Ritratto del torero Pedro Romero di Francisco Goya

Il Ritratto del torero Pedro Romero di Francisco Goya raffigura un personaggio molto ammirato dall’artista che fu un appassionato della corrida.

Francisco Goya, Ritratto del torero Pedro Romero, 1798, olio su tela, 84,1 x 65 cm. Texas, Fort Worth, Kimbell Art Museum

Indice

Descrizione del Ritratto del torero Pedro Romero di Francisco Goya

Il torero Pedro Romero ritratto da Francisco Goya è raffigurato in piedi, appoggiato con il braccio destro su un piano coperto da un panno scuro. Romero indossa il costume tipico della corrida durante la quale affronta il toro nell’arena.

Interpretazioni e simbologia del Ritratto del torero Pedro Romero di Francisco Goya

Francisco Goya aveva una grande ammirazione per il torero Pedro Romero. Infatti si schierò dalla sua parte nella rivalità che oppose Romero al torero Costillares.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

La famiglia di Goya conservò il dipinto fino al 1812 quando viene documentato nella collezione della vedova Vera di Siviglia. Il ritratto passò così per diverse mani fino al 1966 quando Arthur Sachs di New York lo acquistò per la Kimbell Foundation.

La storia del Ritratto del torero Pedro Romero di Francisco Goya

L’artista spagnolo era molto impegnato nei ritratti di corte ma nutriva una grande passione verso il mondo della corrida. Goya dipinse il ritratto di Pedro Romero tra il 1795 e il 1798. Realizzò anche una serie di incisioni molto apprezzate da artisti successivi intitolata “Tauromachia”.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto del torero Pedro Romero di Francisco Goya

Francisco Goya fu un noto ritrattista che operò presso la corte spagnola. L’artista fu attratto dagli ideali illuministi, della pittura neoclassica, e nello stesso tempo, da impulsi romantici. Fu consapevole della propria contraddizione e cercò di mediare tra la freddezza delle immagini neoclassiche con lo studio della pittura dal vero. La sua pittura fu di ispirazione agli artisti romantici e realisti.

La tecnica

Il Ritratto del torero è un olio su tela.

Il colore e l’illuminazione

La figura del torero è dipinta con toni caldi. Il dipinto è tendenzialmente scuro mentre il protagonista indossa abiti con tessuti dai colori contrastanti. Infine le parte più chiare e illuminate sono il viso, il fazzoletto bianco, il risvolto del mantello e la mano destra rivolta verso il basso.

Lo spazio

Il dipinto è ambientato all’interno di uno spazio indefinito. Infatti il torero Pedro Romero è avvolto da un fondo scuro e grigio privo di dettagli.

La composizione e l’inquadratura

Il Ritratto è rettangolare con inquadratura verticale che pone il torero al centro di un ampio fondo scuro che isola la figura dall’ambiente circostante.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Francisco Calvo Serraller, Goya. L’opera pittorica, 25 novembre 2008, Mondadori Electa Collana: Mondadori Arte, EAN: 9788837068028
  • Maurizia Tazartes, Goya, 8 febbraio 2017, 8 febbraio 2017, Giunti Editore Collana: Dossier d’art, EAN: 9788809991545

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 7 marzo 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Francisco Goya intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Francisco Goya, Ritratto del torero Pedro Romero, sul sito del Kimbell Art Museum di Fort Worth.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera