi, Vittorio Corcos. L’avventura sguardo. Catalogo della mostra (Torino, 2 ottobre 2019-16 febbraio 2020), 2019, EAN: 9788836644582

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 27 febbraio 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Vittorio Matteo Corcos intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Vittorio Matteo Corcos

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Vittorio Matteo Corcos, Ritratto della moglie, sul sito della Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera