Ritratto della cantante Giuditta Pasta di Giuseppe Molteni

Il Ritratto della cantante Giuditta Pasta di Giuseppe Molteni raffigura una celebre interprete del primo Ottocento nei panni della protagonista di un’opera.

Giuseppe Molteni, Ritratto della cantante Giuditta Pasta nel costume di scena di “Nina o sia la pazza per amore”, 1829, olio su tela, cm 114 x 95. Milano, Pinacoteca di Brera

Indice

Descrizione del Ritratto della cantante Giuditta Pasta di Giuseppe Molteni

La celebre interprete Giuditta Pasta è seduta tra la vegetazione di un giardino. La cantante indossa un elegante e raffinato abito chiaro che lascia scoperto il décolleté della giovane. Il suo viso dai tratti regolari è impreziosito inoltre da lunghi capelli scuri raccolti da una acconciatura sulla nuca e cadenti in avanti. Nella la mano sinistra stringe un mazzolino di fiori colorati poggiati sulle gambe mentre con la destra si appoggia ad un sostegno naturale. Inoltre porta un fiore tra i capelli e due semplici gioielli. Infine la circonda un paesaggio lacustre con uno zampognaro che suona sulla destra.

Interpretazioni e simbologia del Ritratto della cantante Giuditta Pasta di Giuseppe Molteni

Giuditta Pasta era una famosa soprano del primo Ottocento. Nel dipinto di Giuseppe Molteni la cantante è raffigurata come Nina, la protagonista del dramma semiserio di Paisiello.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Ritratto di Giuditta Pasta è esposto presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

La storia del Ritratto della cantante Giuditta Pasta di Giuseppe Molteni

Giuseppe Molteni era un restauratore. Inoltre era un valido esperto di arte antica. Per questo fu un importante concorrente di Francesco Hayez nella riproduzione di scene storiche. Infatti era molto apprezzata dalla committenza la sua capacità di riprodurre arredi, abiti e gioielli. I due artisti inoltre si contendevano l’apprezzamento del pubblico in occasione delle esposizioni di Brera.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto della cantante Giuditta Pasta di Giuseppe Molteni

Giuseppe Molteni curava attentamente il disegno e la riproduzione dei particolari. Era considerato infatti un ritrattista di ambito romantico, elegante e raffinato. Inoltre la sua conoscenza dell’antichità gli permetteva di raffigurare in modo preciso i dettagli che caratterizzano il personaggio. L’artista realizzava poi anche in modo attento le fisionomie e trasformava il volto dei modelli in modo regolare e aggraziato.

La tecnica

Il dipinto di Molteni è un olio su tela dalle dimensioni di 114 x 95 cm.

Il colore e l’illuminazione

Il Ritratto di Giuditta Pasta presenta tonalità calde e chiare in primo piano. Il paesaggio di fondo invece ha colori meno saturi mentre il cielo è azzurro e quindi più freddo. La figura della cantante spicca tra la vegetazione grazie al contrasto di luminosità che mette in risalto l’abito e l’incarnato della protagonista.

Lo spazio

La giovane si trova all’esterno su di un terrazzo naturale che si affaccia sul lago. Il paesaggio si apprezza in lontananza grazie alle variazioni cromatiche. Infatti le montagne sul fondo presentano toni grigi e molto chiari. Anche il confronto tre le dimensioni della giovane e del musicista rende il passaggio tra i piani in profondità.

La composizione e l’inquadratura

Il ritratto realizzato da Giuseppe Molteni è di forma rettangolare con inquadratura verticale. La figura della giovane è poi circondata da un’ampia fascia di vegetazione scura che la mette in risalto e la isola dallo spazio espositivo. La struttura compositiva si avvale di linee oblique che si incrociano in corrispondenza del centro del dipinto.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • M. Ceriana, V. Maderna, C. Quattrini, Brera mai vista – Una virtuosa del bel canto ritratta da Giuseppe Molteni: Giuditta Pasta in «Nina o sia la pazza per amore», Mondadori Electa, 19 marzo 2004, EAN: 9788837028367

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 14 luglio 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Giuseppe Molteni intitolate:

  • Ritratto della cantante Giuditta Pasta

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giuseppe Molteni, Ritratto della cantante Giuditta Pasta nel costume di scena di “Nina o sia la pazza per amore”, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.